BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Monza trionfa Hamilton, delusione Ferrari

Non ha avuto bisogno di speronare l’avversario, né di disattendere ad ordini di scuderia: Lewis Hamilton a Monza ha battuto Rosberg sul suo terreno, quello della velocità. Il britannico ha così accorciato le distanze nella classifica dei piloti e ha parzialmente riaperto il Mondiale visto che ora Rosberg ha 238 punti contro i suoi 216.

Più informazioni su

Non ha avuto bisogno di speronare l’avversario, né di disattendere ad ordini di scuderia: Lewis Hamilton a Monza ha battuto Rosberg sul suo terreno, quello della velocità. Il britannico ha così accorciato le distanze nella classifica dei piloti e ha parzialmente riaperto il Mondiale visto che ora Rosberg ha 238 punti contro i suoi 216. Un Gp che sembrava perso in partenza perché Rosberg al semaforo verde ha tentato di costruire il suo capolavoro, scattando subito in testa e bruciando Hamilton, incapace di valorizzare la pole conquistata sabato. Il britannico s’è ritrovato rallentato nelle retrovie e ha perso parecchio terreno prima di iniziare la rimonta a suon di sorpassi. Ben presto la corsa si è ridotta al solito testa a testa tra le due Mercedes con il brivido decisivo del sorpasso al 29esimo giro quando, approfittando di un errore di Rosberg, Hamilton si è ritrovato in testa. Lewis, quando entrambi avevano già effettuato il pit-stop, ha così avuto la strada spianata verso il successo colto davanti al rivale per la settima doppietta stagionale della Mercedes. Tra i due battistrada solo Massa ha provato per un po’ a fare da terzo incomodo, accontentandosi di un onorevole terzo posto dopo aver tentato di dar fastidio a chi lo precedeva. A distanza siderale tutti gli altri con Bottas partito male ma capace di risalire fino al quarto posto.

Quinto Ricciardo davanti a Vettel, poi Magnussen, Perez e Button. Pessime le Ferrari. L’aria di Monza non ha rivitalizzato né un rassegnato Alonso né Raikkonen. Addirittura lo spagnolo si è fermato dopo 29 giri per un problema al motore (non capitava da 86 gare a una Ferrari), quando era solo decimo, per la delusione dei tanti tifosi presenti sugli spalti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.