BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Muore a 41 anni Alberto, l’escursionista di Levate caduto in un canale

E' stato tradito dalla sua grande passione Alberto Bonanno, l'alpinista che domenica era scivolato mentre stava risalendo con i ramponi il canale che porta al Redorta, su un percorso innevato con una pendenza di 50 gradi. Dieci anni fa anche la madre era morta in montagna.

 Ha trovato la morte durante una giornata come tante altre per lui, mentre si trovava in montagna per una delle sue escursioni.

E’ stato tradito dalla sua grande passione Alberto Bonanno, l’alpinista 41enne di Levate che domenica 24 agosto era scivolato mentre stava risalendo con i ramponi il canale che porta al Redorta, su un percorso innevato con una pendenza di 50 gradi. Condizioni piuttosto difficili, anche per un escursionista esperto come lui.

Alberto è scivolato ed è caduto per oltre cento metri, sbattendo contro diverse rocce sporgenti. Ha lottato per alcune ore contro la morte, ma in serata si è dovuto arrendere a causa dei gravi traumi riportati nella caduta. 

L’uomo, che lavorava come operaio alla Eurotech di Stezzano, aveva raggiunto domenica mattina il rifugio Baroni al Brunone per poi affrontare la salita. Un’escursione come tante altre per lui, che però stavolta è stato tradito dal fondo scivoloso.

Ad accorgersi dell’incidente sono stati i dipendendeti del rifugio, che vedendo un corpo in fondo al canale hanno allertato i soccorsi. Sul posto è arrivato il personale medico del 118 a bordo di un elicottero di Brescia. Una volta recuperato, il corpo dell’uomo è stato trasportato in un prato vicino per il massaggio cardiaco.  

Una volta rianimato, il 41enne è stato portato all’ospedale Papa Giovanni, dove è deceduto in serata dopo un peggioramneto.  in terapia intensiva, dove è arrivato in condizioni gravissime. Condizioni che sono peggiorate nella serata di domenica quando il 41enne è deceduto. 

La famiglia Bonanno era già stata colpita dieci anni fa da una tragedia in montagna. Nel 2003 proprio Alberto aveva scoperto il corpo senza vita della madre, Carmen Ronzoni di 57 anni, morta mentre era a funghi in un bosco, dopo essere caduta in una scarpata. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pietro Scanu

    Ciao Alberto
    R.I.P

  2. Scritto da Dimi- CEBI HITECH

    mi ricorderò per sempre quando , arrivato vicino al tuo reparto al lavoro, mi accoglievi con la tua allegria dicendomi ” domenica vieni a camminare con Me”
    CIAO ALBERTO

  3. Scritto da diego

    Ieri la montagna ci ha portato via una persona meravigliosa.cio che la montagna ci ha tolto,non lo potra’ mai strappare pero’ dal nostro cuore e dai nostri ricordi. Ciao Alberto!!!

  4. Scritto da RIP

    la vita è stata molto dura con te ragazzo, spero che dove sarai ora ti sia ridato con gli interessi quanto ti ha tolto. Che la terra ti sia lieve e che il dolore terreno divenga gioia eterna. Ciao Alberto