BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Intrighi, fughe e misteri fanno tremare le mura de L’Abbazia dei 100 peccati

Avventure, intrighi, misteri da svelare in uno scorcio dell'Europa del XIV secolo. L'Abbazia dei cento peccato, codice millenarius saga, è il nuovo thriller storico di Marcello Simoni, già noto ai lettori per il libro vincitore del 60° premio bancarella " Il mercante dei libri maledetti".

Titolo: L’Abbazia dei cento peccati;

Autore: Marcello Simoni;

Editore: Newton Compton Editori;

Pagine: 333;

Costo: 9,90 euro.

 

 

 

L’abbazia dei 100 peccati di Marcello Simoni è stato sicuramente un ottimo acquisto , ma anche un grande affare. Newton Compton editori dimostra che al costo di un e-book si può ancora offrire al lettore il piacere di un volume "profumato" e armonioso, da poter sfogliare e sfogliare fino all’infinito.

"L’abbazia dei cento peccati" è una lettura indicata per chi è appassionato al genere thriller storico. Simoni, ex archeologo, bibliotecario è uno degli autori più attenti e scrupolosi del suo genere, a tal proposito ho particolarmente apprezzato la nota dell’autore – il mistery della storia in fondo al libro.

Il protagonista del romanzo è Maynar de Roqueblanche, valoroso cavaliere, sopravvissuto alla battaglia di Crecy. Sul campo di battaglia il morente re di Boemia gli strapperà un giuramento, in osservanza del quale si troverà a doversi difendere da pericolosi e potenti nemici, tra i quali lo spietato cardinale di Avignone e un deforme e maligno monaco, Facio di Malaspina.

Maynar difenderà a costo della vita uno dei tre indizi, consegnato sul letto di morte, che conducono alla reliquia del lapis exilii. In un susseguirsi di rapimenti, combattimenti, fughe e incontri misteriosi, il cavaliere coinvolgerà nell’avventura Eudelie, la badessa del convento di Sainte Balsamie (nome di fantasia); l’abate di Pomposa, Andrea e un giovane pittore di talento, Gualtiero de Bruni.

Le scene si susseguono a ritmo incalzante tra Francia e Italia, lasciando il lettore in piena suspence. La storia è ben narrata ed avvincente, ed il mistero del lapis exilii diventa anche per il lettore una missione da portare a termine, che suo malgrado dovrà attendere e affidarsi al proseguo di Simoni per avere svelato l’intero arcano.

Chiara Copler

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.