BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Blocco degli stipendi per i dipendenti pubblici Madia: non ci sono risorse

Il ministro della Pubblica Amministrazione Marianna Madia afferma: "In questo momento di crisi le risorse per sbloccare i contratti a tutti non ci sono. Prima di tutto guardiamo a chi ha più bisogno". Un'affermazione che è destinata a sollevare polemiche tra i dipendenti pubblici.

Un’affermazione che gela i dipendenti statali. "In questo momento di crisi le risorse per sbloccare i contratti a tutti non ci sono" afferma il ministro della Pubblica amministrazione Marianna Madia, sui rinnovi contrattuali per i dipendenti pubblici. E aggiunge: "prima di tutto" guardiamo "a chi ha più bisogno", quindi "confermiamo gli 80 euro, che vanno anche ai lavoratori pubblici". Il bonus Irpef, ricorda il ministro, va infatti a tutti i lavoratori sotto una certa soglia di reddito, inclusi gli statali.

D’altra parte, sottolinea il ministro, "i contratti hanno iniziato ad essere bloccati all’inizio della crisi". Una crisi che "visti i dati sull’economia" prosegue e che "il governo è impegnato" a superare. Uno sforzo che secondo il ministro deve coinvolgere "tutti" sia "il governo che le parti sociali".

Parlando a margine dei lavori in commissione Affari Costituzionali del Senato, dove è iniziata la discussione sul ddl Pa, Madia spiega che la decisione sui contratti per il pubblico impiego verrà presa in sede di legge di stabilità, ma presumibilmente la proroga del blocco, cominciato nel 2010, dovrebbe essere di un anno (2015).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Sandro

    La Madia è fidanzata col figlio di re Giorgio, una raccomandata di ferro. Proprio nulla a che fare con la prima repubblica, vero Renzie? Fate sempre più ribrezzo! Preparate l’asse sulla schiena che tra un po’ vi arrivano

  2. Scritto da caterina

    almeno noi dipendenti pubblici siamo gli unici a pagare le tasse regolarmente perchè è un dato di fatto che ci vengono tolti alla fonte gli altri?………. e non sarebbe ora che si dimezzassero quelli dei politici

    1. Scritto da DipendentePrivato

      In quale mondo vivi ? Non dimenticarti che il tuo stipendio ed i tuoi contributi vengono pagati con le tasse , cioè con la ricchezza creata da ME e dalle imprese dove lavorano quelli come ME ! E quelli come ME sono quelli che possono perdere il lavoro o essere cassintegrati ed ggi ce ne sono a milioni. Ti risulta o ti faccio un disegnino ?

  3. Scritto da Filippo

    La ministro Madia una ragazza straraccomandata che parla, parla…a vanvera.

  4. Scritto da Tino

    in nome dell’assenza di risorse, dell’assenteismo medio ancora troppo elevato, della scarsa produttività colpa di tutti (se un impiegato non lavora è colpa sua, prima che del dirigente …), il blocco ci sta tutto.
    Piuttosto ricordiamoci che abbiamo in Italia milioni di pensionati pagati con sistema retributivo e non contributivo e tra questi una miriade di baby pensionati.
    Perché le pensioni di questi fortunati non vengono mai toccate per solidarietà ?

  5. Scritto da coniatore

    Provare chiederli ai ricchi o agli evasori? A certo non si può perchè o li portano all’estero o non ti votano più.

  6. Scritto da cristiano

    ma pensa un po’….i dipendenti pubblici….gli tocca tirare la cinghia????anatemaaa Toccare i privilegiati non si può,no no no!!!Se si dovesse legare lo stipendio(sicuro)delle P.A alla produttività ne vedremmo delle belle.Non lamentatevi ,cari, che siete tra quelli che se la passano bene ,ora ,in italy!!!

    1. Scritto da Gape

      CARISSIMO, ne riparleremo fra 10 anni quando la spending avrà distrutto il sistema pubblico e legittimato esclusivamnete il sistema privato (vedi sanità USA)…solo allora si sveglierà dal letargo e capirà che la demagogia populista contro il sistema pubblico era ed è tutt’oggi costruita ad arte, tanto dal precedente governo che da quello attuale senza distinzione alcuna di colore o credo!!!!!

      1. Scritto da Jim

        Che c’entra ?

    2. Scritto da polidoro

      mah. veramente i privilegiati, come li definisce lei, hanno il contratto bloccato da quasi 5 anni. in realtà, quando c’è da “toccare” qualcuno, gli statali sono sempre i primi, provi un po’ a vedere un po’ le buste paga, se non ci crede. invece i dirigenti pubblici, che sono nominati dai politici, hanno stipendi faraonici… dunque, sig. cristiano, ci lamentiamo eccome.

    3. Scritto da the genius

      Concentrato di stupidaggini record in così poche righe

  7. Scritto da il polemico

    beh,affettivamente stanno aiutando chi è messo o sarebbe messo peggio….gli africani e gli arabi,e gli italiani?’verranno aiutati quando ci saranno un pò di soldi,sempre che non si dia la precedenza a qualche banca messa male….stendiamo un velo pietoso sugli 80 euro,dove si costringono tutti gli italiani a pagare per coprire il budget che poi viene elargito solo a una fetta di cittadini.e gli altri chi sono?servono solo per pagare e mai ricevere?..farlocchi

  8. Scritto da nino cortesi

    Politici da abbattere con il voto.
    Ma il popolo, neppure per colpa sua visto che le balle le raccontano i mezzi di informazione che possiedono altri, non ne capisce una mazza.
    Votate M5* e si volta pagina altrimenti non lamentatevi perché l’avete voluto voi. Mi sa che sono le solite parole al vento..

  9. Scritto da tex

    certo non toccano i soldi dei politici e degli enti inutili, sto governo del pd è peggio dell’hiv,

  10. Scritto da daniela

    Questi ragazzini non sono neppure capaci di trovare argomentazioni decenti.

  11. Scritto da Aladin

    Pagan sempre i soliti. Ennesima stangata sul ceto medio, che non sta ancora malissimo ma che dall’aggiornamento dei contratti avrebbe potuto avere quella possibilità di spendere e consumare che pare essere a detta di molti la priorità per far ripartire l’economia. Invece oggi come oggi bisognava semmai fare una patrimoniale colpendo chi ha redditi e rendite altissimi. Per non parlare degli evasori.

  12. Scritto da mario

    Tagliare stipendi a onorevoli,ministri,.,togliere le auto blu e di servizio ecc ecc.questa e’ la ricetta giusta ma Voi non la capite………

  13. Scritto da Roberto

    Come al solito. Chi paga le tasse in quanto dipendente dello stato, quindi tassato in busta, ha il contratto bloccato. Ma i prezzi per i pannolini, carne, gas, luce aumentano. Invece di dare soldi alle banche fatali a chi realmente immette soldi nel mercato. E poi andate a prendere i veri sanguisuga dello stato. Le lobby…

    1. Scritto da Marino

      Ma il dipendente dello stato, almeno ha posto e stipendio blindati e inattaccabili per l’eternità senza obblighi di produttività. È un privilegiato rispetto ai disoccupati e ai cassaintegrati costantemente in aumento!

    2. Scritto da Ric

      Perchè , secondo te gli altri contratti/redditi come sono messi ? Senza contare che gli altri possono essere licenziati o lo sono già stati.

  14. Scritto da Marco

    perchè non si recuperano soldi agli evasori fiscali?!?

    1. Scritto da Beoti

      Alle banche, alle banche, ovvero gli usurai legalizzati che prendono interessi su banconote che prestano
      Fossero dello stato le banconote, gli interessi li prenderebbe lo stato e quindi ci sarebbero i soldi per i contratti dei laviratori statali.
      Semplice, no? Ma continuate a dare interessi alle banche, beoti!

    2. Scritto da MAURIZIO

      Perché i dipendenti pubblici che lavorano nell’istituzione pubblica chiamata agenzia delle entrate non vogliono più accertare l’evasione, ma accusare senza prove e con strumenti burocratici mistificanti e illeciti i contribuenti. Questo non porta nessun recupero, ma fomenta anzi l’evasione. L’ufficetto delle entrate perde, media nazionale, il 53% dei ricorsi. Significa il 70% in certe province. Disonesti e incapaci.

    3. Scritto da daniela

      Mi ha tolto le parole di bocca…

  15. Scritto da mario59

    Giusto..se non ci sono i soldi bisogna tirare la cinghia e dare la precedenza a chi è messo peggio..ma la ministra che a sua volta è una dipendente pubblica, quanto guadagna al mese..?

    1. Scritto da kappaelle

      Ma quando mai taglieranno gli stipendi ai vari ed inutili dirigenti che come minimo prendon 100000 euro all’anno per non far nulla? Questi son i veri tagli …basta !

    2. Scritto da Marco Cimmino

      Credo che il punto chiave sia un altro:
      http://odifreddi.blogautore.repubblica.it/2014/02/22/la-madia-ministro-vergogna/