BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il mega centro di Percassi e la teleferica dei Navajo: allarme sul Grand Canyon

Su La Repubblica la ripresa dell'allarme lanciato dal Los Angeles Time sul Grand Canyon, minacciato, sostiene Dave Uberuaga, sovrintendente del parco, da due progetti: una teleferica e le abitazioni e gli spazi commerciali del disegno della Stilo Development Group che fa capo ad Antonio Percassi.

Su La Repubblica Alberto Flores d’Arcais riprende l’allarme lanciato dal Los Angeles Time sul Grand Canyon, minacciato, sostiene Dave Uberuaga, sovrintendente del parco, da due progetti: una teleferica voluta dagli indiani Navajo e le abitazioni e gli spazi commerciali del disegno della Stilo Development Group che fa capo ad Antonio Percassi.

La minaccia è duplice: da una parte gli indiani Navajo, dall’altra un gruppo immobiliare (sostenuto da una finanziaria italiana).

Oggetto del contendere una delle sette meraviglie del mondo (naturale), una delle mete turistiche più affascinanti, emozionanti e battute al mondo: il Grand Canyon.

«È la più grave minaccia della storia», urla (un po’ retoricamente) dalle pagine del Los Angeles Times Dave Uberuaga, il sovrintendente del Grand Canyon National Park.

Dal Mohave Point, il punto di osservazione sul bordo Sud del parco, lì dove ogni giorno si accalcano turisti di ogni risma e paese, in un prossimo futuro si potrebbe in effetti vedere (al posto della meravigliosa vista che si allunga tra le rocce fino al fiume Colorado) uno sciame di costruzioni.

Alberghi, ristoranti e negozi uno in fila all’altro lungo la “mesa”, l’altopiano che porta alla riserva Navajo.

Oppure una moderna teleferica che trasporti i turisti dal basso in alto e viceversa. I progetti su cui è stato lanciato l’allarme sono due, non collegati tra loro né come idea né finanziariamente. La teleferica nasce dall’immaginazione dei moderni pellerossa di una delle più famose tribù di “nativi americani” (il termine politicamente corretto con cui vengono oggi chiamati gli indiani dei western).

La “Grand Canyon Escalade” dovrebbe portare i turisti (sono cinque milioni all’anno) — che oggi si limitano in stragrande maggioranza ai posti di osservazione — fino alla base del Canyon, facilitando una discesa (e soprattutto una risalita) attualmente possibili solo a piedi o a dorso di mulo.

A chi li critica i Navajo rispondono portando l’esempio della tribù rivale degli Hualapai, sulla cui terra (nella parte occidentale del Grand Canyon) è stato costruito un popolare “skywalk” (il sentiero con vetrate a strapiombo) e che dal 2007 offrono ai turisti un tour in elicottero per atterrare nella loro riserva. Con la teleferica c’è un po’ di differenza, ma l’argomento non manca di una certa ragione.

Il secondo progetto vede invece protagonista lo Stilo Development Group, una società di costruzioni (fa capo al Gruppo Percassi di Bergamo) con sedi in Italia e negli Stati Uniti.

Che prevede la costruzione di 2.200 abitazioni e circa 300mila metri quadrati di spazi commerciali nel piccolo villaggio di Tusayan (Arizona), una comunità di 558 anime (censimento del 2010), la cui grande fortuna è quella di essere stato costruito proprio all’ingresso sud del Grand Canyon.

Tom De Paolo e i suoi partner della Stilo sono più di vent’anni (per l’esattezza dal 1991, quando iniziarono a comprare in modo meticoloso i terreni privati vicino alla Kaibab National Forest) che provano a costruire all’interno del Grand Canyon. Bloccati per due decenni, a causa delle scarse fonti idriche della zona, adesso stanno per vincere la loro battaglia.

Ecco spiegato l’allarme di Dave Uberuaga. I due possibili eventi, messi assieme, rischiano di alterare il celebre panorama e di mettere in pericolo il fragilissimo ecosistema di una delle meraviglie del mondo: il tutto mentre la zona sta attraversando la peggior siccità degli ultimi cento anni

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giosuè

    Da un parco all’altro, magari costruirà là il nuovo stadio dell’Atalanta…

  2. Scritto da July

    Perchè Eco e CorriereBg non parlano mai di notizie così?
    Forse è lo stesso motivo per cui non ospitano mai uno come Passirani opinionista dell’Atalanta?.Wiwa la stampa “alternativa”

  3. Scritto da Luigi

    Di fianco al Colosseo non c’era più posto ?

  4. Scritto da b

    Per silvia

  5. Scritto da da Mozzo

    In quanto a paesaggi tristemente violentati per interessi puramente economici e di parte, noi, nel nostro piccolo, ne sappiamo qualcosa. Tutta la mia solidarietà e stima a Uberuaga.

  6. Scritto da Berghem

    Mi auguro che nessuno dei due progetti venga portato avanti. Ci sono luoghi al mondo che non dovrebbero essere minimamente alterati avidita’ dell’ uomo. I Parchi Nazionali sono tra questi. Si e’ costruito troppo, in Bergamasca come nel resto del mondo. E’ ora di riconvertire i luoghi abitati e di proteggere sul serio i luoghi naturali, o semi-naturali. Anche nella nostra verde Provincia.