BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gioia doppia per il sindaco Casati: record alla festa del Moscato e matrimonio

La festa del Moscato di Scanzo si è conclusa domenica 7 settembre registrando un nuovo record di partecipazione e di numeri. Il sindaco Davide Casati è entusiasta: “È una grande soddisfazione, ringrazio tutti quanti hanno collaborato per la buona riuscita dell’iniziativa”. E per lui è gioia doppia, perché si appresta a compiere un importante passo nella sua vita privata: venerdì 12 settembre, infatti, si sposa.

La festa del Moscato di Scanzo si è conclusa domenica 7 settembre registrando un nuovo record di partecipazione e di numeri. Più precisamente, quest’anno si è raggiunto quota 30 mila visitatori, registrando un incremento del 30 % rispetto allo scorso anno.

È la conferma di un’ulteriore crescita e di un radicamento sempre più forte di “Strada del Moscato di Scanzo e dei sapori scanzesi”. Il sindaco Davide Casati è entusiasta: “Questi giorni mi hanno lasciato molta emozione e felicità. È una grande soddisfazione: abbiamo raggiunto ottimi risultati, che non sono solamente merito del sindaco, responsabile dell’iniziativa, ma di tutti i cittadini che hanno lavorato per la realizzazione della manifestazione. C’è stato un gruppo coeso e unito, una grande comunità, che ci fa sentire ancora più orgogliosi di essere scanzesi”.

L’organizzazione della kermesse ha visto l’impegno di parecchie persone. Casati prosegue: “Ringrazio in modo particolare i 250 volontari che hanno collaborato alla festa del Moscato e le 30 associazioni del territorio che ne sono state protagoniste. E poi tutti i componenti dell’amministrazione comunale, i nuovi consiglieri comunali, l’assessore alla promozione del territorio Angela Vitali, che ha dedicato grande passione per preparare l’evento, il mio predecessore, l’ex sindaco Massimiliano Alborghetti, che non ha fatto mancare il suo apporto, e la protezione civile, come sempre presente e pronta a dare il proprio contributo. Ora lavoreremo per mantenere questi risultati importanti, anche in vista di Expo 2015: predisporremo progetti per rendere l’esposizione universale un’opportunità concreta per il nostro territorio”.

Nella quattro giorni ci sono stati diversi i momenti belli. Tra questi, il sindaco di Scanzorosciate ne ricorda soprattutto due: “Sicuramente il palio, un momento forte di aggregazione cui prendono parte numerosi bambini con le rispettive famiglie, divertendosi moltissimo, e il concerto de “I due mondi”, nella serata di sabato 6 settembre, in memoria di Lucio Battisti, che ha commosso tanti visitatori e che ha trasmesso emozioni intense”. Tra i brani scritti e cantati da questo celebre cantautore ci sono diverse famose canzoni d’amore. Amore che, per il sindaco Casati rappresenta un altro motivo di gioia. Infatti, venerdì 12 settembre, è un giorno importante per la sua vita privata: si è sposato con la fidanzata Ilaria. Ed è gioia doppia.

Paolo Ghisleni

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da asperti michele

    Ben vengano queste iniziative e bravi gli amministratori di Scanzorosciate a organizzare e coordinare il tutto .
    Poi le critiche, che si poteva fare diversamente, lasciano il tempo che trovano.
    La stampa locale non si è risparmiata a pubblicizzare l’ evento, il fatto di avere simpatie per la parte politica aiuta ed in questo caso è stata buona cosa .
    Sarebbe bello se si usasse la stessa attenzione anche chi ha idee politiche opposte .

  2. Scritto da Andrea

    Concordo con Scanzese, gran parte di questo successo è dovuto a Bendinelli, colui che si è battuto per creare un consorzio di tutela e che ha puntato all’etichetta DOC prima e DOCG poi, ovvero al riconoscimento dell’eccelenza del Moscato di Scanzo; senza queste premesse la festa omonima sarebbe stata alla stregua della “sagra del tavernello”.
    Casati, complimenti per la grinta e auguri!

  3. Scritto da Scanzese

    Nonostante una ingiustificata sovraesposizione di Casati e del predecessore, questi due non hanno avuto una mezza parola di ricordo nel corso di varie interviste per l’avv. Bendinelli, recentemente mancato, colui che ha dato dignità al Moscato e reso possibile avere un evento come quello dei giorni scorsi.
    Detto questo, le frotte di gente si vedono in tutte le feste di paese e notti bianche in giro per la provincia quindi non c’è nulla di cui stupirsi.

  4. Scritto da Luigi

    Ma che vuol dire “tanta partecipazione”… è una sagra! in termini economici cosa vuol dire? come si è sviluppato il marchio? ah, e tanta fortuna con Ilaria!!

    1. Scritto da Santo Bevitore

      E’ proprio quello che intendevo sottolineare, stile Renzi e l’annuncite vuota di contenuti….. Cose ovvie ma che non risollevano la situazione lavorativa ed economica (a parte -essendo una sagra- probabilmente il vettovagliamento locale e temporaneo). Auguri per il matrimonio anche da parte mia.

  5. Scritto da Santo Bevitore

    La gente gira, dove l’ingresso è gratuito….. Dopo un’estate di pioggia, escono a all’aria aperta perché ne hanno bisogno e costa meno di una vacanza. Quanti hanno comprato? Il sindaco, è per caso del pd, dove fanno i selfie spiritosi col gelato, sbeffeggiano la crisi, mentre i cittadini in difficoltà, (non fortunati appartenenti di associazioni) si suicidano?

    1. Scritto da memoria corta

      Lei invece è per caso un elettore di Forza Italia o della Lega? No perché forse non si ricorda già più del Silvio che diceva che la crisi non esisteva e lui andava sempre al ristorante e lo vedeva pieno di gente…. Diceva spendete che bisogna far girare l’economia…. Tutto questo al primo anno di inizio della crisi…. Ciao bauscia!

      1. Scritto da Santo Bevitore

        Ma da allora ad oggi, nonostante anni di tachipirina (governi PD), la febbre continua a salire (debito pubblico e disoccupazione)… Forse va cambiata cura… basta annuncite. La cura consiste nello scontentare fortemente gli amici della macchina pubblica con tagli ai privilegi e controlli sulla produttività, quindi perdere consenso e voti…. Proprio interessati al bene del Paese…