BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Doccia fredda sull’Italia, allarme Moody’s sul Pil: -0,1 contro il previsto +0,5

Una nuova doccia fredda sull'Italia e sul governo di Matteo Renzi: Moody’s taglia le stime del Pil italiano per il 2014 e rivede al rialzo le stime di deficit e debito. L’Italia, secondo l’agenzia di rating statunitense, chiuderà il 2014 con un Pil in contrazione dello 0,1% contro il +0,5% stimato in precedenza, e mancherà entrambi gli obiettivi governativi di deficit/Pil

Più informazioni su

Una nuova doccia fredda sull’Italia e sul governo di Matteo Renzi: Moody’s taglia le stime del Pil italiano per il 2014 e rivede al rialzo le stime di deficit e debito.

L’Italia, secondo l’agenzia di rating statunitense, chiuderà il 2014 con un Pil in contrazione dello 0,1% contro il +0,5% stimato in precedenza, e mancherà entrambi gli obiettivi governativi di deficit/Pil collocandosi al 2,7% quest’anno e il prossimo, con rischi ritenuti significativi di sforare ulteriormente.

Alla luce dei nuovi dati del secondo trimestre, Moody’s ora prevede che l’economia italiana si contrarrà dello 0,1% nel 2014, contro il +0,5% previsto in precedenza.

L’agenzia fa riferimento alla contrazione del Pil dello 0,2% nel periodo marzo-giugno annunciata la scorsa settimana. Questo – sottolinea l’agenzia – "renderà piu’ difficile la riduzione del debito e del Pil e sarà anche più arduo politicamente attuare le misure economiche strutturali".

Moody’s prevede inoltre che l’Italia non riuscirà a raggiungere i target di deficit del 2014 (2,6%) e del 2015 (1,8%). L’agenzia prevede il 2,7% in entrambi gli anni, "con significativo rischio di revisioni al rialzo".

Il debito/Pil è atteso in aumento fino al 136,4% nel 2014 per poi scendere al 135,8% nel 2015.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mister Bean

    Ohè, dove son finite tutte le truppe cammellate sinistre? come mai stanno alla larga da questo post? Forse la notizia, andando contro la loro idea, e semplicemente falsa, quindi da ignorare.

  2. Scritto da mah

    il chiaccherone di turno, non ha ancora capito che aumentando tasse sulle case, s’è fermato tutto, la gente non spende, non investe, non ristruttura,pensa solo a scappare da questa Italia sempre più martoriata e governata da Personaggi, che pensano come sempre al propio pancino, povera italia che fine!!!!!!!!!!!!!!!!

    1. Scritto da il polemico

      non solo il chiaccherone di turno,ma pure la gente lo ha capito,ma si trova ad appoggiarlo solo perchè è dello stesso schieramento…rammento che i suoi elettori si sono indignati quando il governo berlusca aveva tolto l’imu sulla prima casa,e accolto con favore la reintroduzione triplicata da monti in poi…

  3. Scritto da Piero

    “Doccia fredda” per i boccaloni (magari in malafede e col lato b parato da uno stipendio statale) che credono a Renzie… Tutti gli altri vedono continuamente sprechi e privilegi vergognosi da parte delle P.A., e aziende e fabbriche che chiudono lasciando per strada numerosi lavoratori senza stipendio… Che novità è, avere un PIL disastroso per un Paese guidato da persone con la sola spinta vorace del riempirsi le tasche proprie?

  4. Scritto da cosi' e'

    Stiamo aspettando che le promesse di Renzi si realizzino…………….
    Ma i nostri politici sanno solo promettere e intascare il lauto stipendio…………..

  5. Scritto da ru

    il vero dramma è che il centro destra non ha saputo far meglio, tirate le somme. L’unica alternativa (FORSE) è la terza…. 5 STELLE, ma le altre due forze fanno e faranno di tutto per azzopparla. La comunicazione ce l’anno in mano loro.

    1. Scritto da ru

      “l’hanno”….oops =/

  6. Scritto da adriano-bg@teletu.it

    ma come si fa ad aumentare il pil se da 3 anni non cè stata una legge o decreto a favore di operai o aziende?per i governi pd,la priorità è fare cassa e solo cassa,anche se poi calano i consumi e la gente viene licenziata.spettacolare il govenro renzi,che cerca di risollevare il consumo e il pil annunciando di eliminare il senato e le provincie,nel frattempo aumenta le accise su alcuni prodotti per finanziarci l’immigrazione extraue..e chi li avrebbe poi votati sti farlocchi?

  7. Scritto da + verande x tutti

    E c’è ancora qualcuno che crede al chiacchierone di firenze.
    Finora ha messo solo nuove tasse. La marchetta elettorale degli 80 euro è buona solo per i gonzi. Ah, dimenticavo: sta togliendo via via la possibilità di votare al popolo (che dovrebbe essere sovrano, o no?)