BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Due casi di tubercolosi a Gandino e Grone: controlli a tappeto

Due casi di tubercolosi sono stati riscontrati a Gandino e Valpiana di Grone: a contrarre la malattia un'insegnate di sostegno delle scuole medie e un immigrato del Gambia ospite della comunità “Oasi 7” sui Colli di San Fermo. La situazione è comunque sotto controllo in entrambi i casi.

Più informazioni su

Due casi di tubercolosi sono stati recentemente individuati in provincia di Bergamo: si tratta di due episodi che non hanno alcuna relazione tra loro e che sono già sotto controllo e stretta sorveglianza da parte dell’Asl e della autorità sanitarie.

Il primo risale alla fine del luglio scorso quando un’insegnante di sostegno delle scuole medie di Gandino ha scoperto di aver contratto il batterio della tbc: immediata è stata la sua comunicazione all’istituto scolastico che ha attivato, insieme all’Asl, tutto il protocollo del caso.

Ad essere sottoposti al test di Mantoux, capace di rilevare la presenza del batterio, non solo tutti gli studenti delle due classi in cui nel corso dello scorso anno scolastico ha lavorato la maestra ma anche tutti gli altri frequentanti le medie di Gandino e il corpo insegnanti.

Da queste analisi è emerso come alcuni di loro siano entrati in contatto con il batterio della tubercolosi ma non abbiano contratto la malattia vera e propria.

L’altro caso in provincia di Bergamo è stato riscontrato all’interno della Comunità “Oasi 7”, a Valpiana di Grone, dove sono ospiti una trentina di profughi arrivati in provincia nei mesi scorsi: si tratta di un uomo originario del Gambia che è stato ricoverato nel reparto di malattie infettive dell’ospedale di Bergamo il 21 agosto e dimesso giovedì 4 settembre.

Anche tutti gli altri ospiti della comunità sono tenuti sotto osservazione e a breve verranno tutti sottoposti al test di Mantoux: intanto l’immigrato del Gambia che ha contratto la malattia continuerà le proprie cure all’interno della comunità.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Narno Pinotti

    Quindi il senso dei commenti è: le persone crepino pure, l’importante è che crepino lontano da me. Giusto? Bene. Però da domani il petrolio che fa funzionare casa vostra estraetelo dal vostro giardino, ok?

    1. Scritto da Antonello

      No, il senso è: solidarietà e aiuto ai bisognosi cosciente, non a casaccio che produce autolesionismo che danneggia TUTTI. Sa cosa consigliano davanti ad un infortunato sul lavoro o sulla strada? PRIMA cosa: “Mettiti in sicurezza tu soccorritore, che non ci serve una seconda vittima! Ci servi sano ed energico, per soccorrere il bisognoso!”

      1. Scritto da Narno Pinotti

        Abbiamo procedure e farmaci collaudati per affrontare la tubercolosi, che abbiamo eradicato già una volta. E non mi risulta che in questi due casi i soccorritori, ossia i medici e il personale sanitario, si siano esposti al contagio. Se invece lei allude a Mare Nostrum, non è un’operazione a casaccio, anzi più mirata di così… L’alternativa a essa è che i bisognosi, siano sani o malati, crepano in mare: come dicevo, lontano da me.

        1. Scritto da Antonello

          Quindi tutta la prevenzione sanitaria predicata dai medici e dagli scienziati contro le malattie è una sciocchezza, tanto abbiamo i farmaci per curarci a posteriori…. Pensi l’ideologia e la supponenza quali bizzarre affermazioni fanno pronunciare ad un intellettuale, “collega” (per titolo di studio) dei medici… L’umanità è proprio al capolinea

          1. Scritto da Narno Pinotti

            Se mi dice come si fa a prevenire la tubercolosi (ma anche il colera, il tifo, la malaria), nel caso non ci sia stata vaccinazione di massa per anni, le offro una birra. Quanto al mio titolo di studio, se le interessa tanto, scriva anche il suo; e già che c’è, pure il cognome e la professione, visto che le piace indagare sugli altri. Ma sono sicuro che non lo farà: ho una certa esperienza di conigli.

          2. Scritto da Antonello

            E’ un peccato che persone acculturare (io non lo sono, sono un coniglio) scrivano certi commenti dettati da ideologia. Se non s’è accorto, chi comanda e indirizza le società non è l’operaio o il contadino, sono persone con titoli di studio. E’ preoccupante…..

  2. Scritto da Alberto

    Da oggi grazie all’immigrazione mi sento ancora più ricco.

    1. Scritto da Luca

      La tubercolosi è una malattia presente in Italia da decenni: nell’ultimo cinquantennio, inoltre, il numero annuale di casi di Tbc registrati dal sistema di notifica nazionale è diminuito da 12.247 a 4.418 unità. Un trend confermato anche dall’Istituto superiore di sanità. Informarsi prima di dire stupidaggini costa tanto?

  3. Scritto da Grillite

    Tutta colpa di Grillo!

    1. Scritto da Azz

      Azz chèl Grillo le(M5S)alna sbaglia mia öna!

  4. Scritto da benito

    bene andiamo avanti cosi!!! altro che marenostrum e frontexplus !!!!! ci vuole ben altro e poi chi paga la sanita’ il posto in ospedale i medicinali ??????

    1. Scritto da Nemo

      I radical-chic devono avere qualche disgraziato del mondo a cui dedicare le cure e le attenzioni. Sono più o meno tutti nel pubblico o nel sociale, lo stipendio lo prendono a prescindere, e hanno tempo per dedicarsi agli altri facendo la figurona dei samaritani (pagando interventi e pagati di stipendio con soldi nostri).