BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Una barista di Merate: “Bossetti parlava di Yara con i clienti”

"Bossetti parlava del delitto di Yara con i clienti del mio bar e aveva un'idea precisa sul movente". Sono le parole di una barista di Merate intervistata dalla trasmissione "Chi l'ha visto?" andata in onda mercoledì sera.

 "Bossetti parlava del delitto di Yara con i clienti del mio bar e aveva un’idea precisa sul movente". Sono le parole di una barista di Merate intervistata dalla trasmissione "Chi l’ha visto?" andata in onda mercoledì sera.

La donna ha rilasciato una breve ma importante dichiarazione ai microfoni del programma di Rai3: "Ricordo benissimo massimo Giuseppe Bossetti perchè frequentava spesso il mio locale. E ricordo anche che parlava con gli altri clienti del caso della ragazzina di Brembate Sopra.

Era convinto che fosse stata uccisa per una vendetta nei confronti del padre. Quindi questa è una cosa che pensa da tempo, e non gli è stata messa in bocca ora dai suoi avvocati come qualcuno ha ipotizzato".  

Nel frattempo Bossetti è ancora in carcere a Beragmo, da quasi tre mesi ormai, con la pesante accusa di essere l’autore dell’atroce delitto. 

Restano invece convinti della sua non colpevolezza i suoi legali Silvia Gazzetti e Claudio Salvagni che mercoledì mattina si sono presentati in Tribunale a Bergamo e hanno consegnato istanza di scarcerazione al giudice Ezia Maccora, il gip che lo scorso 19 giugno aveva ravvisato la necessità di custodia cautelare in carcere per gravi indizi di colpevolezza e il pericolo di reiterazione del reato per il carpentiere di Mapello.

In tre mesi, secondo i legali, non sono emersi altri elementi a carico dell’accusa e chiedono che vengano ripetuti gli esami sul Dna, con una nuova estrazione del materiale sui leggings e sugli slip indossati da Yara la sera della sua morte.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da BATTISTA

    Giornalisti del c……. smettetela di rompere.
    Fatevi un’etica profezionale che è ora!!!!!!!!!!!

  2. Scritto da Paolo

    Ieri pomeriggio, al bar, mi è scappato un commento sul DNA di Alberto Stasi (delitto di Garlasco). Spero che il barista non vada a dirlo a qualche giornalista …… Mi associo al consiglio di Miglio.

  3. Scritto da mario59

    Ripetere l’esame del DNA delle tracce organiche rinvenute sugli slip o sui leggings della piccola Yara, mi pare più che un diritto di chi sostiene la propria innocenza.
    Ma se la ripetizione dell’esame riconferma la stessa compatibilità, a quel punto non vedrei molte speranze per il Bossetti.

    1. Scritto da gigi

      il Dna e’ il suo al 99,99 per cento. Se questo non basta per incriminarlo e’ un altro discorso, ma ripetere l’ esame e’ assurdo, il risultato non puo’ che essere confermato. E’ come se facesse due volte l’ esame per identificare il gruppo sanguigno.

      1. Scritto da Winner

        Non è per niente assurdo, la difesa ha tutto il diritto di far ripetere l’esame a periti di parte.
        Ma in questo caso c’è, pare, un enorme inghippo: per motivi ignoti ma inconcepibili sembra (così dicono più fonti giornalistiche) che l’accusa abbia ESAURITO TUTTO il materiale originale dal quale prelevare il DNA, senza tenerne almeno un pò per consentire alla difesa di fare una controperizia completa.
        Cosa che, se vera, inguaia enormemente l’accusa e la stessa credibilità della Procura.

  4. Scritto da romanese

    Tra chi parla di costituzione di parte civile senza avere idea di cosa sia e chi scrive regolazione di conti anziché regolamento di conti, con tre post state insultando la NOSTRA LINGUA! Gente, l’Italiano non è una variabile impazzita, ha delle regole ben precise, animo!

  5. Scritto da Walter

    Secondo me il BOSSETTI metteva di proposito la frase “che forse era stata uccisa per una vendetta nei confronti del padre” per depistare al fine di far girare la frse come un passa parole costituendosi parte civile prima del tempo

    1. Scritto da emanuela bertolini

      perfettamente d’accordo con lei, Walter, quesll’uomo è di una furbizia incredibile, e giorno dopo giorno si è creato con astuzia la sua posizione di estraneità

    2. Scritto da Narno Pinotti

      Sa che vuol dire “costituirsi parte civile”? Evidentemente no. Perciò eviti di sentenziare su cose che ignora.

  6. Scritto da Vito

    Milioni di italiani hanno parlato di Yara al bar, con altri clienti, con il barista. Signora Aldina, ci dica un’ altra cosa , di suo pero’. Salutoni al coniuge.

  7. Scritto da U'

    ah be’ … se l’ha capito tuo marito che era una regolazione …. allora possiamo stare tranquilli. grazie di avercelo comunicato, mia moglie non c’era arrivata.

  8. Scritto da aldina

    be, vi dico solo una cosa che mio marito fin da quando è scomparsa yara gambirasio aveva capito che poteva essere un discorso di regolazione dei conti visto che il papà della ragazzina lavora come geometra nei cantieri.

    1. Scritto da Ale

      Non mi è chiara una cosa…tutti i geometri di cantiere quindi possono essere soggetti a “regolamento di conti”?…