BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nuovo centro commerciale di Percassi, i dubbi degli ambientalisti

Percassi è pronto a sbarcare anche a Segrate con il nuovo Westfield Milan, un nuovo centro commerciale da oltre 1 milione e 800mila metri quadrati, dove troverà spazio anche il prestigioso marchio francese della moda «Lafayette». Il progetto da 1 miliardo e 400 milioni di euro provenienti dagli investitori australiani è in discussione da anni: i lavori dovrebbero iniziare nel 2015. Le associazioni ambientaliste vogliono però vederci chiaro.

Più informazioni su

Percassi è pronto a sbarcare anche a Segrate con il nuovo Westfield Milan, un nuovo centro commerciale da oltre 1 milione e 800mila metri quadrati, dove troverà spazio anche il prestigioso marchio francese della moda «Lafayette». Il progetto da 1 miliardo e 400 milioni di euro provenienti dagli investitori australiani è in discussione da anni: i lavori dovrebbero iniziare nel 2015. Le associazioni ambientaliste vogliono però vederci chiaro. Nei giorni scorsi sono state presentate in Regione le osservazioni al piano. In tutto sono nove e riguardano bilancio energetico e quello di produzione di anidride carbonica, la sostenibilità economica, la rinuncia alla centrale di cogenerazione, le piste ciclabili, il rispetto delle norme regionali sulla forestazione, perfino il controllo della presenza di zanzare nelle nuove zone umide e nei  laghetti che saranno realizzati. Senza la viabilità speciale, una strada al palo da più di 20 anni, i quartieri di Redecesio e Segrate Centro finiranno stritolati nella morsa del traffico. «Il Westfield porterà a Segrate un grosso investimento e sarà una grande possibilità occupazionale – dice il consigliere regionale Paolo Micheli, firmatario delle osservazioni di Segrate Nostra – , ma tutto questo avrà un prezzo sull’economia del territorio e sull’ambiente. Stiamo parlando di un movimento di migliaia di clienti al giorno (12mila posti macchina), oltre al personale e al trasporto merci. La Nuova Cassanese intercetterà, almeno in parte, l’attuale traffico di passaggio, ma altro se ne creerà».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Luca Lazzaretti

    C’è un centro commerciale fantasma a Cortenuova che si chiamava Le Acciaierie e uno a Orzinuovi nuovo di pacca che è rimasto aperto circa un anno e ora è completamente chiuso con cinema multisala…non si può rilevare e rilanciare quelli già esistenti o bisogna sempre ingrassare i soliti nomi? E cementificare..cementificare..cementificare…

  2. Scritto da giulia

    ma non vi sembra che il Sig. Percassi abbia già fatto abbstanza soldi e abbastanza danni nella bergamamsca?

    1. Scritto da giulio

      Non tifo Percassi ma una riflessione…quali sarebbero i danni fatti?
      Che faccia i soldi è un problema suo, che le sue iniziative portino posti di lavoro è invece un vantaggio nostro!!!

    2. Scritto da nico

      si. infatti si sposta a segrate (nel milanese).

  3. Scritto da Pluto

    Adesso l’aeroporto di Orio serve sostanzialmente a portare dall’Est un quarto della clientela dell’Oriocenter che arrivano e partono in giornata coi loro trolley ben pieni di consumismo popolare. Se sorgerà’ un concorrente vicino all’aeroporto di Linate. Mi pare ovvio che quello di Orio perda il flusso, che preferiranno Milano a Bergamo.

  4. Scritto da emily

    Nuovi posti di lavoro…..W IL NUOVO CENTRO COMMERCIALE !!!

    1. Scritto da patroclo

      la sua ingenuità è disarmante

  5. Scritto da Miki

    Però! Un ecomostro del genere e loro hanno “dubbi”! Tanto poi basta dire che produce solo tot di Co2 e quindi è una roba ecologggggggggica!

    1. Scritto da Gaetano Bresci

      yeah! quoto.

  6. Scritto da il polemico

    e poi gli ambientalisti sarebbero quelli che proporrebbero lo spsotamento dell’aereoporto e tutta la logistica in mezzo ai campi e lontanto dai centri abitati…..