BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mozzo, pistole ritirate ai vigili: “Doveroso per questioni organizzative”

Il sindaco di Mozzo Paolo Pelliccioli riferisce in consiglio comunale le motivazioni che lo hanno portato a disarmare gli agenti di polizia locale: “Questioni organizzative dell'ufficio, non voglio ricondurre il provvedimento a screzi interni”.

Più informazioni su

Ha fatto discutere a Mozzo la decisione forte presa dal sindaco Paolo Pelliccioli che, ormai un mese fa, aveva disposto l’immediato ritiro degli armamenti per gli agenti del corpo di polizia locale.

La questione è finita nel consiglio comunale di martedì 2 settembre, sollevata dal consigliere Roberto Bonalumi del gruppo “Moderati per Mozzo” che ha chiamato il primo cittadino, con un’interpellanza, a chiarire le motivazioni della propria scelta.

Pelliccioli non si è sottratto e ha spiegato le proprie ragioni: “Il motivo per cui agli agenti è stata ritirata la pistola è da ricondurre principalmente a una questione di organizzazione interna dell’ufficio che lasciava molto a desiderare. Un atto doveroso che non voglio assolutamente ridurre a eventuali screzi tra i componenti della polizia locale”.

Complessivamente il corpo di polizia locale è composto da 3 agenti: due sono i “disarmati” dal provvedimento del sindaco mentre uno non è mai stato dotato di pistola.

Potrebbe quindi non essere la conflittualità interna al comando la ragione del provvedimento del sindaco ma è chiaro che, anche se il primo cittadino non lo dice apertamente, qualcosa nell’ufficio di polizia locale del comune di Mozzo sia successo: sulla vicenda, infatti, è in corso un’indagine da parte dei carabinieri e, quindi, vige il massimo riserbo.

Anche il comandante dei vigili di Mozzo Fabrizio Rigamonti non ha commentato la vicenda, rimandando ogni eventuale commento ufficiale alla conclusione dell’indagine attualmente in corso.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da I Pisapippi

    Un po’ di buonismo facilone, mezzo chilo di inesperienza, un po’ di dilettantismo, due cucchiai di pressapochismo, un pizzico d’arroganza, aggiungi le paroline magiche: condivisione, solidarietà, aggregazione, trasparenza, comunicazione, associazionismo, perbenismo, efficientamento, inclusione, e per finire il tocco finale una buona dose di ideologia sinistrorsa mascherata e voilà la perfetta giunta che cambia un paese, in male e in poco tempo. Un bel piatto indigesto per i cittadini di Mozzo

    1. Scritto da Artemide Rossetti

      A me sembra che questa ricetta sia lo standard in Italia. Il “pensiero unico” quello che non tollera voci contro. Gli americani lo chiamano “mainstream” (flusso principale) dove non è tollerato remare di lato, o dentro o fuori. Basta vedere le reazioni anche qua… La negazione della libertà, del merito e del ragionamento autonomo. Il socialismo dell’URSS coniugato al presente. Finirà come nell’URSS

  2. Scritto da Obi Wan

    Secondo me sotto c’è il solito problema di tutti gli uffici statali dove qualcuno lavora e qualcuno – la maggioranza – occupa la poltrona e molto spesso rivendica diritti (sindacali) senza sapere cos’è la fatica…

  3. Scritto da M.M.

    ma che spiegazioni ha dato il sindaco?Toglie le pistole ai vigili per motivi organizzativi?Mentre il comandante non parla perchè c’è un’indagine in corso?E’ lo stesso sindaco che caccia due assessori per “l’efficientamento della macchina comunale”?Molto innvovativo anche sul piano della comunicazione, dichiarazioni confuse e incomprensibili per mascherare incompetenze varie, proprio un bel democristiano innovativo

  4. Scritto da polidoro

    disarmiamo tutti i vigili di tutti i comuni. sono pericolosi!

    1. Scritto da maurus

      armiamo i cittadini, come in Svizzera! Dove la democrazia funziona perchè è vera e non rappresentativa come nel paese delle banane arancioni!

  5. Scritto da Artemide Rossetti

    Ma alla fine quanti vigili ha il vostro Comune? 4? Per 6000 abitanti? Alla faccia della spending reviù. Altra domanda: cosa c’entrano i motivi organizzativi dell’ufficio con le armi? Risposta a caso, vero? Poteva usare l’argomento meteorologia, già che c’era… E dice che è una risposta… bah! I misteri dell’impegno civico.

  6. Scritto da eunice fischialo

    falso

    1. Scritto da Lino

      Esagerato! Anche se effettivamente il sindaco non è stato chiaro per niente.

  7. Scritto da adele

    Il segreto di Pulcinella. Il neo vigile era un impiegato comunale che ha chiesto la mobilità interna, ma è stato nominato – tesi da dimostrare con l’indagine dei carabinieri – senza tutti i requisiti del caso.

    1. Scritto da daniela

      Certo, stai a vedere che hanno sospeso le armi ai due vigili che le avevavo per colpa del vigile, neoassunto, che non le ha mai avute. Logica stringente

      1. Scritto da eunice fischialo

        Più che logica stringente direi che la signora Adele ha le idee confuse e dice cose false. Inoltre è rimasta ad un anno fa quando la sua verde parte politica aveva avanzato ipotesi e denunce secondo cui il nuovo vigile non avesse i requisiti. Si metta il cuore in pace signora: tutte tesi sono state rigettate dalle autorità competenti e ritenute prive di fondamenta

        1. Scritto da Giacomo

          lei sembra ben informato sulla questione e chiude con tranquillità la faccenda, allora ne approfitto e le sottopongo una domanda: l’indagine dei carabinieri su cosa è incentrata?Non sono forse premature le sue affermazioni con un’indagine in corso?Lei possiede più informazioni del sindaco?Fra qualche mese sottoscriverà tutto questo?O lei è molto sicuro di quello che scrive o cerca di difendere una situazione di grande imbarazzo per questa giunta.I fatti e il tempo ci diranno come è andata.

          1. Scritto da eunice fischialo

            Scusi Giacomo ma secondo lei i carabinieri vengono a dire a me su cosa è incentrata l’indagine. Lo sapranno gli amministratori al massimo ma essendo un indagine come mi dicono essere stato detto in consiglio è coperta da segreto istruttorio. Invece mi riferivo ai contenuti dell’interpellanza del consigliere leghista lo scorso anno, quella del consiglio a porte chiuse e in cui venimmo messi alla porta. A fantomatico esposto in procura sarebbe seguito qualcosa. Giusto?

          2. Scritto da Attilio

            Perchè allora da della bugiarda alla Sig. Adele? Da legale le posso assicurare che la Magistratura utilizza esposti anche di anni prima per incastrare chiunque. Perciò dice cose astruse. E non sottovaluti la potenza dei sindacati, se fossi un amministratore sarei molto preoccupato, specialmente quelli più rossi. Aspettiamo che l’inchiesta venga conclusa e sapremo tutto, compresa la posizione del sindaco e del suo vice.

          3. Scritto da Giacomo

            Quindi riconosce al consigliere leghista di aver visto giusto, era prudente o aveva intravisto una leggerezza della giunta nel nominare un nuovo vigile, è stato accorto diversamente dal sindaco. Quanto ai tempi delle indagini e della giustizia non mi stupisco, un anno è poco ma è bastato a portare in evidenza il problema che nel frattempo è sfociato in preoccupanti tensioni tra i vigili.Resta ad ora sconosciuto il motivo, sicuramente grave tale da giustificare il ritiro preventivo delle armi