BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Provincia: sfida a due Pezzoni corre, per Rossi non sarà una passeggiata

“Vai Rossi che sei solo”. E invece no. Matteo Rossi, esponente del Partito democratico, non sarà l'unico candidato alla presidenza della nuova Provincia di Bergamo. Lo affiancherà il sindaco di Treviglio Giuseppe Pezzoni, che ha sciolto la riserva nel pomeriggio di mercoledì 3 settembre.

“Vai Rossi che sei solo”. E invece no. Matteo Rossi, esponente del Partito democratico, non sarà l’unico candidato alla presidenza della nuova Provincia di Bergamo. Lo affiancherà il sindaco di Treviglio Giuseppe Pezzoni, che ha sciolto la riserva nel pomeriggio di mercoledì 3 settembre.

Pezzoni ha deciso di scendere in campo dopo aver ricevuto il sostegno formale dal direttivo provinciale della Lega Nord (leggi qui). Lui, che leghista non è, ha ringraziato e dato concretezza alla spinta del Carroccio mettendoci la faccia non prima di aver ribadito la sua indipendenza. 

IL TWEET

LE DICHIARAZIONI – “Con due candidati la corsa elettorale diventa significativa – spiega il primo cittadino -. Lo dico subito: non sono espressione della Lega, ho dimostrato sempre chiarezza ed estrema libertà rispetto alle direttive partitiche. Sono completamente slegato dalle liste, espressione di civismo. La Legge Del Rio chiedeva che i candidati presidenti fosse sindaci, poi come al solito i decreti cambiano tutto in una settimana e si è data anche la possibilità ai consiglieri uscenti. E’ per questo motivo che, pur stimando Matteo Rossi, penso che il nuovo presidente della essere un sindaco. E in ogni caso la Bulgaria lasciamola dove è”. Il primo test è la raccolta delle firme autenticate di sindaci e consiglieri: minimo 420, in soli quattro giorni.

L’ANNUNCIO DELLA CANDIDATURA

LE REAZIONI – Che atteggiamento si aspetta da Forza Italia? “Sta a loro venire a cercarmi” – risponde Pezzoni. Dal partito però arriva solo freddezza. “Lo scenario è semplice – commenta il coordinatore Alessandro Sorte -: Matteo Rossi, candidato secondo un ragionamento di nuova Costituente provinciale, Pezzoni che oggi ha il sostegno della Lega. La sua candidatura però è assolutamente legittima. Lunedì ci troveremo e ragioneremo sul da farsi”. Tradotto: Pezzoni può scordarsi il sostegno di Forza Italia.

Anche il passaggio nel centrosinistra non sarà una passeggiata. Giovedì sera è in programma la direzione provinciale per ratificare la candidatura del consigliere provinciale uscente. Non ci saranno ripensamenti, però si attendono scintille. Prima di affrontare le eventuali critiche interne, il segretario provinciale Gabriele Riva non risparmia una frecciata all’avversario. “Faccio un “in bocca al lupo al collega e amico Pezzoni, anche se spero che da qui alle elezioni ci possa essere il tempo per un confronto vero sulle idee e sui programmi. Fatico a pensare che una candidatura spinta dalla Lega possa essere in discontinuità rispetto alla gestione di Ettore Pirovano”.

IL SIMBOLO

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Orobie

    Forza Italia voleva inciuciare con il PD. Ha costruito una lista piena di centristi vicini alla sinistra più la Gallone e Terzi ma alla fine la candidatura di Pezzoni ha rotto le uova nel paniere. Adesso tutti ad insultarlo. Fate ridere.

  2. Scritto da Andrea

    Il social sindech che twitta la sua candidatura spacciandola per “civica” è una cosa grottesca… Prima le scorribande in AN, poi sedotto e abbandonato dal PdL, poi scaricato da Forza Italia; dopo il breve flirt con NCD, e la luna di miele estiva con la Lega…un bel tentativo di “riciclaggio”!

  3. Scritto da GARA

    Pezzoni è anche una brava persona. Nella sua carriera politica non ha mostrato un acume di specifico rilievo. In una gara così può vincere. Mi sembra un democristiano 2.0, senza appeal specifico. Non è un gran parto per la dx, probabilm il meglio oggi che può esprimere. Forse basta per vincere… Ma i bergamaschi avranno vinto davvero?

    1. Scritto da Razza di imbecilli

      No: e’ l’angelo della morte.

  4. Scritto da Franco

    Domanda:
    Sindaco, Presidente della Provincia, Insegnante, Preside dei Salesiani e Presidente della MIA.
    O fa tutto malissimo oppure qualcosa non torna…

    1. Scritto da walter

      Ma in MIA non c’è un nuovo presidente?

  5. Scritto da lotty

    Un uomo della curia, come se non bastasse Bombardieri…Il potere logora chi non ce l’ha….parole SANTE!

    1. Scritto da Jes

      Ma che è sempre stato capace di non farsi incastrare dai partiti e che dopo il disastro della sinistra sta governando Treviglio. Allora secondo lei è meglio un funzionario di partito che non ha mai nemmeno amministrato un condominio e che verrà manovrato come una marionetta da Sorte ? Se devo avere un ex comunista manovrato da FI, preferisco Pezzoni.

      1. Scritto da Andrea

        Non confondere: in consiglio comunale, la debolezza di Fi e l’inconsitenza della lega hanno consentito al Sindaco di agire in piena autonomia, gestendo il comune in modo assolutista. Trasferendosi alla provincia, può darsi che debba finalmente delegare qualcosa alla giunta o a qualche consigliere, ma non è detto. In ogni caso, non un buon sindaco per Treviglio.

      2. Scritto da Ivan

        Postilla: sta governando Treviglio malissimo!La sua unica fortuna è di essere arrivato dopo la Borghi,incapace di gestire i rapporti con la città.Per il resto Pezzoni a Treviglio sta facendo l’amministratore di condominio:zero programmazione,zero idee per il futuro,scarsa attenzione per le periferie e con la grana sicurezza.Non si è mai fatto incastrare dai partiti?Come mai allora nel 2011 non si candidò come civico ma con sotto l’egida di Lega e PDL?E oggi è il candidato della Lega!!!

  6. Scritto da Jes

    Che tristezza Forza Italia e Partito democratico che fanno l’inciucino dei nani (Riva-Sorte). Altro che costituente, Rossi ha già pagato il suo dazio a FI garantendo le deleghe sul territorio. In questo panorama Pezzoni, con tanti suoi difetti, è l’unico che ha dimostrato di sapersi muovere fuori dalle briglie dei partiti. Ma come possiamo pensare di dare la provincia in mano a un piccolo burocrate ???

  7. Scritto da Ignorante

    Non capisco più! Ma le Province non erano state abolite? Si elegge ancora il Presidente della Provincia? Ah, no, forse capisco: non lo elegge più il Popolo, ma lo eleggono i partiti. Bene, ecco quale è stata la riforma! Viva la democrazia!

    1. Scritto da A_Fi

      Lo eleggono i sindaci che sono eletti da noi.. è democratico e risparmiamo i soldi delle elezioni, oltre a non avere persone in più a carico nostro. A me piace.

  8. Scritto da nino cortesi

    Cura il denaro della Curia e rappresenta il grande popolo bue.
    L’Italia la può salvare solo il M5*, gli altri sono solo una combriccola al servizio dei possidenti.