BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’Atalanta conferma il sostegno a Tavecchio dopo le frasi razziste

“Atalanta B.C., coerentemente al voto espresso in assemblea, conferma il proprio sostegno alla candidatura di Carlo Tavecchio per la presidenza della Figc”. E' il testo integrale del comunicato pubblicato domenica mattina, 10 agosto, sul sito ufficiale della società nerazzurra che conferma il sostegno a Carlo Tavecchio candidato alla presidenza della Figc.

Più informazioni su

Atalanta B.C., coerentemente al voto espresso in assemblea, conferma il proprio sostegno alla candidatura di Carlo Tavecchio per la presidenza della Figc”. E’ il testo integrale del comunicato pubblicato domenica mattina, 10 agosto, sul sito ufficiale della società nerazzurra che conferma il sostegno a Carlo Tavecchio candidato alla presidenza della Figc. Il  presidente della Lega dilettanti poche settimane fa aveva detto: "Le questioni di accoglienza sono un conto, le questioni del gioco sono un altro. L’Inghilterra individua i soggetti che entrano, se hanno professionalità per farli giocare. Invece noi in Italia diciamo che Optì Pobà (nome inventato, ndr) è venuto qua, che prima mangiava le banane, adesso gioca titolare nella Lazio e va bene così… In Inghilterra deve dimostrare il suo curriculum e il suo pedigree".

La frase ha scatenato molte polemiche sia nel mondo del calcio che nell’opinione pubblica. Tavecchio ha deciso però di andare avanti e non ritirare la candidatura, probabilmente vincente. Il suo rivale, l’ex centrocampista Demetrio Albertini, ha sferrato l’ultimo attacco: “Tavecchio ci ha messo in difficoltà a livello internazionale, questo è innegabile, e il pensiero va a quel ragazzo della Primavera dell’Atalanta che l’anno scorso, per una frase simile, ha preso 9 mesi di squalifica, poi ridotti a 5, e ai servizi sociali. Non so come questo caso verrà gestito". 

LA GAFFE DI TAVECCHIO

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da =)

    Questo è un bello spot campagna abbonamenti. verso giusto o contrario?…. =)

  2. Scritto da nino cortesi

    Abbiamo capito di che pasta è fatto anche Percassi.

  3. Scritto da RR

    Quanti finti moralisti verginelli pronti a sparare sentenze di razzismo!
    E poi magari subito pronti a scandalizzarsi quando vedono una piccola agevolazione per gli immigrati oppure sono contrari all’operazione “Mare Nostrum” per salvarli.Tavecchio a detta di tantissimi addetti ai lavori non è razzista solo che a volte si esprime in maniera bonaria e dice cose che molti pensano e nessuno ha il coraggio di dire! Non contano tanto i limiti dialettici ma i fatti

  4. Scritto da makpo

    E’ sempre la stessa storia: forti con i deboli e deboli con i forti.
    Mi sto chiedendo come può l’ Atalanta obbligare il giovane primavera ai servizi sociali ed ora appoggiare incondizionatamente il Tavecchio. Che vergogna……

  5. Scritto da la pagherà cara

    Questa decisione costerà molto cara…

  6. Scritto da giobatta

    parigi val bene una banana

  7. Scritto da red

    Grande occasione persa, ma per dirla tutta…Percassi e’ della stessa pasta di Tavecchio, preciso, identico…

  8. Scritto da grrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

    Che vergogna, gli interessi valgono di più dei valori morali, che delusione Atalanta!!!!

  9. Scritto da Luca Lazzaretti

    come avevo già espreso in un altro post sul tema, Percassi non poteva fare diversamente…troppi gli interessi economici e le valutazioni politiche che noi nemmeno immaginiamo. Se un arcimiliardario come Percassi sostiene il signore in questione un motivo “pesante”c’è di sicuro. Ai giornalisti seri esplicitarlo.

  10. Scritto da Andy baumwolle

    In puro stile Berghem

  11. Scritto da Micio

    Peccato, si dice di voler cambiare ma di fatto si sceglie la solita minestra, le solite facce, i soliti occupanti di poltrone….. vorra’ dire che allo stadio lanciare banane sara’ normale visto l’esempio dato dal quello che qualcuno vorrebbe come n. 1 della FIGC….. Altro che DASPO !!!

  12. Scritto da Enrico Moioli

    Tavecchio è un contaballe che si riempie la bocca di promesse senza mai realizzarle. Ma non gli serve il sostegno di A e B, né dell’Atalanta: Lega Pro e D sono compattamente a suo favore. E Albertini dice fregnacce: Grassi fu squalificato 10 giornate poi ridotte a 5 causa “redenzione” per tramite di don Resmini, ma per aver dato del “vù cumprà” a uno del Chievo, esattamente come ha sempre fatto scherzosamente con il compagno Bangal.

  13. Scritto da Federica

    E’ vergognoso non tanto Tavecchio, persona con evidenti limiti dialettici e testa di legno del potere del calcio, quanto l’atteggiamento di Lazio, Milan, Inter e co. Da bergamasca ho sperato che la mia società prendesse subito le distanze dal candidato. Non è’ successo ed è’ una profonda delusione. Altro che avvicinare le famiglie allo stadio. Percassi e Marino avete perso una grande occasione.

    1. Scritto da Ludek Miklosko

      Che cosa c’entra un candidato – pressochè unico perché B, C e semipro lo sostengono e non ci sono A e B che tengano: VERREBBE ELETTO COMUNQUE – con le famiglie allo stadio? Le famiglie vanno a vedere la squadra che tifano o Tavecchio che dà lavoro a giornalisti altrimenti sfaccendati e privi di argomenti? Intanto, alla faccia di chi spala letame, gli abbonati quest’anno chiuderanno oltre la cifra dell’anno scorso.

  14. Scritto da uno qualunque

    Sono molto deluso da questa decisione. Non sono bastati i precedenti penali, il fatto che faccia parte delle istituzioni calcistiche da secoli e le imbarazzanti frasi razziste, bisogna rinnovargli la fiducia con tanto di comunicato! Una società che punta molto a livello mediatico non può sostenere personaggi di tale risma. Ora, non ci si puà più nascondere, ma sarebbe quasi doveroso farlo.