BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sì alle ferie solidali per aiutare chi ha un figlio malato

Una novità finalmente positiva e degna di un Paese civile: in Italia si potranno utilizzare le "ferie solidali" per consentire a chi ha un figlio minorenne malato di stargli vicino anche se ha concluso il proprio "pacchetto" di giornate di riposo.

Più informazioni su

Una novità finalmente positiva e degna di un Paese civile: in Italia si potranno utilizzare le "ferie solidali" per consentire a chi ha un figlio minorenne malato di stargli vicino anche se ha concluso il proprio "pacchetto" di giornate di riposo.

Tra colleghi sarà dunque possibile donarsi i giorni di riposo in più, eccedenti quelli previsti dal contratto nazionale.

Obiettivo della norma, prevista da un emendamento al ddl delega sul lavoro, il Jobs Act, approvato in commissione Lavoro al Senato, è proprio quello di sostenere chi ha un figlio malato.

La norma è ispirata alla Legge Mathis, approvata a maggio dal Senato francese dopo la morte di un bambino malato di tumore, Mathis Germain, il cui padre ha ottenuto in dono dai colleghi giorni di permesso retribuito per potergli stare vicino fino alla fine.

A maggio un caso simile, come raccontato da Il Tirreno, si è verificato in Toscana, nell’azienda di trasporto pubblico delle province di Pisa, Livorno e Lucca Nord.

L’emendamento, firmato da Emanuela Munerato (Lega), introduce la ”possibilità di cessione fra lavoratori dipendenti dello stesso datore di lavoro di tutti o parte dei giorni di riposo aggiuntivi spettanti in base al contratto collettivo nazionale in favore del lavoratore genitore di figlio minore che necessita di presenza fisica e cure costanti per le particolari condizioni di salute”.

Le giornate potranno per esempio essere cedute al genitore con un figlio affetto da grave patologia o handicap, si legge nel testo dell’emendamento. La norma vale per dipendenti pubblici e privati.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gaetano Bresci

    come effetto collaterale potrebbero verificarsi imbarazzi e/o ricatti morali tra lavoratori….ad es. tra un single e una madre con figlio malato potrebbe intromettersi un capo o un padrone per convincere il primo a cedere i propri giorni. Civiltà legaiola: restringere i diritti invece che allargarli…ma andate a prendere i topi, và !

  2. Scritto da A.Z. BG

    L’emendamento di cività,sottolineo ancora che è stato presentato dalla Lega Nord per l’indipendenza della Padania,non da quelli del PD,DS,PDS,PCI,che una volta stavano con i lavoratori ed oggi con la grande finanza di Bruxelles e Londra!

  3. Scritto da Mak

    in un paese civile si deve prendere cura lo stato basta prenderci in giro, i politici attuali manager ecc. si devono portare il loro stipendio ,simile alla paga di un operaio, basta mantenuti, così poi capirebbeero come fare politica, BASTA BASTA BASTA prenderci peri fondelli