BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Salviamo gli animali” Gara di dolci vegan al parco della Trucca

Diffondere la conoscenza della cucina vegan e far capire a chi ancora non la conosce quanto siano deliziosi i dolci vegan. E' l'obiettivo della gara di dolci vegan, cioè senza alcun ingrediente di origine animale, tutto 100% vegetale, in programma sabato 30 agosto a Bergamo.

Diffondere la conoscenza della cucina vegan e far capire a chi ancora non la conosce quanto siano deliziosi i dolci vegan. E’ l’obiettivo della gara di dolci vegan, cioè senza alcun ingrediente di origine animale, tutto 100% vegetale, in programma sabato 30 agosto a Bergamo.

I dolci non conterranno latte vaccino o caprino, latticini (burro, mascarpone, ricotta etc.), uova, miele, coloranti e additivi di origine animale. Qualsiasi dolce tradizionale si può realizzare con ingredienti esclusivamente vegetali: "Uova e latticini non sono assolutamente una necessità per la realizzazione di qualunque tipo di dolce – spiegano gli organizzatori – . Si può partecipare alla gara con dolci di ogni genere, non solo torte, ma anche dolci al cucchiaio, biscotti, pasticcini, focacce e specialità crudiste".

"Intendiamo dimostrare come sia possibile ottenere dolci altrettanto buoni, spesso più buoni e più leggeri, senza nuocere ad alcun animale, perché sappiamo bene come vengono trattate mucche e galline negli allevamenti e sappiamo che la loro fine è sempre una morte violenta e impietosa in un macello. Realizzando dolci vegan, salviamo la vita agli animali, oltretutto senza alcuna rinuncia per il nostro palato".

L’iniziativa è organizzata da Bergamo Vegan, Associazione che promuove la scelta vegana per il rispetto dell’ambiente e degli animali. Sarà ospitata dall’estivo al Parco della Trucca. Le regole sono semplici: chiunque può iscriversi alla gara (che sia vegan o meno), ma saranno esclusi i pasticceri professionisti; l’iscrizione è gratuita.

La giuria sarà il pubblico stesso. Il pubblico assaggerà una piccola fetta di ciascun dolce e voterà il suo preferito. Chi riceve il maggior numero di voti vince la gara. Essendo l’iniziativa benefit per le associazioni e gruppi animalisti locali, al pubblico sarà richiesta una piccola offerta all’ingresso, di almeno 5 euro; in cambio potrà assaggiare molti dolci, prendere il materiale informativo sulla scelta vegan a disposizione e passare una serata divertente!

Tutti coloro che sono interessati a partecipare alla gara con un dolce di propria creazione possono contattare Bergamo Vegan ai recapiti info@bergamovegan.it e 349 5929542. Per il pubblico, non è necessaria prenotazione, ma è comunque gradita, contattandoci sempre agli stessi recapiti. Invitiamo tutti a partecipare, sarà un’esperienza interessante e divertente!

Tre i premi in palio per i partecipanti: Un buono spesa di 50 euro nel negozio Natural Bio di Bolgare, un buono per un aperitivo per due persone presso Sweet Irene a Bergamo e un libro di ricette Vegan a scelta tra quelli in vendita.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Desperados

    Vegani!!!!!!!!!! forse sarebbe meglio che se ne andassero su vega, con un’ astronave fatta di verdure e cavolfiori. Ma dai , gente cosi e’ da manicomio…non sanno piu’ cosa inventarsi.

  2. Scritto da Roberto Spadoni

    In Italiano si dice vegani e non “vegan”!

  3. Scritto da plinio

    Ho la (s)fortuna di avere molti amici vegan.
    Premesso che i gusti sono gusti e non si discutono, ogni volta che han provato a farmi assaggiare i loro dolci, ho pensato che una torta senza uova e senza burro, non è altrettanto buona…
    p.s. ho messo la “S” davanti alla parola fortuna perchè mi da fastidio essere considerato un “assassino” o un “mangiacadfaveri” dai fanatici del veganesimo.

    1. Scritto da FabioR

      Ma dai non è sfortuna avere amici vegan, prova ad averli “fashion victim” :-) a parte questo, non sono amici se non sono anche tolleranti verso di noi onnivori, ma puoi sempre contrastare l’epiteto di assassino chiedendogli se mangiano solo vegetali già morti per altre cause, perché TUTTO è vivente, prima di essere estirpato da noi e non certo con le carezze. Non vedo perché la vita di un passero valga più di quella di un cavolfiore, seriamente.

  4. Scritto da Fabio

    Buona sera , a che ora si svolgerà l’evento?