BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Prelievi su pensioni d’oro: 85mila in Lombardia: “Ma inutili per gli esodati”

Per Angela Presciani, bergamasca, responsabile dell'Inas Lombardia, la proposta del ministro del Lavoro Giuliano Poletti di prelevare dalle pensioni per creare un fondo destinato agli esodati, oltre a creare polemiche politiche, non pare attuabile in Lombardia: la misura non basterebbe per coprire interamente costi.

Una proposta che divide le forze politiche, fa discutere i sindacati e che risulterebbe poco utile perché i conti non tornano. La bozza del ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, di attuare un prelievo di solidarietà su pensioni superiori ai 3.000 euro lordi (2.200 euro netti a seconda delle detrazione di cui si ha diritto) in Lombardia sarebbe da rifiutare perché tale misura non basterebbe a coprire interamente i costi. Parola di Angela Presciani, bergamasca, responsabile di Inas Lombardia.

Se secondo la proposta Poletti il prelievo di solidarietà sulla differenza tra l’assegno pensionistico – che si riceve in base alle regole pre riforma Dini (1996) – e l’importo teorico che si sarebbe invece maturato applicando il metodo contributivo, quello adottato integralmente per i lavoratori più giovani, nelle casse previdenziali potrebbe arrivare un miliardo l’anno. Una somma destinata a sostenere il reddito di coloro che a pochi anni dalla pensione perdono l’occupazione (gli esodandi) ma anche (almeno fino al suo totale superamento) la cassa integrazione in deroga che oggi garantisce un’indennità soprattutto ai lavoratori delle piccole imprese in crisi. Non è nemmeno escluso che una parte degli introiti possa essere dirottata a rafforzare le pensioni minime, ma qui si aprirebbe un discorso diverso e più complesso.

Torniamo al prelievo di solidarietà che il Governo vorrebbe applicare. Se si partisse da pensioni da 3.000 euro lordi (2.200 euro netti) al mese in Lombardia sarebbero chiamati a versare una quota 85.256 persone (secondo gli ultimi dati del 2013): 77.725 maschi e 7.531 donne.

Quanti sono gli esodati in Lombardia? Difficile dare una risposta precisa, ma sommando coloro che nel 2013 hanno percepito l’indennità di mobilità, e che sono 27.230 (un dato in flessione rispetto al 2012 quando erano 27.727) e i 296.620 Aspi (quanti percepiscono l’Assistenza sociale per l’impiego) nel 2013 si supera abbondantemente le 320mila persone, anche se non tutte vicine alla pensione.

Insomma, difficile che quel prelievo di solidarietà alle pensioni possa contribuire totalmente a coprire le somme per sostenere gli esodati.

Si dimenticano dei dettagli importanti – annota Angela Presciani – chi percepisce queste pensioni sono lavoratori che hanno pagato tutti i contributi sul lavoro nei loro 35 e più anni di attività senza nessuna evasione né contributiva né fiscale. La misura della solidarietà è encomiabile, ma ci si dimentica che già il governo Letta ha introdotto un prelievo fra il 5% e il 16% sulle pensioni che superano i 5mila euro netti . Sarebbe stato più utile e significativo andare davvero a toccare quelle pensioni d’oro che vengono versate ai parlamentari o tagliare i costi degli stipendi degli onorevoli e senatori. Con questa misura proposta da Poletti, lo Stato metterebbe ancora la mano nelle tasche degli Italiani , già vessati dal Fisco per far cassa e non andare veramente al cuore del problema che è l’evasione fiscale, affinché tutti paghino equamente secondo il proprio reddito e l’introito utilizzato a sostegno dei più deboli”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Patrizio

    Purtroppo anche questa volta non c’è nessun cambiamento da parte dei politici. Non basta andare in giro in camicia bianca.
    Aveva detto? Parlamentari 5.000 euro al mese, non si deve fare soprattutto per soldi ma perchè vuoi bene al paese. Non si ricorda più. Via le pensioni a chi ha fatto il parlamentare e ha aumentato il debito pubblico. Vuol dire che non era capace o che ha lasciato rubare o ha rubato.
    Non va bene? A casa tutti e partiamo da ZERO

  2. Scritto da Willer

    Un ministro, non sa che sono stati condonati 98 mld di € ai gestori delle slot machine ? Più facile rubare ai cittadini vero ?

    1. Scritto da Narno Pinotti

      Forse non lo sa perché non è vero: è una panzana che da qualche tempo nemmeno i suoi inventori tiravano più fuori. Ma c’è sempre qualche pesciolone tardivo che abbocca.

      1. Scritto da Willer

        Certo certo professore…multa passata da 50€ a macchina a 5 centesimi..Senato e corte dei conti perdono tempo se è una bufala.. Ma in questo caso paladino Narno armato di pesci entra in gioco a difesa dei suoi compagni ..Letta in primis…

        1. Scritto da Narno Pinotti

          Guardi che è stata la stessa corte dei conti a respingere la multa e a condannare i gestori a pagare 2,5 miliardi – cifra che corrisponde circa all’80% di tutto quanto i gestori avevano guadagnato fra 2004 e 2007. Fonte: http://goo.gl/1AsP8h.

        2. Scritto da Sergio

          Ecco perché non ne usciremo mai: tutti i soldatini subordinati di questa repubblichina di mediocri, chiusi a protezione del padrone canaglia che depreda i cittadini non appartenenti al pubblico impiego. E avrebbero pure la responsabilità della formazione delle nuove generazioni, partendo da una siffatta etica?

          1. Scritto da Narno Pinotti

            Caro Sergio Coniglio, le ricordo che non ci ha ancora svelato il suo nome, cognome, lavoro e ditta; e che le ho già dato dell’ignorante e illogico per aver tirato in ballo ciò che non c’entra niente. Lei si conferma incline a calunniare, stando bene attento a non metterci la faccia, da bravo codardo. Quanto all’etica, si tratta della verità: la multa da 98 miliardi è una bufala, ed è già stato ampiamente dimostrato. Se lei ha dei dati diversi, avanti; però prima nome, cognome, ecc.

          2. Scritto da Jerry

            Meno male che c’è Sergio che eccelle (dice lui) e si erge sopra tutti gli altri (dice lui) . Una curiosità , che c’entra il pubblico impiego con i 98 miliardi ?

    2. Scritto da Basta Panzane

      Hai preso il blog per una gara di barzellette ? Sai quanto sono 98 miliardi ? sono 200 MILA miliardi delle vecchie lire . Non riuscirebbe a pagarli neppure gli stati uniti d’america. Non sarebbe ora di piantarla con queste fregnacce ?

      1. Scritto da La verità fa male

        Basta panzane e fregnacce, concordo. Un’altra panzana che fa il giro di tutti i blog e ahimè di tutti i giornali sono i mitici 120 milioni annui di evasione fiscale e del 31% di PIL in nero, a cui i sinistri abboccano come pesci e che ripetono come fosse il Verbo. Innanzitutto, è impossibile stimare con precisione ciò che è “nero” (ossia ciò che ufficialmente non esiste), poi se fosse vero con tutto quel PIL in nero ognuno di noi dovrebbe essere più ricco degli emiri arabi

        1. Scritto da poer marter a te

          se dobbiamo dire basta panzane e fregnacce la lega di che parla poi??????

  3. Scritto da Lorenzo

    Dimostratemi che la mia pensione con i miei contributi e con i miei anni di lavoro non sta in piedi , dopo e solo dopo ne parliamo. Basta essere il paese delle banane.

  4. Scritto da Basta!

    Basta con l’infamia di chiamare pensioni d’oro quelle da 2000 euro al mese. Le pensioni d’oro ben al di sopra , sono quelle di chi NON ha versato i relativi contributi o ha lavorato pochi anni.

  5. Scritto da Jim

    Fuori i dati !Dicono che è impossibile ricalcolare le pensioni (panzana) però tutti “tirano fuori” delle cifre. Vorrei sapere a quanto ammonta la “donazione” che gli italiani fanno a coloro che prendono più di 5-6000 euro lordi al mese . La categoria che più di ogni altra ha usufruito del calcolo della pensione fatto sugli ultimi 10 anni di stipendio. Qui ci sono manager di stato, militari , magistrati, dirigenti di casse assorbite dall’inps perchè andate alla malora, ecc. Fuori i dati !