BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il maltempo rovina la produzione di nocciole: “Allarme per la Nutella”

Maltempo e gelate hanno messo in ginocchio la produzione di nocciole in Turchia, primo produttore mondiale con il 70% dei raccolti. Di conseguenza la Nutella potrebbe essere a rischio rincari. Ecco la notizia che potrebbe rovinare la giornata a molti golosi.

Più informazioni su

Maltempo e gelate hanno messo in ginocchio la produzione di nocciole in Turchia, primo produttore mondiale con il 70% dei raccolti. Di conseguenza la Nutella potrebbe essere a rischio rincari. Ecco la notizia che potrebbe rovinare la giornata a molti golosi. A rivelarla sono i quotidiani francese Le Parisien e Le Echos che lanciano un allarme mondiale.
Del resto la Ferrero utilizza da sola il 25% del mercato globale di nocciole per fabbricare la nota crema spalmabile. Non può stupire, considerando che ogni barattolino da 400g di Nutella contiene più di 50 nocciole, e che ogni anno Ferrero ne produce 180 milioni di chili, il che significa una quantità spropositata di nocciole (circa 18 miliardi). A cui vanno aggiunti anche altri prodotti, come i Ferrero Rocher e i Kinder Bueno. L’azienda italiana potrebbe dunque vedersi costretta a ritoccare i prezzi verso l’alto per fronteggiare l’aumento dei costi della materia prima.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Fabrizio

    Per rifornire la Ferrero e il suo consumo annuo di nocciole è ovvio che non bastano i soli noccioli del Piemonte, non basterebbero neanche i noccioli di tutto il nord Italia. Ovvio che devono acquistare fuori Italia. Lo stesso dicasi per il prosciutto di Parma, il San Daniele e la Bresaola. La materia prima locale non basta e senza l’import di maiali e manzi non potrebbero vendere all’estero.

  2. Scritto da Miki

    A me l’ha rovinata la notizia che le prendono in Turchia. Ma la tonda gentile di Langa per loro cos’è, un quadro di Botero?

    1. Scritto da Daniele

      Vorresti che si utilizzasse un prodotto d’eccellenza per un marchio di consumo di qualità discutibile come la Nutella?!
      Nei paesi delle Langhe ci sono dozzine di negozi che vendono prodotti tipici per intenditori, prodotti con le loro pregiate nocciole, fra cui anche delle creme spalmabili… al prezzo medio di 4/5 vasetti di Nutella!