BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Pedrengo quattro giorni di festa per gli 80 anni di fondazione degli Alpini

Da giovedì 28 a domenica 31 agosto l’Associazione Nazionale Alpini – gruppo di Pedrengo organizza quattro giorni di festa e iniziative per festeggiare l’80.esimo di fondazione. Nell’occasione, la sezione alpina pedrenghese celebra anche il 35.esimo anniversario del gemellaggio con gli alpini di Buttrio, in provincia di Udine.

Il gruppo Alpini di Pedrengo festeggia l’80.esimo anniversario di fondazione. Per celebrare questo importante traguardo della propria storia, la sezione Ana pedrenghese, attualmente guidata dal capogruppo Romano Pelizzoli, organizza quattro giorni di iniziative e di eventi che coinvolgono gli alpini e, più in generale, la cittadinanza.

E sarà festa doppia: quest’anno, infatti, ricorre anche il 35.esimo anniversario del gemellaggio con gli alpini di Buttrio, in provincia di Udine. I festeggiamenti, che si svolgeranno da giovedì 28 a domenica 31 agosto, alterneranno momenti istituzionali, musicali ed espositivi.

Per cominciare, giovedì 28 agosto, l’appuntamento è alle 18.30 nel cortile di villa Sottocasa, con l’inaugurazione di una mostra fotografica dedicata ai fratelli Calvi. L’esposizione rimarrà aperta al pubblico fino alle 20 e da venerdì 29 a sabato 30 agosto dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 20, mentre domenica 31 agosto dalle 10 alle 12.

Il giorno seguente, venerdì 29 agosto, sempre nel cortile di villa Sottocasa, si proseguirà all’insegna di cultura e tradizione: alle 20.30 ci sarà la presentazione del volume “Lo Scarpone”, raccolta di poesie dialettali contenente componimenti dal 2006 al 2012. Vi prenderanno parte anche gli autori delle poesie, che le leggeranno. La serata, che sarà condotta dall’alpino Francesco Brighenti, sarà allietata dagli intervalli del trio “Dolce primavera”. Al termine, spazio alla convivialità con un rinfresco per tutti i presenti.

Anche la giornata di sabato 30 agosto sarà ricca di manifestazioni commemorative e aggregative. Precisamente, alle 19, è in programma la deposizione di fiori al cippo dei dispersi al cimitero, seguita dall’inaugurazione del nuovo castello delle campane della chiesina della “Madonna del Buon Consiglio”, mentre la sera sarà la volta della musica nel cuore di Pedrengo, in Piazza Europa Unita: a esibirsi saranno le fanfare alpine La Ramera e Trescore Balneario. Questi gruppi musicali raggiungeranno il centro del paese partendo, alle 20, dalla periferia: alle 20.30 verranno presentati in piazza Europa Unita dove, alle 20.45, avrà inizio il concerto che le vedrà protagoniste. Da segnalare che, in conclusione, a fanfare riunite, verrà eseguito l’Inno nazionale. Alle 22.30, infine, al parco Frizzoni, nel piazzale delle feste, si terrà un rinfresco.

Domenica 31 agosto, infine, sarà la giornata-clou dei festeggiamenti, con le celebrazioni più istituzionali, accompagnate dalla voce dell’alpino-speaker Francesco Brighenti. Si inizierà al mattino, alle 8.30, con l’ammassamento agli impianti sportivi, in via Giardini, e il ricevimento delle autorità. Un’ora più tardi, alle 9.30, comincerà la sfilata per le vie del paese, con sottofondo musicale delle fanfare alpine di Scanzorosciate e di Sorisole. Lungo il percorso, si effettueranno la deposizione di fiori al monumento Avis e Aido, alzabandiera e deposizione di corona floreale al monumento ai caduti in Piazza Europa Unita e al monumento all’alpino. Una volta arrivati al parco Frizzoni, avrà luogo l’inaugurazione del cippo in memoria dei soci e fondatori del gruppo Alpini di Pedrengo. Si continuerà con il saluto delle autorità alle 10.30, la celebrazione della messa nel parco Frizzoni, con il coro “Emanuel”, alle 11 e lo scambio dei convenevoli alle 12. Per concludere, dalle 12.30, il piazzale delle feste del parco Frizzoni, in via Piave ospiterà il rancio alpino. Nel corso del pranzo, verranno consegnati attestati e suoneranno le fanfare alpine di Scanzorosciate e Sorisole.

Il capogruppo degli Alpini di Pedrengo, Romano Pelizzoli, commenta: “È un traguardo importante che vogliamo festeggiare assieme ai nostri amici Alpini e con tutto il paese, al quale siamo legati da un profondo affetto fin dall’anno della fondazione del Gruppo Alpini cittadino: il 1934. In tutti questi anni, il nostro gruppo è cresciuto moltissimo, grazie anche all’apporto ed al sostegno di tutti nonché all’impegno dei miei predecessori, ai quali va il ringraziamento degli Alpini ed il mio in particolare. Non dobbiamo dimenticare le iniziative a favore dei giovani, come l’incontro con i diciottenni di Pedrengo ai quali spieghiamo chi sono gli Alpini e cosa fanno quotidianamente, spezzando un po’ quel legame che nell’immaginario collettivo abbina Alpino e vino. Certo, ci sono momenti ludici ma sicuramente quelli di forte impegno, di solidarietà, di paziente e silenzioso lavoro a favore della comunità li superano di gran lunga”.

Pelizzoli è capogruppo dal 2010, succedendo a Giuseppe Spini che ricoprì la carica dal 1984 al 2009; il gruppo conta oggi circa 150 iscritti Alpini e circa 30 amici; ha un proprio Nucleo di Protezione Civile con 16 volontari di cui è responsabile Luigi Gavazzeni.

Paolo Ghisleni

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.