BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Scalo merci, passi avanti per riapertura temporanea Via libera dalle Ferrovie

Rfi e Fs Sistemi Urbani hanno dato la propria disponibilità per la riapertura temporanea dello scalo merci di Bergamo: un traguardo importante che soddisfa le imprese che hanno necessità di trasportare su rotaia materiale pericoloso. Ma prima servono opere di messa in sicurezza: potrebbe volerci anche qualche mese per la riapertura definitiva.

Più informazioni su

Rete Ferroviaria Italiana e Fs Sistemi Urbani hanno dato l’ok per la riapertura dello scalo merci pericolose di Bergamo: l’importante passo avanti nella delicata questione è stato fatto venerdì 5 settembre a Palazzo Frizzoni dove i rappresentanti delle Ferrovie hanno incontrato il sindaco Giorgio Gori, l’onorevole Elena Carnevali, l’assessore alla riqualificazione urbana del comune di Bergamo Francesco Valesini e l’architetto Marina Zambianchi.

Presenti al tavolo anche Massimiliano Schiavi e Marco Mini, rispettivamente direttore siti produttivi e direttore dello stabilimento Polynt di Scanzorosciate: l’azienda, insieme alla 3VSigma di Grassobbio, ha lamentato gravi difficoltà scaturite dalla chiusura dello scalo merci in quanto il trasporto alternativo, quello su gomma, è più difficoltoso e dispendioso per le imprese.

Una riapertura, seppur temporanea, che darà respiro alle aziende soprattutto del settore chimico che rappresentano il 50% del trasporto merci su rotaia: il sindaco Giorgio Gori ha però ricordato come sarà poi necessario arrivare il prima possibile all’apertura del nuovo scalo di Verdello.

“Siamo arrivati a un punto cruciale – commenta l’onorevole Carnevali che da sempre si è occupata della vicenda – Il 25 luglio scorso avevamo presentato la nostra richiesta di riapertura a Rfi: allora loro erano determinati a confermare la chiusura ma avevano comunque dimostrato una certa disponibilità all’ascolto. Ora la disponibilità che auspicavamo da parte loro è arrivata: hanno dato l’ok per la riapertura provvisoria ma il progetto ha prima bisogno di alcuni interventi nel campo della sicurezza e del piano di emergenza. Una volta ottenuto l’ok dei vigili del fuoco la società Cisaf potrà realizzare tutti gli interventi del caso. Si tratta di opere migliorative che non richiedono tempi lunghi, una volta trovato l’accordo non si andrà per le lunghe. Venerdì 12 settembre abbiamo un nuovo incontro, questa volta per passare dalla disponibilità all’operatività: allora sapremo l’esatta tempistica che potrebbe richiedere anche qualche mese”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da doriano bendotti

    Complimenti per l’interessamento.
    Un solo appunto, considerato che la Cisaf, nostra associata, è direttamente interessata e citata più volte durante l’incontro sarebbe stato opportuno invitarla.
    Grazie.

    Doriano Bendotti
    Fai Bergamo.