BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nuova truffa “del pongo” per simulare un incidente in auto e chiedere soldi

E' stata soprannominata "truffa del pongo" il nuovo raggiro che prende di mira gli automobilisti bergamaschi, e non solo. Un trucco semplice e allo stesso tempo redditizio per i malviventi.

E’ stata soprannominata "truffa del pongo" il nuovo raggiro che prende di mira gli automobilisti bergamaschi, e non solo. Un trucco semplice e allo stesso tempo redditizio per i malviventi.

Un uomo è alla guida della propria auto, quando accenna a un sorpasso. Superata la vettura davanti a lui, un colpo secco, come se la fiancata fosse stata colpita da una pietra. Quindi l’automobile che ci si è appena lasciati alle spalle accende le quattro frecce e accosta. Quando il guidatore della macchina che ha effettuato il sorpasso accosta per verificare eventuali danni, la truffa è già scattata.

I criminali si avvicinano spiegando che in fase di sorpasso la portiera dell’auto si è aperta e ha urtato, danneggiandola, la vettura che è stata superata. Effettivamente, controllando, sullo sportello si può notare una striscia bianca di una cinquantina di centimetri.

Quella però che sembra la più classica delle "strisciate" è in realtà una semplicissima pallina di pongo scagliata contro la fiancata della macchina. Ovviamente, la truffa prosegue con la richiesta di constatazione amichevole, o – peggio ancora – la proposta di un accomodamento "amichevole" che eviti di passare per l’assicurazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marco

    in questi casi, mai dare soldi, ma fare la costatazione ( senza ammettere la responsabilità) e denuncia alla propria assicurazione (in questo caso si hanno i documenti con tutti i dati macchina e persona ) e dire alla propia assicurazione che per te si tratta di truffa
    Comunque questo articolo è messo giù da un principiante senza nessuna nozione di come possono fare veramente ( pongo..specchietto etc etc )

  2. Scritto da Gaetano Bresci

    comunque definirli “criminali” mi sembra esagerato, le parole hanno senso se opportunamente usate.

  3. Scritto da Nemo

    Ma avete mai provato ad aprire una portiera di un’auto che va a 70/90 km/h? Credetemi…non è facile….quindi che si sblocchi……non so come ma potrebbe succedere….ma che si apra a tal punto da toccare un auto di lato….è fantascienza.

  4. Scritto da Sère

    Occhio volponi! Questi truffatori, ancor prima di avviare la sceneggiata, si scelgono il pubblico che diventerà pagante. Quindi, se notano gente che possa apparire sveglia come “il naggio” e “ugo” (?), evitano, preferendo puntare sul vecchietto alla guida col cappello o sulla scìura Maria.

  5. Scritto da ugo

    Ma va là dai questi sono trucchi? Ma dove sono stati inventati? Meglio non commentare potrei offendere. Dai bergamasch fi et che si mia SCE ignoranc come lur!

  6. Scritto da il naggio

    Certo che farsi truffare da qualcuno che sostiene che si sia aperta la portiera in marcia……….