BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Aeroporto, i Comitati: “Clamorosa indifferenza dopo i dati Arpa”

Il Coordinamento dei comitati aeroportuali di Bergamo, Seriate, Bagnatica e Grassobbio, preso atto dei dati di Arpa sull'inquinamento acustico per l'aeroporto di Orio al Serio in una lettera rivolge alcune domande alle istituzioni.

Il Coordinamento dei comitati aeroportuali di Bergamo, Seriate, Bagnatica e Grassobbio, preso atto dei dati di Arpa sull’inquinamento acustico per l’aeroporto di Orio al Serio in una lettera rivolge alcune domande alle istituzioni. Ecco il testo integrale.

 

Clamore davanti all’evidenza e indifferenza verso il clamoroso, niente di nuovo sotto il sole quando si parla dell’aeroporto di Bergamo. Rispetto ai dati diffusi da Arpa sull’inquinamento acustico causato dal Caravaggio viene spontanea una domanda: che la chiusura dello scalo avrebbe abbassato i livelli di inquinamento era davvero così imprevedibile e inaspettato? Al contrario, merita tutta questa risonanza e considerazione l’ipotesi (formulata davvero con tempismo…) di impiego di qualche aeromobile meno rumoroso a partire dall’ormai “prossimo” 2017?

Il paziente è gravemente malato e noi ci vantiamo di iniziare la cura tra 3 anni? Complimenti a Bergamo per il cambio di passo!

Finalmente Arpa attesta, numeri alla mano, l’invasività dell’attività dello scalo, usando valori compatibili e coerenti con quanto previsto dai Piani acustici comunali: non ci sono solo gli aerei, certo, ma è il loro passaggio a far esplodere il rumore a livelli incompatibili con una qualità della vita accettabile. E’ già iniziata la filastrocca dei distinguo, ma i numeri sono inequivocabili. Non solo, ma per la prima volta viene estrapolata e fornita la componente notturna del rumore, e come volevasi dimostrare vengono superati quei 60 db oltre i quali l’attività notturna non è consentita. A questo punto ci chiediamo:

 Cosa aspetteranno ancora i sindaci, prima di assumere posizioni ferme a difesa del loro territorio?

 Cosa esigerà l’Asl davanti all’evidente rischio per la salute dei cittadini?

 Come potrà la Procura continuare ad archiviare istanze sacrosante sollevate dai cittadini, rispetto, ad esempio, all’illegittimità dei voli notturni?

Da semplici cittadini ci rivolgiamo alle nostre Istituzioni, sempre con rispetto. A loro spetta dare delle risposte concrete ed efficaci; sempre che, dei loro cittadini, abbiano rispetto.

Il Coordinamento dei comitati aeroportuali di Bergamo, Seriate, Bagnatica e Grassobbio

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da stefano

    E’ il dio denaro, che offusca istituzioni e organi di controllo….siamo in Italia dopotutto no?

  2. Scritto da Guido

    Chi è vicino a fabbriche si lamenta, chi è vicino ad allevamenti si lamenta ecc. certo la gestione del territorio è stata assurda a partire dagli anni 60. Ma ha fatto comodo a chi trasformava terreni agricoli in edificabili, ha fatto e fa comodo ai comuni che introitano oneri. In Italia si è individualisti e non lungimiranti e oggi le paghiamo tutte. Poveri i ragazzini di oggi, speriamo che formino anche loro un partito così succhieranno soldi se ne sono rimasti ancora.

  3. Scritto da mao

    Ma finitela di raccontare scemenze ma quanti sono i voli notturni,quanti lo dovete dire se terminano alle 23,forse cè un air marocco che arriva o parte alle 3 di notte,ok non va bene ma se si dorme non si sente,smettetela lagnosi ci lavorano migliaia di persone pagateglielo voi lo stipendio,siete degli ignoranti.per inciso abito vicinissimo al Caravaggio.Nessuno di voi prende l’aereo

    1. Scritto da gigi

      Il parente di Mao tse Tung che insulta le persone senza conoscere i dati. Gli aerei che volano di notte (dalle 23 alle 6 – ma in Europa vale dalle 22) sono almeno 16 (Cargo, Courier e Charter più tutti quelli in ritardo sistematico).Le persone che lavorano fissi in aeroporto sono poco più di trecento, e stanno diminuendo con l’incremento dei voli. Se spostano qualcuno a Montichiari (non in Romania) non succede nulla, Lei certamente non abita vicino allo scalo o è sordo.

      1. Scritto da ciu-en-lai

        Lei sta dicendo una castroneria ultima partenza di oggi 22,25 e arrivo 23,40, ieri l’ultimo arrivo era alle 23,i cargo partono quasi esclusivamente il mattino,e anche se fosse che partono di notte significa che Bergamo,la Lombardia hanno merci da immettere sul mercato,le persone che ci lavorano sono circa 3000,e io abito ad Azzano.

        1. Scritto da aris

          per ciula-el-lai. E’ vero sei sordo ma non lo sai. Proprio adesso (sono le 23.40) sta partendo uno dei vari aerei notturni: ce ne sono anche dopo le 24,00). Ed anche di notte, all’ una o due. Alla mattina cominciano alle 6,00. Tutti gli aerei svegliano chi ha un sonno normale: tu che prendi il sonnifero forse dormi anche coi fuochi artificiali sotto casa. E senza contare inquinamento ambientale ed acustico (quando sei sveglio) che lentamente rende sordi: vero? te ne sei accorto?

        2. Scritto da gigi

          da Mao a Cui-en-lai di male in peggio. Lei è capace solo di offendere, parlando di castronerie e poi ammette che partono di notte, Certo lei da Azzano non li sente ma venga a Cassinone, a Grassobbio, a Orio, a Campagnola…Sul numero dei dipendenti si guardi il Bilancio SACBO e vedrà chi racconta castronerie…La Lombardia può “immettere” merci anche partendo da Montichiari. A Francoforte hanno chiuso ai voli notturni e mi pare che la Germania le “immetta” lo stesso…

  4. Scritto da Stefano Magnone

    La questione è complessa perché da affrontare su più fronti. Certo chiudere l’aeroporto farebbe la gioia di tutti i detrattori, ma la cosa non è possibile. Situazioni così croniche si curano nel tempo, difficile applicare soluzioni chirurgiche radicali. Limitazioni ai voli notturni, eliminazione degli aerei più rumorosi, opere di mitigazione vanno rese operative e stringenti. Una cosa è certa: non esistono soluzioni veloci o facili.

    1. Scritto da usiamo il cervello

      Ma chi ha mai parlato di chiudere l’aeroporto? Chi sono i “detrattori dell’aeroporto”? Il problema è uno solo, scritto a caratteri cubitali: IL RISPETTO DELLE LEGGI (sui voli notturni, sul superamento dei limiti previsti dal VIA, sulla zonizzazione acustica etc.). Le soluzioni sono facili e veloci se si vuole applicarle; c’è un solo fronte: bisogna decidere se si sta dalla parte della legge o si tutelano gli interessi economici di pochi. Gori da che parte sta?

    2. Scritto da ru

      Sermone del sabato? (porta)Voce di Gori? accolitismo da desktop? mistero della fede…fatti, fatti, servono quelli che fin ora ha fatto Sacbo e Ryanair SOLO PRO DOMO SUA. Grazie

  5. Scritto da Paolo

    Bergamonews, io non ho visto i dati, riportati da alcuni giorni su altri quotidiani. Mi sono perso un’articolo? Infine leggendo i dati da ignorante non mi pare che il traffico aereo incida pesantemente, le varie zone risultano già abbastanza rumorose. Infatti la lettera da voi riportata in non lo nega. Usa infatti l’allocuzione “far esplodere”. I dati dimostrano un aumento oscillante tra i 5 ed i 10 db. Forse non è solo merito dell’areoporto?

  6. Scritto da clap clap

    Ecco, dopo le PAROLA sui “nuovi aerei 2017, questo SILENZIO è molto più ELOQUENTE. Nulla da dire in merito, Sacbo? Ryanair sindaco? Tutto bene così? Cioè CHISSENEFREGA?

    1. Scritto da tex

      ma loro parlano, siete voi che non capite !

      1. Scritto da xettex

        …mah a me sembra che capiamo fin troppo. Del resto è sempre lo stesso motivato. Lei non l’ha capito? Molti, moltissimi si: basta vivere in certe zone. VIVERE, perché sopravvivere vale quando si è in guerra. Se ha bisogno di chiarimenti non occorre spiegare molto, basta stare qualche ora tra Colognola, Azzano etc etc…forza, PREGO!!!

  7. Scritto da mario

    se non erro alcuni mesi fa la procura di bergamo ha archiviato l’esposto presentato da un centinaio di cittadini di colognola.della seria, la giustizia e’ uguale per tutti……

    1. Scritto da tex

      un centinaio di cittadini non possono imporre la loro volontà ………. e a prescindere dai numer ( sempre gonfiati ) vuol dire che l’esposto era ridicolo

      1. Scritto da gigi

        Imporre la loro volontà??? Forse le è sfuggito che il TAR ha bocciato la zonizzazione acustica farlocca, che il MINISTERO DEI TRASPORTI ha detto che i VOLI NOTTURNI NON SONO AUTORIZZATIi, che una Conferenza di Servizi con Ministeri Regione, Provincia, SACBO, etc. ha fissato dei limiti si sviluppo che sono ignorati (SIAMO AL DOPPIO) che mancano tutti gli studi ambientali previsti dal VIA per avere l’autorizzazione etc. Chi è che impone la volontà?

    2. Scritto da Iram

      Sbaglierò ma Lei non vive sotto il quotidiano cherosene elargito a piene mani da Sacbo e soci. Se non pensar altro…

  8. Scritto da tex

    ma sti comitatoni chi rappresentano NUMERICAMENTE ????? datr un pò di numeri non solo parole. TEX PRESIDENTE DEL COMITATO REALE DELLA BERGAMASCA

    1. Scritto da kit carson

      Tex (Willer) una volta era quello che faceva rispettare la legge (con le buone o con le cattive). Lei invece è il rappresentante degli Anarchici che possono fare quello che vogliono solo perchè hanno i soldi, ignorando le leggi e sulla pelle delle persone. Le auguro solo di avere lo stesso tumore che ho io (regalo dell’aeroporto secondo il primario di oncologia). Auguri vivissimi…

    2. Scritto da vola vola

      Presidente de che? numericamente che comitato è il suo? Digitazione web a farfalla?….

    3. Scritto da mario

      i cittadini rappresentati dai comitati di bergamo e hinterland superano i 40.000ripeto quarantamila persone che rivendicano i loro diritti.foss’anche uno solo la legge ha il dovere di tutelarlo in uno stato di diritto quale dovrebbe essere il nostro.

  9. Scritto da bob

    Per forza! I dati dell’arpa dimostrano solo che in una data zona c’è un rumore di poco più al di sopra del limite consentito, ma non dice da dove viene. A corollario di ciò, posso dire che se la notte i voli si sentono di più, vuol dire che di giorno ci sono altri rumori: autostrada, camion, schiamazzi, radio e televisioni e che ne so io…