BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Elezioni in Provincia “Tenerle il 28 settembre è un dispetto politico”

“Un dispetto politico, incomprensibile”. Bergamo sarà tra le pochissime Province italiane che anticiperà le elezioni al 28 settembre. Il presidente Pirovano ha deciso di non rimandare al 12 ottobre come concesso dal Parlamento. La scadenza impone ai partiti una corsa contro il tempo: presentazione delle liste e raccolta firme entro l'8 settembre. Tempi serrati, per di più nel periodo delle ferie, che costringono i segretari a velocizzare il dibattito interno.

“Un dispetto politico, incomprensibile”. Bergamo sarà tra le pochissime Province italiane che anticiperà le elezioni al 28 settembre. Il presidente Pirovano ha deciso di non rimandare al 12 ottobre come concesso dal Parlamento. La scadenza impone ai partiti una corsa contro il tempo: presentazione delle liste e raccolta firme entro l’8 settembre. Tempi serrati, per di più nel periodo delle ferie, che costringono i segretari a velocizzare il dibattito interno. I nomi dei candidati non sono stati ancora decisi anche perché è stato impossibile organizzare un vero confronto tra le varie anime che compongono rispettivamente il centrosinistra, il centrodestra e la Lega Nord. Il problema partecipazione si pone soprattutto per il Pd, abituato a una lunga trafila democratica prima di approdare a una decisione definiva. La certezza è che le primarie non si faranno, probabilmente con l’approvazione di una deroga allo statuto votata dalla direzione.

Il segretario provinciale Gabriele Riva critica l’irremovibilità di Pirovano: “Mantenere il 28 settembre è incomprensibile – commenta Riva -. Credo sia un dispetto, fatico a trovare un’altra motivazione. Quindici giorni non cambiano la vita a nessuno, ma consentono a tutti di formare le liste e avere un po’ di tempo per non doversi muovere di fretta”. Il percorso partecipativo è comunque già iniziato. “Stiamo cercando di far convergere le candidature per la lista, sfruttiamo le feste sul territorio”. Sul candidato presidente Riva non commenta anche perché è tra i due papabili candidati. Se la giocheranno lui, sindaco di Arzago, e il consigliere provinciale Matteo Rossi.

Non c’è la corsa alla poltrona, perché gestire una Provincia smantellata dalla riforma Del Rio non sarà facile per nessuno. La Lega Nord, anche per questo motivo, probabilmente non presenterà nessun candidato così come richiesto dal segretario federale Matteo Salvini. Forza Italia invece sta cercando di riunire i cocci con i cugini del Nuovo Centrodestra per arrivare a un solo nome. Il tempo stringe.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Andreino

    Dobbiamo ancora commentare Pirovano? Fatevi raccontare dagli amici leghisti come ha chiuso una discussione in Lega mesi fa. Cosi’..”fate un po come vi pare. Tanto io resto comunque con i miei 8000 euro di vitalizio…”capito lo statista??

  2. Scritto da rasputin

    ripicca di basso livello…………….

  3. Scritto da Thomas A.

    Che problema ha il pd a raccogliere le firme entro l’8 settembre? E’ da 2 mesi che si parla di questa cosa.

  4. Scritto da TT

    Elezioni per pochi”eletti”sele tengano pure,meglio l’Anarchia che queste pagliacciate!

  5. Scritto da manecco

    e perche non fa il 15 agosto cosi si vota e viene rieletto