BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Corsa in montagna, tutto pronto per la Maga Skymarathon

A meno di un mese di distanza dalla settima edizione della Maga Skymarathon in programma domenica 7 settembre molti corridori provano il percorso transitando anche dal Rifugio Capanna 2000 in Arera. «Tra loro – racconta il rifugista Attilio Rizzi - c'è chi è intenzionato ad iscriversi e chi invece è affascinato dalla gara ma non si sente all'altezza di affrontare in un colpo solo Menna, Arera, Grem e Alben".

A meno di un mese di distanza dalla settima edizione della Maga Skymarathon in programma domenica 7 settembre molti corridori provano il percorso transitando anche dal Rifugio Capanna 2000 in Arera. «Tra loro – racconta il rifugista Attilio Rizzi – c’è chi è intenzionato ad iscriversi e chi invece è affascinato dalla gara ma non si sente all’altezza di affrontare in un colpo solo Menna, Arera, Grem e Alben. Ci domandano i tempi e i record del passato, sognano a occhi aperti di volare sulle creste e aspettano il grande giorno». Tutti ne parlano perché la Maga Skymarathon è l’evento sportivo clou della Val Serina, e ormai manca davvero pochissimo. Attilio Rizzi e la moglie Patrizia Sirtoli ricordano elettrizzati l’edizione dello scorso anno: «Era stata una giornata fantastica da ogni punto di vista, il tempo aveva tenuto mica male, temperature ideali, tantissimi concorrenti e spettatori sulle montagne… l’edizione migliore di sempre, a nostro avviso». Salire in Arera la domenica della Maga è un’occasione unica per osservare e incoraggiare i corridori del cielo impegnati nella corsa di 39 km e 3000 metri di dislivello in salita. «Tanti spettatori approfittano dell’avvenimento per seguire gli atleti verso il Lago Branchino, ripetere almeno un tratto del percorso ed esplorare il Sentiero dei Fiori. Altri sostano al nostro rifugio e si fermano a pranzo». L’itinerario botanico famoso in tutto il mondo (un anello che si sviluppa tra i 1821 e i 2078 metri di altitudine, dal Rifugio Capanna 2000 fino al giro di boa al Passo Branchino), quest’anno potrà essere ammirato in una veste particolare. La stagione, infatti, procede in ritardo e per la prima volta il periodo di fioritura degli endemismi orobici si è esteso al mese di settembre. «Un buon 70 percento dei fiori interessanti ci sarà ancora. Da vent’anni a questa parte, cioè da quando faccio il rifugista quassù, non ricordo un’estate simile. Non era mai capitato. La natura è in ritardo di circa un mese, a settembre le fioriture rimarranno».

Attilio Rizzi e Patrizia Sirtoli, insieme ai figli Lucia, Jury e Linda di 10, 8 e quasi 6 anni, aspettano al rifugio gli skyrunner (che usufruiranno del ristoro), gli escursionisti e il pubblico. «Noi siamo sempre qui, da metà giugno a metà settembre. Il resto dell’anno apriamo nei fine settimana e il mercoledì. Il giorno della Maga Skymarathon saremo imparziali: è vero che conosciamo tanti concorrenti, ma faremo il tifo a tutti in egual modo. Vi aspettiamo al rifugio al cospetto dell’Arera!». Percorso e iscrizioni – Oltre alla Maga Skymarathon di 39 km e 3000 m di dislivello positivo è prevista la Maga Skyrace di 27 km e 1500 m di dislivello in salita. Fino al 31 agosto la quota d’iscrizione è pari a 30 euro per la skymarathon e a 25 euro per la skyrace. Oltre tale data il costo sarà di 40 euro (skymarathon) e 30 euro (skyrace).

Guarda il video

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.