BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“In arrivo a Cremona, ma anche per Bergamo treni diesel di 40 anni fa”

Dario Balotta di Legambiente annuncia che dopo le richieste dei sindaci di Bergamo e di Cremona e la risposta dell'assessore regionale, "Trenord sta mandando a Cremona, ma per funzionare anche in Bergamasca e nel Bresciano, treni degli anni Settanta che erano fermi da anni".

La settimana scorsa i sindaci di Bergamo e di Cremona avevano scritto alla Regione che era giunto il tempo di cambiare passo nella gestione di Trenord, per migliorare la qualità del servizio ferroviario regionale.

Mentre il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, aveva sottolineato i disagi, non più sopportabili, dei pendolari della Bergamo Milano, il sindaco di Cremona aveva chiesto di togliere dalla circolazione i vecchi ed inquinanti treni diesel che sferragliano sulla Cremona Brescia, Parma Brescia e Cremona Treviglio, sostituendoli con treni elettrici.

L’assessore ai trasporti Alberto Cavalli ha risposto a stretto giro di posta, che sono in arrivo 62 nuovi treni e che l’offerta era stata potenziata sulla Treviglio Milano. Non solo, ma i lievi disservizi e le soppressioni dei giorni precedenti erano da attribuirsi al periodo estivo, in cui si accentuano i livelli di manutenzione alla rete e ai treni.

Comunque gli indici di puntualità sono in rialzo. Queste le dichiarazioni dell’assessore: in realtà, per motivi ancora da accertare, Cremona in particolare sta per ricevere l’ennesima delusione dalla Regione Lombardia, come sostiene Dario Balotta di Legambiente che ha diffuso la notizia dell’arrivo dei treni diesel con oltre quaranta anni di vita: “Ci risulta che in questi giorni sono arrivati dal Deposito Locomotive di Treviso a quello di Cremona 12 convogli diesel Ale 668 degli anni 70’ serie 1200 (la più vecchia) che erano fermi da anni.

Al deposito cremonese spetta il compito di dare leggeri ritocchi e una messa a punto per rimettere in moto questi vecchi treni sulle linee del cremonese, del bresciano e della bergamasca.  Secondo il programma di Trenord verranno spostati a Milano i treni elettrici Ale 662 degli anni 80’ per far fronte alle esigenze imminenti dell’Expo. Expo 2015 dove i ritardi non sono solo infrastrutturali, ma anche gestionali e di pianificazioni dei servizi di trasporto. C’è da chiedersi se l’azionista di controllo di Trenord, nonché pagatore dei contributi d’esercizio, cioè la Regione Lombardia, sia è al corrente di questa scelta del management aziendale”.

“Se è questa l’attenzione chiesta a Trenord dall’assessore Cavalli, no grazie. Trenord deve uscire dallo stato confusionale in cui si trova, da quando nel dicembre del 2012 ci fu la Caporettoferroviaria lombarda e vennero soppressi centinaia di treni ogni giorno per una settimana consecutiva. La Regione dovrebbe pretendere da Trenord una efficace riorganizzazione interna, la riduzione dei costi di gestione, che sono alle stelle, e fare una verifica sul management aziendale, piuttosto che continuare con le solite promesse. Il servizio ferroviario andrebbe messo a gara come avviene nel resto d’Europa. Non possiamo credere che l’invio di una dozzina di vecchi e inquinanti treni diesel a Cremona sia la risposta della regione al Sindaco, che non ha voluto concedere il quadro dell’Arcimboldo all’Expo”. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da coma311

    Ragazzi c’è chi paga per andare su treni storici e voi vi lamentate?!?!?! Trenord con questi treni vuole regalare un viaggio d’altri tempi ai pendolari…

  2. Scritto da ciao

    Visto che siamo la locomotive del paese è giusto che ci diano treni di 40 anni fa. Navi nuove invece per andare a prendere I nuovi italiani oltre meditteraneo.

  3. Scritto da Giovanni

    An va innach come i gamber

  4. Scritto da davide

    sentite, meglio che niente… però è risibile che la precedenza sia stata data a costruire un’autostrada inutile, sottoutilizzata e CARISSIMA come bre.be.mi e per fare l’altavelocità..

  5. Scritto da MCD

    Solo in un paese di pagliacci come il nostro possono accadere queste assurdità’e dopo ci lamentiamo se le PM 10 arrivano a livelli mai visti !!!! Da non crederci

  6. Scritto da Flamio

    Se fossero le carrozze a gasolio della Brescia Edolo sarebbero ottime!

  7. Scritto da mirio

    la strategia fallimentare ferroviaria sta chiusa tutta in una parola:PDL-LEGA che governano in regione e stanno in piedi a balle.ed è piu drammatico ancora che la gente gli da retta e li vota ancora.l ospedale della vergogna non ha aperto gli occhi a molta gente

  8. Scritto da Andrea

    Legambiente ci arriva ora??? Sono 5/6 anni che questi rottami circolano sulla Bergamo – Lecco

  9. Scritto da Tuditanus

    Diciamo pure che la Regione Lombardia si dà tantissimo da fare per massimizzare i consumi: investimenti enormi per asfaltare tutto e favorire al massimo il trasporto su gomma, che notoriamente consuma poco petrolio, e trasporto pubblico su ferro a livello di un paese sottosviluppato. Non è bello doverlo dire, ma siamo nel bel mezzo del peggior modello di sviluppo possibile.

  10. Scritto da eugenio

    Basta cosi. Ma si va avanti o indietro? Treni diesel degli anni 70!!!! Quanto consumano? A riguardo dell’inquinamento come siamo messi com quei pezzi di antiquariato. Non riflettiamo troppo questa e l’italia, un iitalia che non và da nord a sud

  11. Scritto da Andrea

    Oltre il danno la beffa: da oggi sono pure rincarati i biglietti!
    L’inedeguatezza di questa amministrazione regionale è ormai sotto gli occhi di tutti, nonostante il sonno delle opposizioni, M5S compreso.

  12. Scritto da Progresso

    Dopo 20 anni di lega e pdl in Regione e Provincia , Bergamo provincia di Timbuctù sia per le ferrovie che per la manutenzione delle strade. Amen.

  13. Scritto da pinco

    avete copiato l’articolo dell’Eco? medesimo errore AlN668 ALE vuol dire elettrico

    1. Scritto da Redazione Bergamonews

      Primo: perché avremo dovuto copiare noi e non viceversa? Secondo: si tratta di un comunicato stampa, l’errore semmai è lì.

  14. Scritto da magda

    smettetela di prenderci in giro dove sono i famosi 63 treni promessi, rifiutiamoci di pagare !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!