BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bossetti, i legali chiedono la scarcerazione “Dal Gip entro martedì”

Sarà presentata lunedì 8 o martedì 9 settembre l'istanza di scarcerazione per Massimo Bossetti, in carcere da 80 giorni con l'accusa di essere l'assassino di Yara Gambirasio: tempi maturi secondo i legali che spingono sull'assenza di prove a sostegno del dna.

Più informazioni su

Lunedì 8 settembre, o al massimo martedì 9, gli avvocati Silvia Gazzetti e Claudio Salvagni presenteranno al gip Ezia Maccora l’istanza di scarcerazione per il proprio assistito Massimo Bossetti.

“Stiamo preparando la documentazione necessaria – ammette l’avvocato Gazzetti – Avevamo già anticipato la nostra volontà di presentare l’istanza entro il 15 settembre. Crediamo che i tempi siano maturi, considerando anche che dalle indagini non è emerso nulla a sostegno della tesi dell’accusa in questi due mesi e mezzo mentre il nostro assistito, pur proclamandosi sempre innocente ed estraneo alla vicenda, ha vissuto in regime di isolamento in carcere”.

In una cella d’isolamento da 80 giorni con l’accusa di essere l’assassino di Yara Gambirasio, il carpentiere di Mapello potrebbe dunque tornare in libertà ma la decisione è tutta nelle mani del gip che, al momento dell’arresto, non aveva convalidato il fermo ma aveva comunque disposto il carcere perchè, pur non essendoci pericolo di fuga, a suo carico c’erano gravi indizi di colpevolezza e il rischio di reiterazione del reato.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pippo

    la mamma di Bossetti é omertosa peggio di una parte del popolo meridionale. e ve lo sta dicendo un siciliano

  2. Scritto da eriberto

    la madre giura che suo padre non è guerinoni
    lui altrettanto che non è l assassino ..ma che famiglia ..certo che cè un molta somiglianza tra madre e figlio..

    1. Scritto da dai

      Come si dice in questi casi.,ognuno guardi in casa propiaE po .lei chi è per dire che è lui l’ assassino??

      1. Scritto da eriberto

        le tre lettere cardini di madre e figlio DNA
        e che ci faceva sempre su quella via… a si il nulla cosi per caso coincidenze e poi è sparito ..casualità
        ma fatemi un piacere sveglia!!

  3. Scritto da tex

    se innocente la lorenzi è da licenziare, è giusto che gli incompetenti dopo 4 anni di indagini a vuoto, e i soldi spesi vengano allontanati ….. oltre a pagare i danni al bossetti

  4. Scritto da gigi

    se verra’ scarcerato chi lo dice al ministro Alfano ?

  5. Scritto da Armin

    Difesa, accusa e garanti istituzionali hanno ciascuno il proprio ruolo da svolgere. Riandando però alle decisioni prese nei riguardi Fikri, sarà difficile che ci siano discostamenti rimarchevoli dall’antefatto, salvo nuovi e univoci elementi raccolti nel periodo intercorso dall’arresto.

  6. Scritto da Remo

    Finalmente, ma andava chiesta già dopo un mese, dopo che era chiaro che la tanto sabndierata prova regina del dna non è sufficiente a niente. Anche perché nel frattempo i giornali hanno massacarato mediaticamente quest’uomo ancor prima che inizi il dibattito processuale

    1. Scritto da lucky

      Caro sig. Remo ma forse lei è un parente? Cosa si aspetta di trovare oltre al DNA? Il filmato in HD del delitto? E’ vero, oltre al DNA ci sono solo innocenti bugie dette da lui e dai parenti… e allora? Vuol dire che innocente vero? Il mostro è un altro… lui no! Lui lavora, ha famiglia è un padre amorevole. Povera Italia, in tanti la pensano come lei.

    2. Scritto da Carlo

      Solo in un paese come il nostro, che tutela più i disonesti delle loro vittime, il dna di un estraneo sugli indumenti intimi di una vittima, non significa nulla. Oggi al tg: per incastrare tre maestre di un asilo del sud, hanno dovuto filmare e documentare 66 episodi di violenza sui bambini! 66 volte lasciar maltrattare dei bambini prima che si potesse intervenire, perché se per caso si tentava di ad accusarle senza averne 66 volte provato il torto, veniva giù l’universo! Che schéfe!!!

      1. Scritto da CHE POST

        Speriamo bastino queste 66 riprese,ci sono avvocati che riescono a stravolgere anche l’evidenza.

    3. Scritto da bob

      D’accordo solo su un punto: i giornali si sono sostituiti al popolo sovrano sostituendosi ai giudici, ma solo per cercare di confutarne le accuse. La prova del DNA dice eccome, dato che i racconti del carcerato ex muratore sono solo menzogne per coprire. NON C’E’ UNA COSA CHE DICE CHE SIA CONFERMATA, CHE SIA UNA!