BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Migliaia di fedeli per l’addio ad Adelaide: “Una donna mariana” fotogallery

Più di 2mila persone hanno affollato la chiesa di Ghiaie di Bonate per i funerali della veggente bergamasca che settant'anni fa fu testimone di tredici apparizioni della Madonna.

Sono arrivati da tutto il Nord Italia, persino da Reggio Emilia e Torino, i fedeli della Madonna delle Ghiaie che hanno portato il loro omaggio ad Adelaide Roncalli, la veggente bergamasca che settant’anni fa fu la testimone delle apparizioni mariane nel paesino dell’Isola.

Noncuranti dell’atteggiamento contrario della Curia di Bergamo, che non ha mai dato il suo benestare per la venerazione della Vergine bergamasca, i credenti hanno affollato la chiesa di Ghiaie di Bonate per partecipare all’ultimo saluto della veggente. Alla fine se ne sono contati più di 2mila: c’erano anziani, donne, uomini e bambini. Nessuno ha voluto rinunciare ai funerali di Adelaide Roncalli, nonostante il grande caldo che ha segnato il pomeriggio di mercoledì.

C’era anche Lorenzo Pedrali, 65enne bergamasco che sul piazzale della chiesa ha raccontato con grande emozione i due miracoli ricevuti anni fa: "Nel 1999 avevo un tumore alle ossa e mi stavo preparando al peggio. I miei arti andavano in pezzi e una gamba si era addirittura accorciata di 7 centimetri. Non mi reggevo in piedi. Poi una notte – ha spiegato -, all’Istituto Palazzolo, ho incontrato una donna che mi ha detto di essere la Madonna delle Ghiaie: parlava in dialetto bergamasco e mi diceva di continuare a pregare, che lei mi avrebbe aiutato. La mattina dopo, tra lo stupore dei dottori, camminavo e non avevo nemmeno bisogno dei tutori. Sono passati quindici anni e oggi, da Bergamo, vengo alle Ghiaie a piedi".


Le celebrazione è stata presieduta da don Davide Galbiati, che ha voluto ricordare la veggente bergamasca come "una donna mariana. Il suo esempio – ha spiegato nell’omelia – ci aiuti a trovare la pienezza vera dell’esistenza. Il suo ultimo pensiero e le sue ultime parole sono state per la Madonna che le ha illuminato la vita, sempre".

Alla fine della cerimonia la processione di fedeli ha accompagnato il feretro della veggente al cimitero del paese: Adelaide Roncalli da anni abitava nel Milanese, col marito e con le due figlie, lontano dalle chiacchiere e dagli occhi indiscreti, ma come suo ultimo desiderio ha chiesto di essere sepolta a Ghiaie di Bonate, là dove nacque 77 anni fa e dove nel maggio del 1944 incontrò, secondo i suoi racconti, la Madonna e la Sacra Famiglia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Vito

    Oggi il noto quotidiano locale si è’ superato, scrivendo che tutte le accuse mosse alla Chiesa di segregazione della bambina sono da provare, basta chiedere ai parenti…anche le apparizioni a discrezione della Chiesa, ma fate i il piacere, qui l’ unica cosa certa e provata e’ la sparizione della gente dal mondo cattolico.

  2. Scritto da Epis Santino

    La storia legata ad Adelaide non finisce con la sua morte ma continuerà ad animare la pietà mariana di tutti coloro che alle Ghiaie di Bonate hanno incrociato i loro passi di figli con quelli rassicuranti di una Madre tenera e premurosa che li prende per mano e li conduce a Gesù, suo Figlio, per avere la certezza di contare sul suo amore ricco di misericordia. Adelaide sarà loro di aiuto perché ciò avvenga.

  3. Scritto da anna

    ha voluto essere portata davanti alla cappella della Madonna prima di essere sepolta e così è stato fatto, in maniera riservata.
    La folla di ieri inspiegabile a distanza di 70 anni dagli avvenimenti,

  4. Scritto da Joancarl

    Bela e fina l’omelia del don Daed. Pecad per ël sbat di ma’ final (poc bergamasc), qe ó sentid ën del filmad: ó fatc be’ a scapà vià ü moment prima.

    1. Scritto da anna

      sono d’accordo con lei. Il silenzio che una volta accompagnava le cerimonie era rispettoso e denso di emozione ! adesso sembra tutto uno spettacolo, anche un funerale.

  5. Scritto da sandra

    Rendiamo grazie a Dio per Adelaide, per la sua umiltà.Prega per la mia famiglia Cara Adelaide grazie per il grande dono che sei stata.

    1. Scritto da Lidia

      Si, che Adelaide con l’intercessione di MARIA protegga tutte le famiglie.Dalle più giovani ( famiglia allargate disastrose ) a quelle più anziane dove ormai solo omicidi. MARIA ed Aldelaide PROTEGGETE LE FAMIGLIE . Noi pregheremo per questo

  6. Scritto da Alberto

    Sul sito de l’Eco, neanche un trafiletto: brucia ricordare certe sconcezze compiute da alcuni esponenti del clero su una bambina che al limite, aveva lavorato di fantasia come molti bambini. A quell’età c’è chi crede di vedere Santa Lucia la notte del 13 dicembre, oppure di sentire i campanelli delle renne di Babbo Natale, o chi ha un amico immaginario. Se anche non vide la Madonna, una bambina di 7 anni non andava inquisita per una sua (eventuale) fantasticheria! Riposa in pace, Adelaide!

    1. Scritto da elena

      Caro Alberto se tu conoscessi la vera storia di ADELAIDE RONCALLI sulle quelle meravigliose apparizioni non avresti piu’ alcun dubbio .. nessuno potra’ mai sapere xche’ la BEATA GERGINE .abbia scelto lei ..questo ??.solo DIO LO SA .. ma io credo fermamente alle parole della BEATA VERGINE ….MOLTI SI CONVERTIRANNO E IO SARO’ RICONOSCIUTA DALLA CHIESA ,, RIMANIAMO DUNQUE IN ATTESA ,, E QUESTO AVVERRA’ ..MARIA NON PUO’ MENTIRE <3

    2. Scritto da valter

      Caro Alberto spero di mal interpretare ciò che hai scritto,come puoi parlare di amici immaginari quando in realtà ci sono stati segni miracolosi come il sole che si avvicinava e allontanava ruotando visti da centinaia di migliaia di persone…tutti visionari? La madonna è apparsa e secondo me è presente a Ghiaie.

      1. Scritto da Narno Pinotti

        Centinaia di migliaia… E nessun giornalista con una telecamera? Che peccato, dovremo accontentarci della categoria “autosuggestione di massa”.

        1. Scritto da Luigi

          Nel 1944 le telecamere non erano portatili e nemmeno così largamente diffuse come oggi… Un po’ di buon senso e di logica… Comunque la documentazione fotografica della folla di pellegrini esiste, http://www.madonnadelleghiaie.it. oppure nei libri delle Edizioni Villadiseriane http://www.villadiseriane.it. Non sfotta troppo i bisognosi che accorrevano sperando di guarire dai loro mali! Non erano comparse prezzolate a testimoniare Ghiaie!