BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Rimborso da 238 mila euro Il Parco dei Colli chiederà la restituzione all’ex Cda

Il Parco dei Colli chiederà la restituzione di 240 mila euro agli ex componenti del consiglio di amministrazione. La seduta è in programma venerdì pomeriggio alle 15.30, ma l'orientamento delle amministrazioni sembra essere chiaro. I delegati dell comunità del parco, che rappresentano tutti i Comuni soci, si adegueranno al nuovo parere legale della Corte dei conti che prevede la restituzione delle somme concesse.

Più informazioni su

Il Parco dei Colli chiederà la restituzione di 240 mila euro agli ex componenti del consiglio di amministrazione. La seduta è in programma venerdì pomeriggio alle 15.30, ma l’orientamento delle amministrazioni sembra essere chiaro. I delegati dell comunità del parco, che rappresentano tutti i Comuni soci, si adegueranno al nuovo parere legale della Corte dei conti che prevede la restituzione delle somme concesse agli ex consiglieri Gianluigi Cortinovis (37 mila euro), Roberto Lanza (55 mila euro), Gianfranco Panza (48 mila euro), Angelo Falgari (48 mila euro), Roberto Bertoli (48 mila euro). Solo un anno fa la Corte dei Conti lombarda, con pareri del 30 luglio 2012 e del 10 gennaio 2013, aveva indicato come necessario il pagamento degli emolumenti. La comunità del Parco si era adeguata, con i soli voti contrari dell’ex sindaco di Ponteranica Cristiano Aldegani, del sindaco di Torre Boldone Claudio Sessa e della Provincia.

Il dietrofront odierno è dettato dal parere della sezione delle autonomie della corte dei conti di Roma che, il 10 febbraio di quest’anno, ritorna e sul tema e interpreta in maniera estensiva la materia di contenimento delle spese della politica contenute nel D.L 78 del 2010. Gli ex consiglieri, che hanno già incassato i soldi, avevano promesso (caldamente sollecitati dai sindaci) di utilizzare i 238 mila euro per realizzare la pista ciclabile della valle del Giongo tra Almé, Villa d’Almé e Sorisole. Alle parole però non sono seguiti i fatti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Brita

    Complimenti alle amministrazioni leghiste per questa battaglia, per fortuna vinta.
    Scandaloso che ancora una volta gli amministratori pd del mio comune e di quelli vicini abbiano autorizzato simili indennità. 24.000 euro annui per 4 riunioni. E questi le hanno prese per oltre 10 anni e dovranno restituire solo un bienni.

    Complimenti amministrazioni di almè, villa, paladina, mozzo etc. che aumentano tasi, imu e irpef perché hanno pochi soldi. Se li regalate agli amici …

    1. Scritto da Patrizio

      Io non faccio il tifo per nessun politico o parapolitico. Se è vero che il merito in questo caso è loro io proporrei di chiedergli: visto che siete stati bravi dimostrate di essere meglio. Fate restituire tutti gli stipendi ai parlamentari che hanno governato negli ultimi 25 anni. Giustificazione? Hanno fatto solo danni, debiti e rubato. Dovrebbe bastare come “Giustificazione”. Se no gli basta rinchiudeteli e buttate la chiave.

      1. Scritto da Aria alle stanze

        Sarebbe il minimo, per non dire da tutto il dopoguerra…. È giusto che ancor oggi, Pandolfi (un esempio tra migliaia) percepisca 9500 euro al mese di vitalizio più tutte le varie indennità che avrà per le decine di incarichi che ha ricoperto in vita lavorativa? Non riesce a vivere con 3000 euro al mese, dopo aver preso montagne di denaro mentre “lavorava”?

  2. Scritto da Aria alle stanze

    Tutti i politici e i dirigenti pubblici dovrebbero restituire montagne di denaro ai cittadini, perché hanno intascato quelle cifre pur non facendo il loro dovere di guidare decorosamente il Paese. Se avessero fatto minimamente il loro lavoro, avremmo un’altra Italia. invece si sono interessati soltanto alle proprie tasche.

    1. Scritto da silvio

      Tutti???? Sei proprio un poveretto qualunquista….io, dirigente pubblico non devo proprio restituire nulla, ho fatto il mio lavoro decorosamente, mi spiace per te

      1. Scritto da Aria alle stanze

        Tutti sostengono questo di sé stessi, ovviamente. Non avremmo neanche qui l’Italia che abbiamo….. Dovrebbero giudicarlo gli altri, se un ruolo ha portato più benefici o costi alla collettività. Comunque, dando per assodato ciò che Lei afferma: complimenti, è una mosca bianca! Non possiamo basarci soltanto sulle mosche bianche per tirare fuori dalla melma un paese (dati ufficiali) con spesa pubblica costantemente in aumento, burocrazia demenziale, assistenzialismo a pioggia.

  3. Scritto da Bruno Rota

    Ma i componenti di sinistra dell’ex consiglio direttivo li hanno già restituiti i soldi?

    1. Scritto da Patrizio

      Perchè lo chiedi a quelli di sinistra? Una persona seria che non riceve ordini dal partito che ha votato, quando c’è una truffa chiede che tutti restituiscano quello che si sono assegnati senza merito o senza aver fatto nulla. Vale per tutti! Fai il tifo ai ladroni a casa nostra che portano i soldi in Africa? O al partito dei ladroni?

      1. Scritto da luigi bottani

        perché quelli di sinistra in questo caso sono coloro che hanno causato perdite per 238.000 euro e di conseguenza si spera che essendo loro i “precisini” abbiano già restituito il FURTO!!! ma credo che le calende greghe faranno modo che questi soldi non ritornino più… corte dei conti… falli a pezzi…

  4. Scritto da Stefano Magnone

    Strano davvero, la Lega non vuole restituire soldi pubblici che la magistratura contabile impone di restituire. Strano davvero.

    1. Scritto da Enterprice

      Stefano.. ma che articolo hai letto???… E’ proprio il Sindaco Leghista che ha detto che quelle indennità non dovevano essere percepite e ha fatto battaglia vincendo con questa sentenza della corte dei conti.

    2. Scritto da Yvo

      L’unica cosa strada davvero è che Lei prenda lucciole per lanterne: Aldegani e la Provincia sono Lega, ossia quelli contrari al rimborso, quelli che non li restituiscono non sono Lega!

      1. Scritto da stefan magnu

        stefano magnone… puoi essere un votante PD convinto… dal momento che dopo 60 che magni non hai ancora capito se è zuppa o pan bagnato… sono i sinistri che non restituiscono i soldi rubati!!!! LA LEGA E’ COLEI CHE HA SMASCHERATO LA TRUFFA!!!!! invece di votare la prossima volta… stai a casa!!! almeno non farai danni…