BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Al via la Festa in Rosso: la concluderà Renato Curcio

Da venerdì 15 a domenica 24 agosto Torre Boldone ospiterà la Festa in Rosso di Liberazione tra musica, cibo, ma soprattutto dibattiti sui temi dell'attualità, dalla Palestina alla nuova giunta di Bergamo.

Da venerdì 15 agosto a Torre Boldone la "Festa in rosso di Liberazione" in programma fino a domenica 24, tra buon cibo, divertimento, spettacoli e dibattiti.

Si inizia il giorno di Ferragosto con lo spettacolo "Matè teatro & piccolissima orchestra karasciò" alle 21.

Sabato 16 alle 21, il palco sarà di nuovo occupato dalla band rock blues "Robi Zonca", nello spazio dibattiti, invece, alle 21 si darà inizio alla "Serata Antifascista" dove interverranno Gino Marchitelli con la presentazione della video intervista "Siamo i ribelli della montagna" in occasione del 70° anno della liberazione della Val D’Ossola, Roberto Cremaschi con la presentazione del libro "In Malga Lunga­17 passeggiate resistenti", accompagnati dalle canzoni partigiane cantate da Pane e Guerra.

Gli appuntamenti proseguono domenica 17 alle 21 con "Roby Valente Trio".

Lunedi 18 alle 21 "Colpo d’elfo" (partisane­donne tra fascismo e Resistenza) e, nello spazio dibattiti, alle 21, "Tavola Rotonda sul sistema carcerario­", esperienza di solidarietà con Partito della Rifondazione Comunista Bergamo, UISP ­Bergamo e Associazione "Carcere e Territorio".

Nello spazio dibattiti gli appuntamenti continuano fino a domenica 24.

Martedì 19 alle 21 "Crisi come pretesto per erodere i diritti. Legge 194, obiettiamo gli obiettori" dove interverranno Anna Lorenzetti (ricercatrice all’Università di Bergamo) e Laura Tonoli di Rifondazione Comunista Bergamo.

Mercoledì 20, alle 18, "La solitudine del popolo palestinese: il genocidio di Gaza" con Kutaiba Younis (Fonte Palestina di Torino) e Francesco Giordano (Rete milanese di solidarietà con la Palestina), coordina Edda Adiansi di Rifondazione Comunista Torre Boldone. Alle 21 "Dai morti di stato alla repressione: la lotta non si arresta" con l’intervento di Checchino Antonini (Acad­associazione contro gli abusi in divisa), Nicoletta Dosio (Movimento No Tav) e la supervisione di Olmo Ronzoni di Giovani Comunisti Bergamo.

Giovedì 21 alle 21 "Ritorno al futuro: nuove forme di mutualismo contro la crisi economica e le politiche di austerità e per un’economia solidale" con Alessandra Gabriele (Gruppo Acquisto Solidale Borgo Palazzo Bergamo), Laura Norbis (Rete Bergamasca GAS), Andrea Viani (Gruppo di Acquisto Popolare Lodi), Vincenzo Vasciaveo (GAS Milano, animatore progetto “Rimaflow”), coordinano Francesca Forno (docente di scienze umane e sociale UniBg), Fabio Cochis (Rifondazione Comunista Bergamo).

Venerdì 22, alle 21, "Para Todos Todo, nada para nosotros” – Racconti e testimonianze per conoscere il Chiapas e l’EZLN a 20 anni dall’insurrezione con gli interventi di Annamaria Pontoglio (Comitato “Maribel” Bergamo), Alfio Nicotra (giornalista, Rifondazione Comunista), Anna Pelosi (alunna dell’Escuela zapatista) e la supervisione di Gianpiero Bonvicino (Rifondazione Comunista Valli Brembana e Imagna). Durante l’iniziativa verrà esposta una mostra fotografica cura di Anna Pelosi.

Sabato 23 occupa lo spazio dibattiti "Bergamo dopo le elezioni: cambio di marcia o cambio di direzione" dove interverranno Rocco Gargano (candidato sindaco per la lista L’altraBergamo), un esponente di Sel Bergamo, un esponente del PD Bergamo, un esponente della Lista Bruni, coordina Francesco Macario (segretario Provinciale Rifondazione Comunista Bergamo).

I dibattiti si concludono domenica 24 con la presentazione del libro "Mal di lavoro" con l’intervento dell’autore Renato Curcio e la presenza di alcuni dei partecipanti al cantiere di ricerca "Il pane e la morte."

La Festa in Rosso si chiuderà, come da tradizione, col comizio di Ezio Locatelli, direzione nazionale Partito Rifondazione Comunista.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Berghem

    Come esiste il reato di apologia al fascismo-nazismo, da libero cittadino Bergamasco ..e italiano, mi piacerebbe ci fosse anche il reato di APOLOGIA AL COMUNISMO. In fondo questa barbara ideologia ha portato a milioni e milioni di morti nel mondo. Mi auguro che qualche politico si faccia carico dell’idea.. con una proposta di legge.

  2. Scritto da Vanessa Bonaiti

    Fanno la serata antifascista ma invitano Curcio…..signore mio dove andremo a finire

    1. Scritto da maurov

      Da che pulpito: una ex fascista seguace del pluriinquisito e condannato Silvio B.
      Dove siamo finiti a Torre Boldone avendo una assessora come lei

      1. Scritto da Vanessa

        E magari ci resterò un ventennio alla faccia tua…ala’!!!

        1. Scritto da maurov

          Sai anche come è finito il ventennio

        2. Scritto da maurov

          E sai anche come è finito il ventennio

          1. Scritto da P.Q

            perdonate se mi intrometto nel vs litigio ma lei sig. mauro , che parla male del ventennio , è a conoscenza di cosa è stato fatto per gli italiani nel ventennio? io non ero presente ma su qualcosina mi sono informato.
            ma secondo lei sig. mauro tra terrorismo nero o rosso c è differenza?

          2. Scritto da Vanessa

            …ahh ahhh e cosa altro avresti potuto risoondere …

  3. Scritto da me ne frego

    ma perché ci meravigliamo di questa cosa?
    -una festa comunista
    -un re che fa distruggere intercettazioni che lo riguardano
    -un presidente del consiglio non eletto dal popolo
    -uno stato trasformato da repubblica a monarchia senza il consenso del popolo
    questo “incontro” con il fondatore delle BR è solamente la ciliegina sulla torta

    1. Scritto da Già schifato.

      Lei beve troppa grappa… ma cosa centra?

      1. Scritto da me ne frego

        Semplicissimo …… tutto di sx , che sia centro sx o sx estrema sempre rossi sono , e tutto quello che fanno è ” giusto”.
        P.S si ma ….. grappa buona!

  4. Scritto da andrea

    ma renato curcio il fondatore delle brigate rosse? ma come si può essere anche solo concordi con una cosa del genere , questo signore , se non sbaglio, non hai MAI rinnegato le cose che ha fatto.

  5. Scritto da antonio

    a me quello che stupisce di curcio è che è cresciuto tra i banchi dell’azione cattolica e poi ha fatto parte delle brigate rosse, ma questi da chi erano finanziati??? ed ancora oggi chi li sostiene???

  6. Scritto da Anna

    Ma che titolo è? Domenica 24 sara presentato il libro “Mal di lavoro” con l’intervento dell’autore: Renato Curcio.
    Dove sta scritto che Curcio chiude la festa? Suggerirei per la decenza di modificare il titolo, che risulta totalmente falso e scorretto.

    1. Scritto da Redazione Bergamonews

      Curcio chiude i dibattiti della festa, il titolo sintetizza, ma non è scorretto

      1. Scritto da Anna

        Ezio locatelli chiude la festa è scritto chiaro, Curcio non partecipa nemmeno a nessun dibattito presenta un suo libro.
        Se questa è la correttezza dell’informazione che praticate siamo a posto…. comunque non c’è problema i lettori possono giudicare, no?

        1. Scritto da Redazione Bergamonews

          giusto, giudicano i lettori. Anche perché se, ad esempio, dopo il comizio di Locatelli, ci fosse il ballo liscio, non avremmo fatto il titolo: “Il liscio chiude la festa in rosso”.

  7. Scritto da roberta

    Hanno più relatori che elettori.

  8. Scritto da Rosso Veneziano

    Dalla lettura del programma forse sarebbe meglio intitolarla: Festa dei nostalgici della lotta armata comunista; compreso l’ospite d’onore finale.

  9. Scritto da 2%

    Rifondazione alle ultime elezioni ha preso nemmeno il 2%…non sorge il dubbio dopo 50 anni che le idee siano sbagliate e invise alla totalità della popolazione italiana???anzi pure europea potrei dire.

    1. Scritto da Antonio Rota

      rifondazione alle ultime elezioni europee votava la lista Tsipras, che ha preso il 4,02 ed eletto tre deputati al parlamento europeo. Quindi di cosa sta parlando, delle sue speranze? Mi sa che andranno deluse.

      1. Scritto da 2%

        Su Bergamo lista Gargano non ha preso nemmeno il 2%…se n Italia con Tsipras avete il 4% e festeggiate…beh la dice tutta, le mie non sono speranze sono certezze ormai trentennali.

        1. Scritto da precisiamo

          Ma cosa dice Gargano ha preso il 2,85 (praticamente il 3%), Tsipras in città il 6% (tanto per capirci la Lega e Grillo hanno preso in città il 10%). Lei è solo un disinformato disinformatore….

  10. Scritto da il polemico

    uno che fu ideologo e tra i fondatori delle brigate rosse che tanto sangue hanno fatto scorrere in italia,viene invitato a manifestazioni pubbliche?…..che coraggio

    1. Scritto da Rossovivo

      Curcio ha pagato il suo debito, contratto 40 anni fa. Ora è un cittadino come gli altri, mentre in giro c’è chi da condannato riscrive la ostituzione, ma li nessuo dice niente. Vero?

      1. Scritto da il polemico

        un tipo cosi come potrà mai pagare il suo debito dopo tutti i lutti che la sua ideologia ha fatto in anni di terrore?,se però lo giustifichi e lo paragoni ad un evasore che magari corre in moto…santo subito

      2. Scritto da Luca

        Uno che ha fatto ideologo per le BR con tutto ciò che ne è’ seguito…forse ha pagato il suo debito con il carcere ma dovrebbe comunque essere tra i clienti di un ospedale psichiatrico giudiziario, e chi va ad ascoltarlo pure.

        1. Scritto da Alfredo

          Ma se avete votato per decenni mafiosi, ladri , piduisti, corrotti e corruttori e papponi. Li avete portati nelle case della gente per decenni tramite la TV e ora vi preoccupate perché Curcio parla?
          Avrà anche sbagliato, ma almeno lui ha avuto il coraggio di opporsi , voi eravate solo collusi.

          1. Scritto da Mister Bean

            Kompagni che sbagliano, ma sempre kompagni. Quindi da difendere a prescindere. Sul corano c’è scritto che se un musulmano litiga con un infedele il musulmano ha ragione a prescindere. E questa non è l’unica similitudine. I fanatici, rossi e islamici, si somigliano sempre più. E sanno fare solo demagogia becera, argomenti non ne portano mai. Ne sono semplicemente privi.

    2. Scritto da Che tep

      Ancora ti stupisci? Anche schettino insegna come gestire il panico…