BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Yara, tutto su Ignoto 1 pure le corna delle donne Ma manca la prova regina

La giornalista Cinzia Leone, in una riflessione su L'Espresso, non manca di osservare il caso di Yara Gambirasio dopo l'arresto del presunto assassino: "Bossetti, figlio di una donna allegra e sposato con una donna allegra, il carpentiere di Mapello non può essere che il colpevole....Se mai risultasse innocente chi restituirà a quest'uomo la sua vita, le sue debolezze, i suoi segreti?"

La giornalista Cinzia Leone, in una riflessione su L’Espresso, non manca di osservare il caso di Yara Gambirasio dopo l’arresto del presunto assassino: "Bossetti, figlio di una donna allegra e sposato con una donna allegra, il carpentiere di Mapello non può essere che il colpevole….Se mai risultasse innocente chi restituirà a quest’uomo la sua vita, le sue debolezze, i suoi segreti?" 

 

Forse l’assassino di Yara è Bossetti. Ma c’era bisogno di tirare fuori gli amanti della moglie? In questa brutta storia le corna delle donne, messe agli uomini dalle madri o dalle mogli, rivelate con il Dna o grazie alle confessioni di amanti clandestini, diventano la prova regina.

Dopo aver frugato nel profilo genetico di ultra sessantenni e aver scoperto le tresche di un’intera valle per individuare l’Ignoto Uno, il cui Dna coincideva con quello trovato sugli slip della vittima, gli investigatori frugano nelle sue lenzuola. Due gli uomini che hanno confermato al Pm una relazione con Marita Comi, moglie di Bossetti. Una risale al 2009, l’altra è più recente. Di Ignoto Uno ormai si sa tutto, meno quello meno quello che conta, se è il colpevole. Il Dna è la pietra angolare dell’inchiesta, ma per incastrare il muratore bergamasco ci vuole dell’altro. Il racconto dell’indagato è pieno di lacune e di incongruenze e l’aggancio del suo cellulare alla cella della zona dove è stata uccisa Yara sostiene l’impianto dell’accusa.

Ma non c’è nessuna traccia della vittima sulla Volvo e sul furgone di Bossetti, né sono stati trovati peli o capelli del muratore sul corpo della ragazzina.

Bossetti, da più di due mesi è in una cella d’isolamento. Per la procura il movente è di natura sessuale. Dunque bisogna scavare nella vita sessuale dell’accusato e gli investigatori raccolgono i suoi biglietti per San Valentino e il dvd con le foto del matrimonio e scovano gli amanti della moglie. Forse l’assassino di Yara è Bossetti. Figlio di donna allegra e sposato con una donna allegra il carpentiere di Mapello non può che essere il colpevole. Se tua madre tradiva quello che pensavi essere tuo padre e se tua moglie tradisce te, va da se che ti devi risarcire, vendicare. Magari uccidendo una ragazzina di tredici anni. Il confine tra l’inchiesta e la vita privata è cancellato. Grazie ai Pm Bossetti ha saputo verità che gli hanno cambiato la vita.

Se sapeva di essere figlio di un tradimento di sua madre e marito di una moglie infedele la sua vita sessuale doveva essere necessariamente un groviglio e questo fare di lui un assassino potenziale. Ma immaginiamo che non sapesse di essere figlio di un altro padre e nemmeno di essere un marito tradito. Non più figlio di suo padre, non più marito di sua moglie, se mai risultasse innocente chi restituirà a quest’uomo la sua vita, le sue debolezze, i suoi segreti?

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da silvana

    in tutta questa storia io penso ai bambini di Bossetti !!!!! loro si sono piccoli innocenti.

  2. Scritto da Beppe

    Io credo che i magistrati vogliono far crollare i coniugi Bossetti così da far saltare l’alibi della famiglia tranquilla e costringere lo stesso Bossetti a parlare;
    detto questo è stranissimo e “volgarissimo” che il resocondo delle indagini venga sempre divulgato ai mass media.-

  3. Scritto da Enrico

    Avendo analizzato la bellezza di 18.000 persone, prima o poi qualcuno doveva uscire fuori è come vincere la lotteria di paese, quelle tracce possono essere andate lì in tantissimi modi, anche casuali, infatti non si trova uno straccio di prova che inchiodi il Bossetti, tutte quelle tirare fuori, furgone, macchina uguale sono risultate false piste, poi voglio vedere questa prova di dna dopo tutti quei mesi se è davvero usabile, con una contro analisi super partes.

    1. Scritto da mario59

      La controanalisi del DNA è un diritto di chi sostiene di non essere responsabile del reato del quale viene accusato.
      Per quanto riguarda i risultati del DNA trovato sugli slip della povera Yara si è trattato di un esame molto complicato, c’è voluto molto tempo rpima di riuscire ad isolarlo, proprio perchè erano tracce organiche vecchie, ma quando e se riescono a isolarlo, non può essere mutato, dunque il problema è riuscire a isolarlo, e per quanto si sa, ci sono riusciti.

  4. Scritto da mario59

    Io continuo a pensare al DNA la spiegazione del sangue dal naso che finisce dugli attrezzi da lavoro di Bossetti..non mi convince.
    Purtroppo in questa indagine continuano ad emergere segreti e novità che servono ben poco alle indagini.. ma riescono comunque a distruggere l’esistenza di molte persone..in particolare, penso ai figli di Bossetti.
    Tradire il coniuge è un comportamento indubbiamente spregevole, tuttavia pare che siano molti gli uomini e donne sposati che lo fanno.

  5. Scritto da luisa alessandrelli

    ma smettiamola con i pettegolezzi che distolgono dal caso. Bossetti è il colpevole, lo dice il DNA che non può essere messo in discussione. lo dicono le tante bugie da lui raccontate. l’auto è relativa. avrebbe potuto usare quella di un altro. i capelli e peli dopo anni non possono dire nulla per quanto riguarda il DNA. abbiamo un pò di rispetto per la famiglia gambirasio più degna di tanti altri

  6. Scritto da BATTISTA

    smettetela di riempire i giornali di oscenità!!!
    abbiate il pudore di tacere ed attendere l’esito delle indagini!!!!
    smettetela di gettare fango su tutti!!!!!
    ritornate a fare i giornalisti, e non gli spalatori di fango.

  7. Scritto da Narno Pinotti

    «Se tua moglie tradisce te, va da se che ti devi risarcire, vendicare»? Immagino che il giornalista stia scherzando (e in tal caso mi scuso di non aver capito l’ironia), altrimenti metà della popolazione italiana dovrebbe assassinare ragazzine e ragazzini.

    1. Scritto da sem

      Meta`? Io direi decisamente molto di piu`

  8. Scritto da Teresa

    Complimenti alla giornalista Cinzia Leone che con le sue illazioni ha già sentenziato la condanna per Bossetti, (su quali basi poi!?),anche l’espresso è diventato un giornaletto da spiaggia complimentoni!!!!

    1. Scritto da frenk

      quali basi poi …….. insomma il dna non è poco .

  9. Scritto da Pippo

    E’ vero che con il “Fattaccio” le corna della moglie non c’entrano , infatti secondo me la notizia non è l’infedeltà sia della madre che della moglie , ma che la madre smentisce il risultato del dna e la moglie fa altrettanto smentendo più persone ancora in vita . La moglie non c’entra , ma il meccanismo è lo stesso .

  10. Scritto da Aristide

    Nelle cronache si è letto che negl’indumenti di Yara sono state rilevate tracce di sangue del Bossetti e che una possibile spiegazione della presenza di quelle tracce è che gl’indumenti siano stati a contatto con attrezzi sottratti al Bossetti, macchiati del sangue del muratore, per via della sua epistassi. Domanda: quelle tracce erano di sangue intriso negl’indumenti o di sangue depositato? Perché gl’indumenti s’intridessero, il sangue doveva essere recente. Dunque, ragioniamo.

    1. Scritto da Zeus

      stai ascoltando solo la versione degli inquirenti che non vogliono fare la figura degli inetti dopo 4 anni e i soldi spesi, devono trovare qulacuno da incolpare……………. ma alla fine non hanno nulla in mano

    2. Scritto da Narno Pinotti

      Ho letto (non su BgNews) che il materiale organico, probabilmente sangue, era penetrato nelle fibre dei leggins e degli slip in un modo tale che, secondo gli esperti, poteva essere solo una goccia fresca caduta al momento e che, se invece fosse stata secca, il tempo trascorso e le intemperie l’avrebbero molto probabilmente lavata via. Però siamo ancora all’istruttoria: l’accusa non è tenuta a svelare le sue carte fino alla richiesta di rinvio a giudizio.

      1. Scritto da Aristide

        @ Narno Pinotti. Questo è il punto: la probabilità che di quel sangue gl’indumenti di Yara fossero effettivamente intrisi. La probabilità che l’impronta genetica rilevata sia attribuibile a Bossetti è del 99,99999987% ma, per il teorema della probabilità composta, la probabilità che l’autore del delitto sia Bossetti si abbassa notevolmente, se la traccia biologica rilevata è solo un deposito. Dunque rimane da stabilire la probabilità che quel sangue sia recente, o meno.

  11. Scritto da Brunella

    Parole sante Cinzia Leone