BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Partecipazione e trasparenza Ad Alzano arrivano 5 comitati di quartiere

Il consiglio comunale di Alzano Lombardo è pronto a modificare lo statuto comunale per istituire i comitati di quartiere di Alzano Sopra, Alzano Centro e Nese che si aggiungeranno alle consulte frazionali di Olera e Monte di Nese.

Ad Alzano Lombardo il Consiglio Comunale guidato dal neosindaco Annalisa Nowak è pronto a modificare lo statuto comunale per istituire altri 3 comitati di quartiere che si configureranno entro le cerchia delle vecchie divisioni catastali dei paesi, Alzano Sopra, Alzano Centro e Nese, e che andranno ad aggiungersi alle due consulte frazionali di Olera e Monte di Nese.

L’obiettivo è quello di permettere ad un maggior numero di persone di partecipare responsabilmente alla vita democratica, condividendo processi di decisione e scelte amministrative: i comitati di quartiere avranno infatti anche un ruolo di proposta alla giunta e al consiglio comunali, con compiti regolati da un apposito regolamento. Elemento di raccordo tra il funzionamento del consiglio e quello dei comitati sarà il Presidente del Consiglio che comunicherà le decisioni della giunta e del consiglio ai comitati e sarà il recettore delle loro proposte, inserendole nell’agenda dei lavori consiliari.

“L’idea che muove tutto il progetto – fa sapere il sindaco Nowak – ruota sulla consapevolezza che i provvedimenti dell’Amministrazione, per avere ricadute efficaci sui cittadini, devono essere concertati con questi ultimi, e non calati semplicemente dall’alto. L’analisi che parte dall’utente e da ciò che egli considera prioritario inverte il modo di fare politica fin qui adottato dalle precedenti amministrazioni”.

L’organismo dei Comitati di Quartiere consentirà fra l’altro l’analisi responsabile delle problematiche ed il confronto fra Cittadinanza e Organi Istituzionali del Comune per la progettazione partecipata del territori; la programmazione condivisa dei servizi di interesse collettivo fondata sulla conoscenza; una più diffusa partecipazione alla vita pubblica della Città; la gestione di iniziative di solidarietà e di volontariato sociale dove sia più facile e naturale il collegamento fra Cittadinanza, associazioni operanti sul territorio comunale, Parrocchie ed altri soggetti sociali ed istituzionali; la realizzazione di manifestazioni finalizzate alla valorizzazione delle culture e delle tradizioni e il loro coordinamento territoriale e temporale e la collaborazione con gli organi competenti nella gestione delle emergenze e la collaborazione con il sistema protezione civile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mattia

    Quindi l’aumento sproporzionato delle tasse sulla casa le avete concordate con noi cittadini?
    l’ eliminazione delle detrazione su prima casa e figli a carico l’avete presa di comune accordo con noi cittadini?
    Mi scusi sindaco, quando?