BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Profughi spostati a Sedrina I leghisti festeggiano: bruciata bandiera europea

Lo spostamento dei profughi africani dalla Cà Matta di Ponteranica alla Casa San Giuseppe di Sedrina è un successo per i Giovani Padani: oltre ad aver issato tre bandiere leghiste i festeggiamenti si sono allargati fino a dar fuoco alla bandiera dell'Unione Europea.

Lo spostamento dei profughi dalla Cà Matta di Ponteranica è stata considerata una vera e propria vittoria dalla Lega Nord che ha presidiato la zona 24 ore su 24 finchè le sue richieste non sono state accolte: un successo da festeggiare in grande stile, con tre bandiere leghiste issate sulla struttura alla Maresana e non solo.

Qualcuno è andato anche oltre e ha salutato il trasloco dei 24 profughi africani alla Casa San Giuseppe di Sedrina bruciando una bandiera dell’Unione Europea: da sempre la Lega Nord accusa l’Europa di spalancare le porte italiane agli immigrati e la moneta unica di mandare in affanno l’economia del nostro Paese.

La battaglia contro gli ospiti della Cà Matta era iniziata il 4 agosto scorso quando, per opporsi alla decisione del Parco dei Colli di concedere la struttura sotto esplicito invito del prefetto di Bergamo Francesca Ferrandino, gli attivisti del Carroccio si erano recati in massa a Ponteranica: “Qui -aveva tuonato il segretario federale Matteo Salvini – ci dobbiamo mettere i disoccupati bergamaschi con i loro figli, non chi è sbarcato l’altro ieri dall’Africa”.

Dopo che l’assemblea dei sindaci del Parco dei Colli ha dato il via libera definitivo, con l’assenso del sindaco di Bergamo Giorgio Gori, di Luciano Cornago (Almè), Paolo Pelliccioli (Mozzo), Tommaso Rugeri (Paladina), Carlo Beretta (vice sindaco di Ranica), Stefano Gamba (Sorisole), Elvio Bonalumi (Valbrembo), Manuel Preda (Villa d’Almè) e dell’assessore di Ponteranica Cesare Cremaschi (mentre si erano opposti al prefetto il sindaco di Torre Boldone Claudio Sessa, l’assessore provinciale Alessandro Cottini e il vice presidente del Parco dei Colli Santo Minetti, che deciderà poi di dimettersi), il Movimento dei Giovani Padani aveva costituito un presidio costante con gazebo, a partire dal 10 agosto.

Otto giorni dopo, e 12 prima della scadenza dell’autorizzazione concessa dal Parco dei Colli, i profughi sono stati spostati in un’altra struttura ma le polemiche si sono solamente trasferite insieme a loro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Francesco Franco

    Sulla questione è opportuna un po’ di chiarezza. I non UE possono essere respinti. Ma i diritti di visita e di commercio sono diritti umani naturali e spettano a tutti. Una disciplina ONU protegge che sia perseguitato politico. Ai soli cittadini della UE l’ emigrazione per ragioni economiche è consentita e pertanto essi posssono trattenersi nel territorio di un altro Stato dell’Unione per cercare lavoro per non oltre tre mesi. Trascorsi i quali tale Stato li può accompagnare alla frontiera.

  2. Scritto da Francesco Franco

    Chi brucia la bandiera europea mostra di non aver studiato la storia o di non aver capito che “non possiamo gestire i problemi transnazionali attraverso gli stati, che custodiscono gelosamente la loro sovranità. Le questioni globali, invece, non rispettano i confini, e ed è questo mis-match che crea un deficit strutturale di giustizia globale”. Persino le guerre già di indipendenza nazionale e considerate salvifiche ed eroiche non sono più “nazionali”!. Sono diventate, (?), mondiali.

    1. Scritto da Mister Bean

      Chi brucia la bandiera europea si oppone all’europa delle banche e dei tecnocrati; vuole l’europa dei popoli che devono essere sovrani e non sudditi. Ricordo che, post 68, i demokratici bruciavano il tricolore in piazza perchè considerato “di chiara marca fascista”. Sono gli stessi che oggi alle feste “dell’unità” inaugurano le serate danzanti con l’inno di mameli e le concludono con l’internazionale. Incoerenti, ipocriti e falsi.

  3. Scritto da il polemico

    bruciare la bandiera……ma dai,la possono bruciare solo i palestinesi difesi strenuamente da chi si scaglia contro i leghisti che bruciano la bandiera.

  4. Scritto da luciano da crema

    un esempio sacrosanto togliere stò maledetta bandiera blù che nemmeno ci appartiene,ci sarebbe una cosa sola da fare riempire gli appartamenti e ville del sig.PRODI di bandiere blù e extrac. il quale ci ha portato alla fame e ancora tuttora la sinistra non la vuol capire in quali condizioni gli italiani si trovano ho fanno finta.

    1. Scritto da Luciano Liscio

      Il malgoverno ed i debiti dei governi LEGA e PDL non li ha fatti l’europa : li avete fatti VOI.

    2. Scritto da paride

      guardi che ci sono fior di europarlamentare leghisti che mangiano con l’europa, ne più ne meno di quanto fanno gli altri. questa si chiama demagogia demagogia [s.f. Degenerazione della democrazia, per la quale al normale dibattito politico si sostituisce una propaganda esclusivamente lusingatrice delle aspirazioni economiche e sociali delle masse, allo scopo di mantenere o conquistare il potere]

  5. Scritto da luky

    Fiero e orgoglioso di essere nato nella Repubblica delle banane!!! Sempre più ridicoli!!!

  6. Scritto da Alfio

    Sono disoccupato e senza casa. Chi posso contattare per avere un letto alla Cà Matta? Sono stato anche al presidio in Maresana ma nessuno a saputo dirmi niente. Grazie

  7. Scritto da Valter Grossi

    Più criminali e scellerati del gesto sono l’ignavia e l’ipocrisia con cui noi tutti siamo disposti a lasciar correre. Questa comunità appare irriconoscibile nel suo colpevole torpore e nell ‘impunità che garantisce a tali personaggi

  8. Scritto da Vito

    Mi risulta che anche Sedrina faccia parte della fantomatica Padania, che c’è’ da festeggiare ?

  9. Scritto da Gaetano Bresci

    FASCISTI!

    1. Scritto da Mister Bean

      Il fascismo tolse i sindaci e mise i podestà; mise i prefetti al controllo del territorio; tolse la possibilità di votare e ridusse od annullò la democrazia; prese il controllo dei media; e alimentò il mito di quella tal persona. Adesso che ci penso, mi sembra che siamo allo stesso punto di allora. Stanno succedendo più o meno le stesse cose. E tu dai del fascista a chi si oppone a questo? Bravo, complimenti. Hai capito tutto.

    2. Scritto da Sacco&Vanzina...

      Usi in maniera indegna un nome che evidentemente non ti si addice.

  10. Scritto da a

    E adesso aspettiamo con ansia i primi disoccupati bergamaschi

  11. Scritto da Finalmente

    Finalmente qualcuno che brucia quello straccetto straniero che non ci appartiene

  12. Scritto da Stefano Magnone

    Attendiamo con impazienza le soluzioni intelligenti al problema da parte di Belotti e dela Lega. Ma so già che attenderemo invano

    1. Scritto da il polemico

      o a casa tua,o rimpatriati.ti piace come soluzione?

    2. Scritto da Antonio

      Bene dicci la tua soluzione intelligente, casa ? lavoro ?
      o ritieni intelligente che siano mantenuti da qualcuno o bivacchino per la stazione?

  13. Scritto da c

    Ma tutti gli alberghi della riviera che si lamentano tanto , perchè non si offrono volontariamente per ospitare questi profughi?

  14. Scritto da memoria!!!!

    Adesso coerentemente abbandonino le laute retribuzioni che percepiscono al Parlamento europeo e tornino a casa!

  15. Scritto da elena

    C’è poco da festeggiare da Ponteranica a botta ci sono 5 km. Il problema adesso è degli abitanti di botta e del Comune di sedrina…..anche questo indebitato fino all’inverosimile abitanti compresi….è stata una grandissima vittoria grazie