Malore nel letto, anestesista del Bolognini muore a 41 anni - BergamoNews
Grumello del monte

Malore nel letto, anestesista del Bolognini muore a 41 anni

Ester Bertocchi avrebbe dovuto coprire il turno della mattina giovedì, sull'automedica del 118, ma non si è presentata al lavoro. Allarmati, i colleghi l'hanno cercata, trovandola senza vita nel letto della propria abitazione a Grumello del Monte. Sabato i funerali.

Un ritardo sospetto, le mancate risposte alle chiamate, la terribile scoperta. Sono stati proprio i colleghi del Bolognini di Seriate a trovare Ester Bertocchi, 41enne anestesista dell’ospedale dell’hinterland, morta nel letto di casa sua. Colta da malore, la dottoressa bergamasca è spirata durante il sonno, nella solitudine. Abitava da sola a Grumello del Monte e giovedì mattina avrebbe dovuto coprire il turno di lavoro ma, oltre a non presentarsi, non aveva dato notizie di sé. La cosa ha fatto preoccupare i colleghi che assieme a lei avrebbero dovuto operare sull’automedica del 118 per coprire le emergenze sanitarie nella zona di Seriate. Così, dopo le infinite chiamate al suo numero di cellulare, i dottori hanno deciso di lanciare l’allarme, chiamando i vigili del fuoco. Raggiunta l’abitazione della donna, a Grumello del Monte, la terribile scoperta: il corpo di Ester Bertocchi era sul letto, senza vita. Poco o nulla hanno potuto fare i colleghi per salvarla.

I funerali della 41enne saranno celebrati sabato mattina nella chiesa parrocchiale di Grumello del Monte.

leggi anche
  • L'operazione
    Tagliuno, rapina in posta Dopo quattro mesi arrestati i responsabili
    Generico
  • Medicina
    I medici di Bergamo scoprono il gene che causa il tumore al seno
    Generico
  • La novità
    Negli ospedali italiani ecco i medici in prima linea Arici: tardi, ma finalmente!
    Anche in Italia i medici in prima linea
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it