BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atalanta, tra salvezza e il solito sogno europeo: dove può arrivare la Dea?

I 50 punti dello scorso campionato hanno lasciato la squadra di Colantuono nel limbo, a 18 punti dalla retrocessione e a 8 dal sogno europeo: la lotta è agguerrita, per qualsiasi traguardo, ma dove possono arrivare quest'anno i nerazzurri?

Più informazioni su

Alla viglia del debutto nel suo quarto campionato consecutivo nella massima serie, l’Atalanta di Stefano Colantuono si porta sulle spalle il solito dubbio: sarà solo salvezza o i nerazzurri riusciranno a centrare il traguardo europeo tanto sognato dai propri tifosi?

Se il mercato si dovesse concludere così, senza alcuna cessione eccellente, niente impedisce di pensare in grande: rispetto alla scorsa stagione, quando i nerazzurri finirono undicesimi, la rosa è senza dubbio più competitiva e completa in ogni ruolo, con cambi di qualità.

Sarà prima di tutto una corsa contro sé stessi: migliorare i 50 punti dello scorso campionato, quando la salvezza si era festeggiata con ben sette giornate d’anticipo, non sarà facile ma fare un ulteriore salto di qualità dal punto di vista del punteggio aumenterebbe la possibilità di centrare il traguardo europeo.

Sempre basandosi sui numeri della passata stagione, fare poco più di trenta punti potrebbe bastare per raggiungere la salvezza, mentre per l’Europa ne servono quasi 60. Migliorare sé stessi potrebbe anche non bastare e la concorrenza si annuncia agguerrita ma Parma, Torino e Verona, che l’anno scorso si sono piazzate meglio dei nerazzurri, potrebbero incontrare più di una difficoltà nel ripetersi, vuoi per gli impegni europei (Torino) o per le rivoluzioni del mercato (il Verona ha perso Iturbe, il Parma rischia di dover fare a meno di Cassano, Amauri e Biabiany).

La corsa, allora, sarebbe da fare su Lazio e Milan, rimaste fuori dalle coppe lo scorso anno e che, con meno impegni, concentreranno ogni sforzo per centrare l’obiettivo nel 2014/2015.

La strada verso un posto in Europa è senza dubbio in salita e piena di insidie ma questa Atalanta può sorprendere: i tifosi nerazzurri possono fare tutti gli scongiuri del caso ma un ruolo decisivo lo giocheranno anche loro visto che l’Atleti Azzurri d’Italia è stato praticamente una miniera di punti (11 vittorie, 3 pareggi e 5 sconfitte).

Obiettivo numero uno la salvezza, insomma, ma a quel punto, poi, sognare non costerebbe nulla.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da El Cid Campeador

    Se non vi saranno cessioni clamorose penso che il traguardo dei 50 punti sia raggiungibile. La qualificazione all’Europa League rimarrebbe un obiettivo molto difficile sebbene non impossibile.
    P.S. L’Apoel Nicosia mi pare abbia raggiunto gli ottavi di Champions League qualche anno fa, non parliamo a vanvera.

  2. Scritto da Vito

    Bisognerebbe rivedere le regole per l’accesso in Europa, ci sono squadre tipo Apoel di Cipro o alcune squadre scandinave che partecipano regolarmente alle coppe europee pur avendo la caratura dell Albinoleffe.

  3. Scritto da Alex

    Clamorosa retrocessione!
    La squadra sarà indebolita al fotofinish……

    1. Scritto da Luigi

      Tipo Consigli al Sassuolo!

  4. Scritto da Francesco

    Io sono dell’idea che bisogna restare coi piedi per terra e poi a salvezza acquisita provare a raggiungere l’obiettivo successivo. Il problema sorge quando dalla società arriva l’ordine di tirare i remi in barca e i giocatori si sentono appagati a metà stagione quando più o meno si capisce che andazzo prenderà il campionato. L’Europa sarebbe un sogno davvero grande, ma resterà tale ancora per qualche anno secondo me.

  5. Scritto da senza stadio

    SENZA stadio, sarà come l’anno scorso. Metà classifica.

    1. Scritto da tex

      dai non essere monotono, quello che c’è è già troppo e pagate i servizi che è meglio