BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La sorella di Bossetti: “Massimo è innocente sono convinta al 100%”

Laura Letizia Bossetti, gemella di Massimo Giuseppe, il carpentiere 44enne in carcere con l'accusa di aver assassinato Yara Gambirasio, non ha dubbi: "Massimo è innocente. Quando siamo andati a trovarlo la prima volta, guardandolo negli occhi, sono la sua sincerità ed emozioni. Gli ho chiesto se fosse stato lui e dal suo sguardo abbiamo capito che è assolutamente innocente: questo omicidio mio fratello non l’ha commesso".

"Quello che mi ha fatto soffrire di più, quando siamo andati a trovarlo la prima volta, guardandolo negli occhi, sono la sua sincerità ed emozioni. Gli ho chiesto se fosse stato lui e dal suo sguardo abbiamo capito che è assolutamente innocente: questo omicidio mio fratello non l’ha commesso". Sono le parole di Laura Letizia Bossetti, la sorella gemella di Massimo Giuseppe, il carpentiere 44enne di Mapello, unico indagato per il delitto di Yara Gambirasio, che si è concessa ai microfoni di “Quarto Grado”, il programma di Retequattro condotto da Luigi Nuzzi.

Laura Letizia rimarca: "Mio fratello non c’entra ed è innocente al 100%". Poi racconta: "Massimo trova la forza per andare avanti, in noi, nella sua innocenza, nei figli, nella moglie e tantissimo nella fede", spiega la sorella.

"Trascorre le giornate guardando la tv, leggendo riviste, per seguire – giustamente – la sua vicenda, e si è attaccato tantissimo al cappellano del carcere Don Fausto Resmini". "Siamo tutti pensierosi e risentiti e ci dispiace tantissimo per quello che è successo a mio fratello gemello. Siamo nati da due placente diverse, ma le sensazioni ci sono sempre. Ciò che soffre lui, soffro anch’io. Tantissimo" prosegue la sorella gemella.

"Dna o non dna, siamo figli di Bossetti Giovanni e Arzuffi Ester. Se vede Nicolas, mio nipote, è identico a Giovanni Bossetti". "Mio papà è malato terminale e mia mamma è nella stessa situazione in cui stiamo tutti: è molto risentita", conclude la sorella di Massimo Bossetti. "Speriamo che questa vicenda finisca al più presto".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.