BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La tv del 30 agosto Festival di Castrocaro “Rocky III” e “Maigret”

Per la prima serata in tv, su RaiUno va in onda la finale del Festival di Castrocaro, trampolino di lancio per tanti giovani cantanti, quest'anno condotto da Pupo. Su Italia1, invece, l’appuntamento è con il film drammatico “Rocky III”. Nel palinsesto degli altri canali spiccano il film commedia “I laureati” su Canale5 e il telefilm “Il commissario Maigret” su La7. Ecco tutti i programmi.

Su RaiUno, in prima serata, va in onda la finale del Festival di Castrocaro, trampolino di lancio per tanti giovani cantanti, quest’anno condotto da Pupo. Su Italia1, invece, l’appuntamento è con il film drammatico “Rocky III”.

Nel palinsesto degli altri canali spiccano il film commedia “I laureati” su Canale5, il telefilm “Il commissario Maigret” su La7 e lo spettacolo teatrale “Terrybilmente divagante”, con Teresa Mannino, su Rai5. Da segnalare, infine, il film thriller “I segreti di Cold Spring” su RaiDue, il film drammatico ”La donna che canta” su RaiTre, il telefilm “The mentalist” su Rete4 e il film drammatico “Quella sera dorata” su La7D.

Ecco tutti i programmi nel dettaglio, canale per canale, con le relative anticipazioni.

– Su RaiUno, alle 20.30 va in onda il varietà “Techetechetè – Vive la gente”, varietà che vede protagoniste le persone comuni e i loro commenti su tutto quanto li circonda raccolti dai telegiornali in sessant’anni di televisione, facendo da vivace e spesso esilarante didascalia alle scenette comiche e alle canzoni abitualmente proposte dalla trasmissione. A seguire, in prima serata, alle 21.20 l’appuntamento è con la serata finale del “Festival di Castrocaro 2014”, condotto da Pupo. Da Castrocaro Terme, Pupo presenta la 57.esima edizione del festival, la tradizionale rassegna di voci nuove. La manifestazione è nata nel 1957 ed è stata il trampolino di lancio per tanti giovani cantanti, allora sconosciuti, che poi hanno raggiunto il successo: da Gigliola Cinguetti a Iva Zanicchi, da Caterina Caselli a Fiorella Mannoia, da Eros Ramazzotti a Zucchero, da Paolo Vallesi a Luca Barbarossa.

– Su RaiDue, alle 21.05 il film thriller “I segreti di Cold Spring”, con Natasha Henstridge e Sean Patrick Flannery. Spinti da un incidente d’auto quasi fatale, gli sposi Sara e Roy decidono di iniziare una nuova vita nella cittadina di Cold Spring e ciò permette all’uomo di rompere la relazione extraconiugale con l’amante Diane. Quando la coppia sembra aver trovato nuovo equilibrio, Diane si presenta a Cold Spring con il figlio Jacob, avuto da Roy, e con un elaborato piano di vendetta qualora non riesca ad avere indietro l’amore della sua vita, divenuto ormai ossessione.

– Su RaiTre, alle 21.05 il film drammatico “La donna che canta”, con Lubna Azabal. Il film racconta la storia di una donna libanese che, in punto di morte, affida due lettere ai suoi due figli gemelli, una da consegnare al padre che non hanno mai conosciuto e l’altra ad un fratello che non sapevano di avere. Questa ricerca diventa un viaggio senza protezione e senza compromessi nelle atrocità della guerra del Libano…

– Su Rete4, alle 21.130 il telefilm “The mentalist”, con Simon Baker e Robin Tunney. Andranno in onda due episodi: “Passato dai rossi contorni” e “Dolcetti di velluto rosso”. Nel primo, Patrick è impegnato a scovare qualche indizio utile a dare un volto all’assassino di un ricco uomo d’affari, ucciso con una pistola antica. Nel secondo, Lisbon (Robin Tunney), bloccata in tribunale, incarica Rigsby e Van Peilt di recarsi sulla scena del crimine a Sacramento.

– Su Canale5, alle 21.10 il film commedia “I laureati”, con Leonardo Pieraccioni e Rocco Papaleo. I protagonisti, Leonardo, Rocco, Bruno e Pino – quattro trentenni universitari fuori corso – hanno preso a Firenze un alloggio comune. Leonardo, dopo pochi mesi di matrimonio, ha lasciato la moglie; Rocco vive con i soldi che gli ha lasciato la nonna e intanto fa il metronotte; Bruno, sposato con Marta, si fa vedere più che di rado in casa del suocero Berto, un mediocre industriale, che lavora a Follonica e vive con le due figlie Marta e Cecilia ormai sposate (quest’ultima amante di Bruno, che tra l’altro la obbliga a fare fatture false); Pino, che spera di ottenere successo come cabarettista anche se e afflitto da una lamentosa fidanzata. Quattro vite fallite e quattro giovani inerti e senza prospettive serie, impigriti da pizzerie e goliardate. L’unico che ha qualche sprazzo di lucidità e coscienza è Leonardo che si innamora di Letizia (sorella di Rocco), una mediocre attrice di fotoromanzi.

– Su Italia1, alle 21.10 il film drammatico “Rocky III”, con Sylvester Stallone. Il film inizia dove finisce Rocky II, cioè con il protagonista già campione del mondo del pesi massimi, in seguito alla vittoria su Apollo Creed. Vengono descritte le varie fasi dell’evoluzione del suo successo fino al suo completo "incivilimento" e alla perdita della fame di vincere. Da pugile aggressivo e con l’occhio da tigre, Rocky si trasforma in un uomo da spettacolo, molle e dedito al culto di se stesso. La dolorosa sconfitta che gli infligge Cluber Lang, astro nascente che sprizza energia e voglia di affermarsi da tutti i pori, lo distrugge psicologicamente insieme alla morte del vecchio e fedele manager. Lo aiuterà a rialzarsi, costringendolo a duri allenamenti e ad imparare una nuova tecnica, quella della scherma "negra" e quasi danzante alla Cassius Clay, proprio Apollo Creed, il campione battuto. Rocky ritornerà sul ring.

– Su La7, alle 21.10 il telefilm “Il commissario Maigret”, con Bruno Cremer. Andranno in onda due episodi: “Maigret e il mercante d’arte” e “Maigret e la chiusa”. Nel primo, Maigret (Bruno Cremer) indaga sul ferimento dell’ispettore Lognon, e scopre che stava sorvegliando una giovane donna, che poi è scomparsa misteriosamente. Nel secondo, un vecchio battelliere cade in acqua vicino a una chiusa. Viene salvato, ma i soccorritori si accorgono che un altro corpo galleggia nel fiume e recuperano anche questo: si tratta di Ducrau, il proprietario di diverse chiatte. L’uomo, però, non è annegato: è stato pugnalato.

– Su La7D, alle 21.30 il film drammatico “Quella sera dorata”, con Anthony Hopkins, Charlotte Gainsbourg e Omar Metwally. Il protagonista, Omar Razaghi è uno studente di origini iraniane diplomatosi all’università del Colorado al quale viene assegnata un borsa di studio per scrivere la biografia ufficiale dell’autore scomparso latino-americano Jules Gund. Ma, a sorpresa, la Fondazione Gund nega a Omar l’autorizzazione alle ricerche. Su consiglio della fidanzata Deirdre, il ragazzo si reca in Uruguay per incontrare gli eredi e chiedere all’esecutore testamentario di cambiare idea. Ma si ritrova coinvolto in un vespaio di intrighi, relazioni improprie e stravaganze.

– Su Mtv, alle 21.10 il varietà “Pranked”, show che mostra il meglio degli scherzi trovati in rete da ragazzi di tutto il mondo e condotto da Streeter Seidell e Amir Blumenfeld. “Prank”, è l’abbreviazione inglese di practical jokes, che indica uno scherzo ben fatto.

– Su Rai4, alle 21.10 il telefilm “Ghost Wisperer”. Proprietaria di un negozio di antiquariato in una piccola cittadina dello stato di New York, Melinda Gordon è in grado di parlare con le anime delle persone morte. Un dono, una condanna in alcuni casi, che la sua famiglia custodisce da più generazioni. Compito della donna è aiutare gli spiriti a lasciare definitivamente la vita terrena, chiudendo i legami con chi è stato loro accanto, e spingerli verso l’aldilà.

– Su Rai5, alle 21.15 teatro “Terrybilmente divagante”, con Teresa Mannino. L’attrice racconta, sorride, graffia: è in bilico tra mondi diversi, come il nord e il sud, l’universo maschile e quello femminile, affronta “l’altra metà del cielo” con affettuosa consapevolezza e guarda i maschietti con il sorriso ironico di chi non aggredisce ma comprende, però fino a un certo punto… Racconta e chiacchiera con la spontaneità di chi si trova su un palcoscenico ma conserva la stessa immediatezza che avrebbe in un salotto. Ovviamente non un salotto con pretese di mondanità, ma un salotto qualsiasi, in un pomeriggio qualsiasi. Come se gli spettatori non avessero prenotato un biglietto, ma avessero semplicemente suonato il citofono per una visita improvvisata.

– Su Cielo, canale in chiaro di Sky, alle 21 il film drammatico “Whore”, con Theresa Russell e Benjhamin Mouton. La giovane prostituta Liz passeggia sul marciapiede, in cerca di clienti, in un quartiere di povera gente: è fuori dalla sua zona abituale perché è fuggita dal suo violento protettore, Blake, che incassa la metà dei suoi guadagni. Liz è terrorizzata, perché sa che egli la sta cercando e vuol punirla duramente, perciò appena avvista la sua auto rossa si nasconde, intanto tratta con potenziali clienti e ricorda un atroce episodio: Invitata da un giovane dall’aria perbene, era salita in un furgone, dentro il quale cinque uomini imbestialiti la violentarono e la picchiarono selvaggiamente, finché, stufi, la gettarono quasi morente sull’asfalto. Allora Liz, che non voleva ricorrere né all’ospedale, né alla polizia fu curata premurosamente da un passante, che non le chiese nulla in cambio. Poi la donna ripensa a Charlie, un anziano e gentile cliente fisso, il quale godeva nell’essere bastonato da lei: ora che egli è gravemente malato, mentre gironzola sul marciapiede, Liz conosce Rasta, un bizzarro uomo di colore e subito i due diventano amici. Ora lei può fare a Rasta le sue confidenze, come un tempo faceva con Katie, la sola amica che ha avuto, una donna colta e intelligente che la ospitava in casa sua e le aveva regalato un libro, il primo e l’unico nella vita di Liz. Ma Blake temeva questa amicizia, perché ha bruciato il libro e minacciato Katie di amazzarla. E Liz sa quanto egli è spietato: ha soccorso infatti una sua collega, accoltellata da lui, che pochi giorni dopo l’ha uccisa. Ora la donna ricorda il suo matrimonio, dapprima felice, con un giovane dal quale ha avuto un bambino, Chris; poi il marito ha preso a bere, a picchiarla e a tradirla, finché lei lo ha lasciato, e, affidato il bimbo a sua madre, si è trovata un modesto lavoro in un bar. Qui, una sera un cliente le ha dato molto denaro ed è così che Liz ha cominciato il mestiere. Adesso Blake la ritrova e la obbliga a riprendere il lavoro per lui. Intanto Liz pensa a Chris, affidato dal giudice, dopo la morte della nonna, ad una coppia senza figli. La madre lo vede di rado e ne soffre molto. Poi Liz ha un rapporto in auto con un prete (sposato e con figlio), che muore d’infarto subito dopo. Blake deruba il cadavere di tutto, nonostante le proteste di lei, poi la picchia, le spezza deliberatamente alcune dita e cerca di strozzarla, ma Rasta gli balza addosso e lo sgozza. Ora Liz si allontana: è libera, e può di nuovo sperare.

– Su La5, alle 21.10 il film commedia “Papà, ho trovato un amico”, con Dan Aykroyd. A Madison, in Pennsylvania, nel ’72, Harry Sultenfuss, impresario di pompe funebri, è vedovo da 11 anni. Tratta con un certo distacco la figlia Vera, venuta alla luce poco prima della morte della moglie. La famiglia è completata dallo zio Phil, fratello di Harry, e dalla nonna paterna Gramoo, ormai sclerotica ma adorata dalla nipote. Vera somatizza tutte le malattie dei "clienti" del padre e tormenta l’anziano dottor Welty con le sue visite. Ha anche un amico del cuore, il serio e timido Thomas J. Sennett, come lei isolato dai compagni di scuola. L’improvviso fidanzamento del padre con Shelly De Voto, una estetista dedita ad imbellettare i defunti clienti, provoca in Vera un confuso sentimento di gelosia. Vera è anche innamorata del maestro Bixler, e pur di stargli vicino si iscrive ad un corso estivo di poesia da questi tenuto, sottraendo la somma dell’iscrizione al salvadanaio di Shelly, che vive in un pittoresco camper. L’ostilità verso Shelly, culminata durante una visita al Luna Park col padre, si attenua quando l’arrivo delle prime mestruazioni trova la bimba sola in casa con lei, che inizia in tal modo a far le veci della mamma scomparsa. Ma scoppia la tragedia; andato nel bosco a cercare un anello che era caduto a Vera durante una precedente spedizione contro un alveare d’api, Thomas J. viene punto, ed essendo allergico, muore. Disperata, perchè oltretutto proprio il giorno prima i due s’erano scambiati il primo innocente bacio, ed anche per l’aver scoperto che il maestro ha una fidanzata, Vera non sa darsi pace. Ma ecco a poco a poco porsi in movimento energie positive: il ritrovato affetto del padre, la premurosa attenzione di cui la circondano Shelly e lo zio, una nuova amicizia scolastica con una compagnetta che dapprima le era ostile, il commovente incontro con la mamma di Thomas J. che le restituisce l’anello trovato nella mano del figlio al momento della tragedia. Lasciando alle spalle la bimba nevrotica ed ipersensibile dell’infanzia, Vera può ormai entrare nell’adolescenza con una nuova consapevolezza dei valori della vita.

– Su RaiMovie, alle 21.15 il film drammatico “The wrestler”, con Mickel Rourke e Marisa Tomei. Alla fine degli anni ’80 il wrestler professionista Randy "The Ram" Robinson (Mickey Rourke) era al culmine della carriera. Oggi tira avanti esibendosi per i fan del wrestling nelle palestre dei licei e nelle comunità del New Jersy. Allontanatosi dalla figlia (Evan Rachel Wood), incapace di sostenere un vero rapporto, Randy vive per il brivido dello show, per l’adrenalina del combattimento e per l’adorazione dei pochi fan che gli sono rimasti. Dopo essere stato colto da un infarto durante un match, Randy viene obbligato dal suo medico a smettere di combattere e di farsi di steroidi: se continuasse, ne potrebbe andare della sua vita. Lontano dal ring, Randy prova a cominciare una nuova vita: trova lavoro in una tavola calda, tenta di riallacciare i rapporti con la figlia e inizia una relazione con una spogliarellista non più giovanissima (Marisa Tomei). Per un breve periodo le cose sembrano funzionare; ma il richiamo della ribalta è troppo forte, e Randy decide di tornare ancora una volta sul ring per un match di rivincita contro il suo nemico storico, un wrestler noto come l’Ayatollah.

– Su Rai Premium, alle 21.20 la fiction “La meglio gioventù”, con Luigi Lo Cascio, Alessio Boni, Andrea Tidona, Fabrizio Gifuni, Jasmine Trinca e Adriana Asti. Roma, 1966. La famiglia Carati è una famiglia come tante. I due fratelli condividono sogni e speranze, finché l’incontro con una ragazza psichicamente disturbata, Giorgia, sconvolgerà il destino di entrambi: Nicola diventa psichiatra e si trasferisce a Torino dove conosce Giulia, Matteo diventa poliziotto e si fa dislocare in Sicilia…

– Su RaiSport1, alle 20.45 “Pallavolo Femminile: Grand Prix 2014 Italia – Turchia”.

– Su RaiSport2, alle 20.25 “Baseball: Campionato Italiano Finale : UnipolSai Bologna vs. Rimini”.

– Su Iris, alle 21 il film commedia “Io so che tu sai che io so”, con Alberto Sordi, Monica Vitti, Isabella De Bernardi e Salvatore Jacono. Il protagonista, Fabio Bonetti, 50 anni, è un bancario. E’ sposato con Livia ormai da vent’anni e la vita coniugale si trascina avanti stancamente nella monotonia quotidiana. Le due passioni di Fabio sono la tv e le partite di calcio. Un giorno irrompe nella loro vita un detective privato, incaricato dal famoso finanziere Vitali di pedinare la moglie Elena, che abita nello stesso palazzo dei Bonetti. Elena Vitali ha prestato la sua Panda a Livia e così il detective ha filmato per diverse settimane la vita di Livia. Dopo alterne vicende Fabio viene in possesso dei filmati e proiettandoli scopre le situazioni tragiche nascoste sotto la vita normale della sua famiglia: la figlia sedicenne Veronica si droga dall’età di tredici anni, la moglie l’ha tradito con un altro uomo; lui stesso, Fabio, ha una malattia incurabile e i suoi giorni sono contati. Vedendo però tutti i filmati a poco a poco si rende conto delle sua responsabilità. Della figlia non si è mai curato, anche quando lei indossava i vestiti del padre per richiamare la sua attenzione; la moglie l’ha tradito perché egli le ha preferito una partita di calcio, facendole sperimentare tutta l’amarezza della solitudine; la sua malattia invece non esiste, perché i medici si sono sbagliati. Così Fabio, dapprima furente e disperato, accetta le sue colpe e decide di rassegnarsi alle umili, malinconiche gioie della vita quotidiana in seno alla famiglia.

– Su Mediaset Extra, alle 21.15 il varietà “Colorado Extrasummer”. Programma all’insegna di cabaret e comicità.

– Su Top Crime, alle 21.05 il telefilm “Law & Order: Criminal Intent”. La serie nasce come secondo spin-off di Law & Order – I due volti della giustizia, e si differenzia da essa per un approccio di tipo psicologico alle indagini (nonché per l’assenza della parte processuale, tipica invece della serie madre). Protagonista un’unità speciale del New York Police Department, con gli storici sono il Det. Robert Goren (Vincent D’Onofrio) e la collega Det. Alexandra Eames (Kathryn Erbe), con le loro intuizioni e i loro studi, ma nel corso delle stagioni la serie ha più volte mutato il suo cast.

– Su Real Time, alle 21.10 il docu-reality “Il mio grosso grasso matrimonio Gipsy”, programma in cui vengono documentati i matrimoni assolutamente sfarzosi della comunità gipsy inglese. Una “festa per gli occhi”: la comunità ha sempre mantenuto le proprie tradizioni e per la quale, il giorno del matrimonio deve essere caratterizzato da sfarzo e ricchezza. Nonostante l’atmosfera “esagerata” di questi matrimoni, in realtà la comunità gipsy ha delle regole molto severe e prevede la castità prematrimoniale, divieto di divorziare e niente concepimenti extra-coniugali. Il sogno di ogni ragazza è quindi un matrimonio indimenticabile, che avviene intorno ai 16 anni con festeggiamenti in cui è coinvolta tutta la comunità.

– Su RaiStoria, alle 21.25 “Eco della storia – Italia-Germania: nemici o complici?”. Il giornalista Gianni Riotta ne discute con Gian Enrico Rusconi, politologo e “germanista” e Michael Braun, giornalista tedesco della Tageszeitung. Il legame tra Italia e Germania è sempre stato particolare, dai tempi della guerra e del “tradimento” dell’armistizio. Un rapporto che continua ancora oggi, con i tedeschi che sembrano ispirare e dirigere molte delle scelte italiane in ambito economico e che ripropongono un paragone che ha sempre condizionato gli italiani. Ripercorriamo differenze e analogie tra i due Paesi, i tratti caratteriali, la rivalità calcistica partendo dai quei periodi in cui gli italiani andavano in Germania a cercare lavoro, nella stessa misura in cui i turisti tedeschi invadevano le spiagge italiane. Dagli anni ’70 in poi, i rapporti sono cambiati: diffidenze, sospetti, ruggini ben rappresentate nella storica copertina del “Der Spiegel” che nel 1977 raffigurò l’Italia con una pistola in un piatto di spaghetti. Da lì in poi, comincia un’altra stagione, anche di pericolose contaminazioni criminali. Ma sono stati soprattutto la riunificazione tedesca del 1989 e il trattato di Maastricht del 1993 a cambiare gli equilibri dei rapporti di forza, mentre oggi ci si chiede se per i tedeschi gli italiani siano diventati soltanto un problema economico, e non più la culla della cultura che appassionò Heine e Goethe. Quello tra Italia e Germania, settant’anni dopo il “tradimento” della Seconda Guerra Mondiale, è dunque ancora un rapporto di soggezione e di rivalità oppure può esserci una complicità fattiva, all’insegna del rispetto e della non reciproca dipendenza?

– Su Italia2, alle 21.10 il film di fantascienza “Mission to mars”, con Gary Sinise, Tim Robbins e Kim Delaney. Il 9 giugno 2020 un equipaggio di astronauti della Nasa lascia la Terra in direzione di Marte. Mesi più tardi, quando la missione é approdata sul pianeta rosso, il comandante Luke Graham e i suoi compagni scoprono qualcosa di strano e di gigantesco che si avvicina a loro. Fanno appena in tempo a trasmettere un messaggio non del tutto comprensibile, e poi vengono inghiottiti da una forza superiore. La stazione spaziale mondiale deve elaborare in fretta una missione di salvataggio per cercare di capire cosa è accaduto e recuperare gli eventuali superstiti.

– Su Dmax, alle 21.10 “Matto da pescare”. Eric Young, wrestler professionista e amante delle attività outdoor, gira in lungo e in largo il Paese per affiancare alcuni dei pescatori più estremi d’America. Il programma segue Young mentre scopre alcuni dei rituali di pesca più creativi, inusuali e pericolosi di sempre. Il suo obiettivo è imparare i metodi dei maestri di pesca americani e allo stesso tempo analizzare le particolari tradizioni locali, praticate ormai da anni.

Paolo Ghisleni

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.