BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Piazza vecchia stravolta da un trucco posticcio L’allestimento è invasivo” fotogallery

Piazza vecchia verde fa discutere, come sempre. L'allestimento in occasione della manifestazione “I maestri del paesaggio” piace a molti bergamaschi e non convince altrettanti che preferirebbero mantenere la “sacralità” di un luogo storico come la principale piazza del centro storico. Beppe Cattaneo, presidente dell'associazione Città alta e Colli, ha scritto una lettera al sindaco Giorgio Gori e alla Giunta per manifestare molte criticità in merito alla manifestazione e soprattutto all'allestimento.

Piazza vecchia verde fa discutere, come sempre. L’allestimento in occasione della manifestazione “I maestri del paesaggio” piace a molti bergamaschi e non convince altrettanti che preferirebbero mantenere la “sacralità” di un luogo storico come la principale piazza del centro storico. Beppe Cattaneo, presidente dell’associazione Città alta e Colli, ha scritto una lettera al sindaco Giorgio Gori e alla Giunta per manifestare molte criticità in merito alla manifestazione e soprattutto all’allestimento.

Ecco la lettera:

L’Associazione per Città Alta e i Colli nel 2012 aveva inviato una lettera all’allora Assessore Gianfranco Ceci rimarcando la mancanza di coinvolgimento di tutte le realtà sociali nelle decisioni che riguardano il vivere in Città Alta e segnalando i rischi che il nostro centro storico corre di perdere le proprie peculiarità a causa delle trasformazioni in atto e delle manifestazioni poco coerenti con il contesto. Quella lettera aveva originato un dibattito comparso sui quotidiani locali e nel web che aveva finito poi per allontanarsi dall’oggetto principale della “provocazione” riducendosi quasi unicamente a un sondaggio su Piazza Verde sì, Piazza Verde no.

Tale manifestazione in Piazza Vecchia è in allestimento in questi giorni secondo le modalità già approvate in precedenza dalla passata amministrazione, mentre per le prossime edizioni sono state prospettate possibili modifiche. L’Associazione per Città Alta e i Colli ribadisce oggi quanto detto allora a proposito della Piazza Verde: un’eccessiva durata dell’evento (un mese fra una cosa e l’altra); un concreto rischio di danneggiamenti specialmente alla pavimentazione; un allestimento invasivo in un contesto delicato: Piazza Vecchia, che trae la sua bellezza dall’essere così come la conosciamo, viene stravolta da un “trucco” pesante che, comunque lo si voglia guardare, è posticcio…anche se a molti piace. Certo, qui entrano i gusti e gli orientamenti personali e anche altre considerazioni di opportunità su cui sarà sicuramente utile fare delle valutazioni.

Per ovvi motivi non stupisce che Maurizio Vegini, Presidente di Arketipos, metta in luce gli aspetti creativi e innovativi dell’allestimento della Piazza Verde, così come non stupisce la difesa che ne fanno i commercianti di Città Alta, in particolare i gestori dei locali che si affacciano sulla piazza. I quotidiani, da parte loro, non stanno mancando di dare visibilità all’evento con paginoni dedicati come raramente capita per altre manifestazioni. Dice Vegini in un contributo riportato sul Corriere della Sera di martedì 12 agosto: ”Questa esperienza [Piazza Verde] ha messo in evidenza la forte esigenza di avere in città luoghi pensati ad hoc per l’incontro…..parliamo di luoghi della città caratterizzati da ambientazioni accoglienti… dove sia comodo sedersi e dove sia possibile giocare…con un gran numero di sedute, magari meno convenzionali delle solite panchine. Spazi con un’illuminazione adeguata per muoversi in sicurezza che affascini e che renda veramente suggestivo il luogo…”.

Siamo perfettamente d’accordo con queste affermazioni. Anzi pensiamo che un punto sul quale varrebbe la pena dibattere, andando oltre la Piazza Vecchia/Verde, sia sicuramente questo: come restituire alle nostre piazze la loro funzione di luogo di incontro, aggregazione, scambio? Questo discorso vale sicuramente più per altre piazze che non per Piazza Vecchia già ampiamente sfruttata. Lo sforzo dovrebbe essere quello di ri-costruire luoghi di incontro belli e vivibili con allestimenti armonicamente inseriti nel contesto. E la via non è secondo noi la proliferazione dei “dehors” che occupano spazi in modo esclusivo e rigido, a volte creando insuperabili barriere con l’ambiente circostante o in progetti fruibili per quindici giorni dopo di che tutto torna come prima, ma nell’immaginare e realizzare una equilibrata compresenza di spazi pubblici, ben pensati, comodi, belli, fruibili tutti i giorni e di spazi “leggeri” attrezzati con tavolini e servizi per la ristorazione: va riconosciuto il contributo importante e insostituibile di bar e ristoranti nel rendere e mantenere vivibili e sicuri luoghi altrimenti a rischio di degrado ed è piacevole potersi sedere fuori a un tavolo per bere o consumare qualcosa. Ma non deve essere l’unico modo per vivere e godere gli spazi pubblici. Prendiamo Piazza Vecchia: dove si può sedere la gente che vuole semplicemente starsene lì? Le sedute sotto la Angelo Mai vengono facilmente e subito esaurite. E dove ci si può sedere in piazza Mercato delle Scarpe? E in Piazza Pontida o in Piazza della Libertà? E le altre piazze della città possono accogliere bambini, mamme, nonni, giovani e turisti favorendo una loro permanenza facile, piacevole, sicura in ogni momento della giornata?

É in questa direzione che secondo noi potrebbe muoversi il dibattito. Noi pensiamo che i contributi degli esperti insieme ai contributi delle persone che abitano la città potrebbero suggerire soluzioni belle e creative capaci di accontentare molti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da MADDALENA

    DESIDERO SAPERE PERCHè MEDICINE SALVAVITA SONO POI VITAMINE CHE PURTROPPO X TUTTA LA VITA DEVO PRENDERE DEVO PAGARE A PROPOSITO SONO INVALIDA LA 100 E SONO ESENTE DA ALTRI FARMACI SONO VEDOVA CON REVERSIBILITA
    OGNI 20 GIORNI PAGO IN FARMA CIA 35EURO C è QUALCUNO CHE MI PUò RISPONDERE ?

    1. Scritto da Pluto

      Si rivolga a un sindacato pensionati che le daranno tutte le informazioni necessarie. Oppure all’ufficio servizi sociali del suo comune. Oppure all’ASL nell’ufficio di pertinenza del suo comune. C’é un diritto ad avere delle prestazioni ma esiste anche un DOVERE di informarsi come cittadini.

  2. Scritto da marco

    Più che in Piazza Vecchia o in Città Alta vedrei queste iniziative in aree dismesse, degradate, o da rilanciare. Piazza vecchia è già attrattiva di suo.

  3. Scritto da watermill1

    Non mummifichiamo la piazza ma nemmeno canonizziamo l’iniziativa come il toccasana perfetto.
    Che dopo alcuni anni rischia di diventare una gara al rialzo per stupire e catturare l’attenzione.

  4. Scritto da Pluto

    La leggerezza di quest’anno rende ancora migliore l’idea. Piazza Vecchia “nuda e cruda” é di una infinita tristezza. Moltissimi visitatori mi hanno chiesto … non ci sono giardini o parchi in Città Alta? Parchi, non francobolli o cimiteri tipo LaRocca. No non ci sono. Ci sono gli asini in Valverde-Colle Aperto. Questo piace a Cattaneo?

  5. Scritto da c

    In tutto il mondo la piazza è uno spazio di aggregazione, secondo il mio parere ben vengano queste iniziative, rivalutiamo le piazze perchè da troppo tempo abbiamo dimenticato la loro vera funzione.

  6. Scritto da Sem Galimberti

    Non sono un solito “noto”. Esprimo il mio parere che, in quanto tale, è relativo…a me. Basta con queste pagliacciate multicolor. Il giudizio è puramente estetico, per il resto mi affido al saggio Beppe Cattaneo.

  7. Scritto da Non col vento

    Nonostante l’iniziativa sia di qualità e susciti altissimo gradimento non poteva mancare qualche vestale della mummificazione del centro storico, come se la sua vita stessa non dipendesse dalla capacità di sfidare le epoche vivendone la contemporaneità! Basta tristi e involuti parrucconi!

  8. Scritto da federica

    Tutto bello, tranne un furgoncino pubblicitario piazzato sul prato. Sono queste le cose che disturbano una manifestazione e rovinano un contesto abbastanza gradevole.

    1. Scritto da Vineria cozzi

      Cara Federica, il anzi i nostri Apini erano li presenti per fornire a titolo assolutamente gratuito il rinfresco alla conferenza stampa per un progetto ai quali siamo molto legati, si ricordi che tutto ciò è finanziato da privati come me, se non ci fossimo non ci sarebbe piazza vecchia green! Buona serata

  9. Scritto da paolo

    bergamo e città alta hanno bisogno di una cosa soltanto, parcheggi gratuiti o a prezzi popolari più ascensori efficienti che portino verso la stessa città alta

    1. Scritto da Jim

      In effetti i parcheggi costano una cifra . Vengo dalla bassa e frequento la biblioteca : mi svenano.

  10. Scritto da Bergamasco

    Nonostante il momento critico di profonda crisi, c’e’ ancora gente che critica a prescindere qualsiasi iniziativa che possa sbloccare l’economia. Speriamo che questa amministrazione non cada in questi errori.

  11. Scritto da Giggi

    Tipico atteggiamento bergamasco: piuttosto che qualcuno faccia qualcosa di nuovo, interessante e particolare è meglio non farglielo fare.
    Basta polemiche sterili e inutili per un’attrazione che dura un mese e basta con i protagonismi

    1. Scritto da paolo

      …il problema è uno solo….è che sto coso fa schifo

      1. Scritto da Meraviglioso

        Direi che il suo giudizio è tipico di chi si alza alla mattina e guardandosi allo specchio non si chiede neanche a cosa serve essersi svegliato.

  12. Scritto da Luca

    I commercianti ne sono contenti, i giornali locali ne parlano tutti i giorni, alla gente piace e va a vedere questa piazza TEMPORANEAMENTE posticcia…cosa vuole di più?

  13. Scritto da Gianluca

    Sarà ma questo tipo di manifestazioni portano una visibilità immensa a Bergamo e se anche ne stravolgono momentaneamente l’architettura sono eventi dal potenziale enorme! Non nascondiamoci ma parliamo chiaro. C’è chi vuole una città turistica e chi no.

  14. Scritto da roberto cremaschi

    condivido a pieno l’intelligente riflessione dell’Associazione Città Alta e Colli, Un segnale di questa amministrazione poteva essere sperimentare la “piazza verde” in piazza Mascheroni o in Cittadella,subito dopo eliminando il parcheggio da queste piazze. E via via procedere così, in modo che la “piazza verde” sia l’anticipo di una trasformazione vera della piazza e una sua restituzione alla cittadinanza. L’anno prossimo si faccia in piazza Pontida!

  15. Scritto da Susi

    bellissima iniziativa anche se avrei preferito i toni naturali delle passate edizioni

  16. Scritto da Cpf

    Basta. Non facciamo più nulla in piazza! Poi vi lamenterete che Città Alta si desertifica.

    1. Scritto da marco

      Solo chi non crea critica.

  17. Scritto da Daniele

    Solite polemiche inutili che si ripetono tutti gli anni iniziate dai soliti noti…