BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Contromano in bicicletta non si potrà: cancellato il controsenso ciclabile

Tramonta l'ipotesi di poter pedalare contromano per i ciclisti italiani. Un emendamento presentato da Scelta Civica e accolto dalla Commissione trasporti della Camera ha infatti cancellato la possibilità di introdurre nel codice della strada il "controsenso ciclabile", noto anche come "senso unico eccetto bici".

Contrordine. Tramonta l’ipotesi di poter pedalare contromano per i ciclisti italiani.  Un emendamento presentato da Scelta Civica e accolto dalla Commissione trasporti della Camera ha infatti cancellato la possibilità di introdurre nel codice della strada il "controsenso ciclabile", noto anche come "senso unico eccetto bici".

Nonostante il fatto che la norma avese limitazioni (non riguardava tutte le strade, ma solo le aree dove il limite per le automobili è già di trenta chilometri orari, con una carreggiata larga più di quattro metri e sempre a discrezione del sindaco) non vedrà la luce e dovranno revocarla i comuni che la applicavano in via sperimentale.

Tra questi, Reggio Emilia, Lodi, Pesaro, Lodi, Bolzano. I ciclisti possono violare il contromano riservato alle auto in molti paesi europei: Germania, Francio, Belgio, Svizzera e i paesi scandinavi accordano loro questo potere.

Secondo le associazioni che riuniscono gli amanti delle due ruote, violare il senso unico è sicuro: permette infatti a chi pedala di vedere meglio le auto che sopraggiungono e di risparmiare tanta strada.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mairo

    Visto che ci tolgono la possibilità di percorsi lineari su strada useremo i marciapiedi come fanno tutti in città.

    1. Scritto da oommh

      Perfetto. Chissà se qualcuno capisce che andare in bici è DIVERSO da andare in MACCHINA. esattamente come andare A PIEDI è diverso da andare con MEZZO A MOTORE….mah

  2. Scritto da nino cortesi

    I ciclisti non hanno bisogno di regole, quello che fanno è perfetto, ed hanno ragione a prescindere sugli automobilisti.
    Sono i semafori rossi che sbagliano e gli automobilisti dovrebbero lasciare a casa l’auto e quelli della formula uno dovrebbero spingerla la macchina. Ah, ah…

    1. Scritto da dark

      Mi complimento Nino. iIntervento da fuoriclasse. I 5 stelle hanno limiti, e sbagliano, ma molto, molto spesso sono meglio, molto delle alternative. =)

  3. Scritto da Enzo

    Vanno contromano, passano con il rosso, gli stop e le precedenze non esistono, superano le auto che si fermano per far attraversare i pedoni, circolano indisturbati sui marciapiedi come se fossero tutti piste ciclabili e quando queste ci sono non le utilizzano ecc… ecc… Si considerano “pedoni con le ruote”? Complimenti…

    1. Scritto da nino cortesi

      Immagina se ci fossero solo pedoni e bici.

  4. Scritto da Magnum

    Ma tanto a Bergamo i ciclisti fanno comunque tutto quello che vogliono, non gli servono leggi o regolamenti, forse il lasciarli andare contromano avrebbe consentito di sfoltirli quell’attimo!

    1. Scritto da -Algida

      …e se invece che bici fossero altrettante macchine in più? Vuoi mettere che spettacolo?

      1. Scritto da pieneibale

        come le scene da rodeo alle rotatorie tra automobilisti uno spettacolo!! e non solo, quando ci sono gli incroci con doppia corsia gli automobilisti che tagliano e tanti altri esempi di rigida osservanza del codice della strada, ergo la stupidità non ha mezzo di trasporto.

  5. Scritto da semper85

    Tanto non serve a nulla fare i regolamenti per i ciclisti, non ne esiste uno che li rispetti…vedi i giubbini alta visibilità prima dell’alba e dopo il tramonto ed i semafori nemmeno li considerano…figuriamoci i sensi unici e i divieti di percorrere le superstrade…
    Fare regole per i ciclisti è come farle per i politici…se ne fregano tanto nessuno gliele fa rispettare!

    1. Scritto da Gianfranco

      Invece sono d’accordo con te. A chi fa riferimento, giustamente, agli automobilisti indisciplinati per loro ci sono le multe. Personalmente non ho mai visto un ciclista multato perchè passa all’incrocio con il rosso o guida senza mani scrivendo SMS sul proprio cellulare.

      1. Scritto da il polemico

        ma se qualche anno fa aveva fatto scalpore a livello nazionale un ciclista di bergamo che passando con il rosso,oltre alla multa gli avevano pure tolto i punti della patente….

        1. Scritto da Gianfranco

          Bene, non lo sapevo.

          1. Scritto da gfra

            Un commentatore proprio credibile. Autorevole, no dubt

          2. Scritto da Gianfranco

            Evidentemente sono poco credibile perchè non la penso come lei? Mi spiace, confermo il mio pensiero di stamattina. A lei non sfugge niente di ciò che succede a Bergamo, vero? Che buon tempo…

          3. Scritto da g-o

            un po’ suscettibile, ..beh, se parlo di qualcosa cerco di saperne. E il fatto citato ha fatto “notizia”, come si dice. Ovvio che stiamo parlando di UN argomento. Se non mi sfuggisse nulla non sarei un umano… Che poi io la pensi diversamente – ma come fa a esserne sicuro – non mi sembra la questione. =)

    2. Scritto da mai-a

      Che profondo… qualunquismo!

    3. Scritto da bravo

      hai ragione, gli italiano se ne fregano delle regole. Pensa che continuo a vedere automobilisti con il telefonino in mano. … Se ne fregano, tanto nessuno gliele fa rispettare!

  6. Scritto da Vade RETRO

    Fa niente che abbiamo i centri città più congestionati (e inquinati) al mondo. Guai alle bici, tutti rigorosamente a intasare vie e polmoni con i propri mezzi motorizzati. EVVAI, Forza Italia avanti sempre meglio. …. MAGARI, magari, tutta sta follia non c’è, anzi. E GUAI a verificarlo,

    1. Scritto da L'ignorante

      “” Tutti” Non generalizziamo!
      Io vado a piedi, o con i mezzi pubblici. E ho più problemi con i ciclisti sui marciapiedi che con le auto.

  7. Scritto da kurt Erdam

    Giorni fa ho chiamato in comune chiedendo che strada fare arrivando da Via B. Palazzo in via Camozzi per andare al quadriportico ;via Pignolo bassa,senso vietato non si può fare(in P.za S.Spirito ci sono le biciclette pubbliche ed all’inizio di Via Tasso comincia una pista ciclabile che è impossibile raggiungere in bici)mi hanno detto che”per la mia incolumità”la migliore è arrivare a Porta Nuova facendo Via Camozzi.Mi vien da piangere e da pensare che c’è gente che ha sbagliato mestiere

  8. Scritto da MA BRAVI!...

    Siccome noi siamo il TOP dell’Europa ….sono tutti cretini i nostri concittadini UE che applicano questo provvedimento e noi quelli che sanno davvero le cose !! Era un provvedimento lungimirante e di grande efficacia: le auto comunque e in centri densamente abitati non possono andare oltre 30-50 all’ora.

  9. Scritto da mariosport

    Hanno fatto un emendamento in 2 anni e pure “antieuropeo”…..
    siccome non utilizzano la bicicletta, (altrimenti non avrebbero proposto questa fantastica trovata), il detto “hai voluto la bici….” adesso pedala….. non va bene,….

    Vuol dire che “là”, ci andranno a piedi….
    Ps….. ma le altre forze politiche…. dove erano ??? anche loro là…
    PS2 … attenti perchè “là” è molto trafficata. Come cantava l’Albertone ” sapessi quanta gente che ce sta… “

  10. Scritto da luc

    Per me han fatto bene. Il codice della strada dev’esser uguale per tutti. Se pochi metri in più in bicicletta vi danno fastidio andate a piedi.
    ..o in moto.
    …o state a casa.

    1. Scritto da geniale!

      infatti un suv e un cinquantino sono la stessa cosa…

  11. Scritto da il ciclista

    Un partit(in)o avrà pur proposto l’antipatico emendamento: che da solo non avrebbe potuto fare approvare; chi sono allora gli altri ben maggiori accóliti della bella trovata?!? I soliti noti …

  12. Scritto da Luigi

    “Secondo le associazioni che riuniscono gli amanti delle due ruote, violare il senso unico è sicuro: permette infatti a chi pedala di vedere meglio le auto che sopraggiungono e di risparmiare tanta strada”. Vederle e non poterle evitare o fermare nell’imminenza di un impatto, a che serve? Il ciclista ha sempre la peggio!!! Anche se guarda la morte negli occhi, non è che la riesca sempre ad evitare!

    1. Scritto da il polemico

      se vedo una macchina che mi viene addosso,vedo la morte in faccia,cerco di evitarla e magari mi va bene,se la macchina mi viene addosso di spalle,non vedo la morte in faccia,ma mi centra sicuramente

      1. Scritto da dark

        Molto ben detto. Concordo.

  13. Scritto da il polemico

    assurdità prposta da un movimento assurdo,cosi ci si troveranno ciclisti che dovranno fare centinaia di metri in più,magari con borse della spesa al seguito.tanto vale renderlo obbligatorio pure per i pedoni…..calcolando che in pratica tutti vanno contromano,me compreso,si può dedurre che ci saranno centinaia di migliaia di contravvenzioni?

  14. Scritto da nico

    Ohh così ceci potrà trascorrere le ferie contento! Vergogna, un provvedimento europeo eliminato da un partito inutile.