BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Curcio a Torre Boldone Rifondazione a Sessa: “Non parla di lotta armata”

Rifondazione Comunista di Torre Boldone risponde al sindaco Claudio Sessa che si era stupito ed interrogato sulla presenza dell'ex brigatista Renato Curcio alla Festa in Rosso che si svolge dal 15 al 24 agosto: “Polemica ferragostana strumentale e pretestuosa”.

Rifondazione Comunista di Torre Boldone risponde al sindaco Claudio Sessa che si era stupito ed interrogato sulla presenza dell’ex brigatista Renato Curcio alla Festa in Rosso domenica 24 agosto:

“Abbiamo avuto notizia di prese di posizioni polemiche sulla stampa in relazione alla presenza di Renato Curcio alla Festa in Rosso di Rifondazione Comunista a Torre Boldone.

Precisiamo innanzitutto che il dottor Curcio “non concluderà la festa” – come è stato erroneamente riportato da alcuni media – ma presenterà due libri sui temi del lavoro da lui curati. Renato Curcio non interverrà per parlare del suo passato o di lotta armata.

Come è noto, Curcio, chiusa la sua partita con la giustizia, da anni svolge attività di ricerca sociologica ed è responsabile della casa editrice ‘Sensibili alle foglie’. Come ricercatore e studioso è conosciuto e apprezzato a livello europeo. A Bergamo già è stato presente in diversi convegni qualificati e iniziative culturali, invitato da associazioni e istituzioni impegnate sui temi del lavoro e dell’esclusione sociale. Negli anni scorsi, per esempio, è intervenuto in almeno tre diversi convegni che si sono svolti alla Casa del Giovane di Bergamo.

Ha presentato libri e tenuto seminari, inoltre, a Seriate e a Ponteranica, quando i due comuni erano guidati da amministrazioni leghiste.

Crediamo che questo sia più che sufficiente per mostrare come la polemica ferragostana che si intende imbastire contro la nostra festa sia obiettivamente del tutto strumentale, pretestuosa e fuori tempo massimo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da alex

    Solo in un Paese alla deriva con gente alla deriva possono accadere certe cose. In questo caso le persone alla deriva sono quelle appartenenti al gruppo di rifondazione comunista. Come libero cittadino Europeo credo presto nell’introduzione del reato di apologia al comunismo, ideologia politica che ha portato ad ammazzare milioni e milioni di persone, piu’ che il nazismo. Certe cose vanno insegnate, a partire dalle scuole: MAI PIU’ COMUNISMO E MAI PIU’ NAZISMO

    1. Scritto da Tom

      Hai dimenticato:E MAI PIÙ fascismo! Sbadatello…

    2. Scritto da rifondarolo

      Ma smettila, e pensa alle macerie sociali del liberismo europeo. Sei fuori dal mondo altro che alla deriva tu non sei mai uscito dal porto, non ne saresti capace!

  2. Scritto da A

    In quale periodo l’Operaio,é stato meglio(portando a”casa”diritti,rispetto etc)in Italia?
    Adesso l’Operaio,quello che ha portato a”casa”in quegli anni,lo sta perdendo tutto…

  3. Scritto da bepi

    Ma sì,certo: potevano invitare anche il pittore Adolf Hitler: i suoi acquarelli possono piacere a qualcuno. In fin dei conti non ha ucciso direttamente nessuno….. anzi lo scrittore Adolf il Mein Kampf lo pubblicò ben prima delle violenze naziste (1925) mentre era in carcere per insurrezione.
    Curcio & compagnucci vari ….siete uguali a lui

  4. Scritto da alessandro

    Polemica del tutto strumentale volta solo ad infangare l’unico partito che a bergamo si batte per aiutare la gente colpita dalla crisi e combattere quella banda di ladri criminali razzisti e assassini che è la Lega Nord.
    La lotta armata è finita da 30 anni e nessuno ha intenzione di farla oggi o in futuro.Questi usano la paura delle cose che non esistono per controllare gli ignoranti.
    Curcio è uno studioso di Sociologia tra i più esperti e rinomati al mondo. E ha pagato per i suoi crimini.

    1. Scritto da alex

      Come Bergamasco e cittadino onesto trovo inconcepibile che un delinquente si metta a dare lezione di sociologia quando ci sono migliaia di giovani studenti.. o studenti lavoratori che si fanno un mazzo tanto e possono tranquillamente intraprendere una lezione od un incontro informativo con la gente. Polemica piu’ che giusta…

      1. Scritto da Stufo

        Gli studenti e studenti lavoratori che si fanno un mazzo tanto sono probabilmente più interessati a sentire le presentazioni dei libri di Curcio che le sue farneticazioni sollevate tanto per fare polemica sterile sulla rete…..

        1. Scritto da Vanessa Bonaiti

          A me certi commenti mi sembrano deliranti ..non posso davvero aggiungere altro se non un ‘che pena”

  5. Scritto da il polemico

    con questa risposta,rifondazione comunista la prossima volta inviterà giovanni brusca che parlerà di come si potano i bonsai…..ci mancava solo che curcio si metteva a commentare ed elogiare il lavoro svolto dai suoi ex colleghi delle br,assassinio del sindacalista guido rossa compreso.un uomo che ha combattuto i partiti politici,invitato da un partito politico che pure lo giustifica,forse ai tempi erano collusi?….risposta farlocca di un partito farlocco

    1. Scritto da e precisiamo

      Non sono un rifondarolo, ma trovo un certo fastidio per questa polemica assurda fatta da esponenti di un partito che ha raccolto soldi per i carristi di p.za San Marco e che tengono come eurodeputato a rappresentarli a Bruxelles tale Biorghezio, lui si condannato per aver cercato a colpi di molotof di uccidere dei poveracci immigrati che dormivano sotto un ponte….

      1. Scritto da precisino

        Per la precisione non si possono definire carristi perché la magistratura ha sentenziato che non era un carro armato, dopo 17 anni dai fatti non risulta che abbiano torto un capello a qualcuno…..Molotov era il ministro degli esteri sovietico-comunista che siglò un patto con Hitler per spartirsi Polonia e Paesi Baltici.

    2. Scritto da pericle

      non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire.. va beh.

  6. Scritto da Mister Bean

    Fa niente se ha sulla coscienza qualche omicidio, è solo un kompagno che ha sbagliato.
    Si, a farsi beccare.

    1. Scritto da Per la precisione

      Se fossi Curcio la trascinerei in tribunale per calunnia, lui avrà una responsabilità politica (pagata con anni di detenzione), ma è certo non ha mai ucciso ne fatto uccidere nessuno. Lei è solo un superficiale disinformato che spara cavolate nella rete.

    2. Scritto da giovanna

      Curcio non ha ucciso nessuno, quando le BR passarono agli omicidi era già in cella da un bel pezzo (dove ha scontato 15 anni), di cosa parla?

      1. Scritto da lupo

        Certo, Giovanna.
        Non stiamo parlando di quel Curcio.
        Stiamo parlando del dr. Curcio sant’uomo che è andato in cella per un errore giudiziario e che con le BR non c’entrava nulla.
        Ma và a ciapà i poie!!

      2. Scritto da Marzia

        Mr Bean facevi ridere una volta ora con le tue cavolate fai solo compassione. Vai a leggere gli stralci dei processi su Curcio e poi e solo poi potrai dire qualcosa altrimenti taci che fai piu’ bella figura.

  7. Scritto da Vito

    Non strumentalizzo niente e nessuno , ma provo imbarazzo quando si organizzano questi incontri con persone dal passato discusso. Ok, la condanna e’ stata scontata, tutte le varie attenuanti di legge concesse, ma per opportunità’ credo che queste persone debbano tenere un profilo più’ riservato, nel rispetto delle vittime del terrorismo. E dei loro familiari e amici che sicuramente soffrono ancora in silenzio ma non sotto le luci della ribalta.

    1. Scritto da Luca

      Renato Curcio è uno dei fondatori della cooperativa editoriale “Sensibili alle Foglie” che fa ricerca sociale sugli effetti sugli esseri umani delle istituzioni totali. Il lavoro in fabbrica o in ufficio, precario e sottopagato, produce effetti di disumanizzanti e distruttivi del fisico e della psiche. Si parlerà di questo alla festa di Rifondazione Comunista il 24 agosto. Non si parlerà di lotta armata.

  8. Scritto da red

    Ottima risposta. Povero Sessa, voleva fare il genio della situqzikne e invece non ga capito nulla. Ma cosa si oretende da uno che confonde spazi verdi e impianti sportivi?

  9. Scritto da lotty

    Risposta esauriente!

  10. Scritto da anna

    Non c’era alcun dubbio che NON avrebbe parlato di Lotta Armata, ne del suo passato, poverino “ha pagato per i suoi errori, la Società Democratica deve accoglierlo a braccia aperte per il suo impegno sociale….” Bene, si dirà, ma Voi Democratici di PRC, dovreste pure invitare i familiari di coloro che sono sottoterra da 40 anni……

    1. Scritto da rifondarolo

      Be venga a dirglielo lei, cosi vediamo la sua faccia. O e la solita leonessa della tastiera?

    2. Scritto da G.B.

      E tu credi che a loro interessi intervenire in questa polemica strumentale creata ad arte?