BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Brembate Sopra e Clusone rispondono a Cottarelli: “Non siamo spreconi”

Il sindaco di Brembate Sopra, Diego Locatelli, in una nota spiega perché la sua amministrazione comunale "non è sprecona" e come sia finita per sbaglio nella lista degli enti che spendono troppo redatta dai commissari Cantone e Cottarelli. Così anche Dario Cortiana, responsabile del settore economico del Comune di Clusone, spiega come e perché ha affidato alla società Blue Meta Spa per la fornitura di energia elettrica.

Carta e penna. Per spiegare e per fare i conti. Questa volta il sindaco di Brembate Sopra, Diego Locatelli, ha abbandonato le forbici per tagliare la spesa pubblica, come è costretto a fare per il patto di stabilità, e ha preso carta e penna per spiegare. Non ci sta a far passare la propria amministrazione per sprecona e in una nota spiega: "In merito alla lista degli enti spreconi redatta dai commissari Cantone e Cottarelli si precisa quanto segue:

Le spese considerate “eccessive” riguardano i costi che il comune deve sostenere per scaldare la Casa di Riposo comunale con oltre 200 posti letto. Pertanto bisognerebbe prima leggere attentamente i numeri e analizzare.

La Casa di Riposo definita “sprecona” è riconosciuta dalle istituzioni (Regione, Asl) come una delle strutture migliori ed efficienti per la cura degli anziani e che l’avanzo del comune di Brembate di Sopra è di circa 3milioni di euro.

• Siamo inoltre meravigliati di questa comunicazione, in quanto da circa 2 anni cerchiamo di ottenere dal Ministero competente una deroga riguardante al Patto di Stabilità, proprio perché gestiamo direttamente una struttura socio-sanitaria per anziani.

Il Ministero non ha mai trattato seriamente la problematica, non considerando importanti le nostre richieste, a tal punto che siamo costretti a creare una fondazione per salvare la nostra Casa di Riposo".

Insomma ha di che rispondere il primo cittadino di Brembate Sopra ai due commissari Cantone e Cottarelli, impegnati ad individuare gli enti spreconi. (Leggi qui).

Così come Dario Cortiana, resposnabile del settore economico e finanziario del Comune di Clusone, che in una lettera a Bergamonews scrive: "L’affidamento della fornitura di energia elettrica affettuato dal Comune di Clusone per l’anno 2013 è avvenuto previa verifica dei prezzi previsti dalla convenzione Consip Energia Elettrica 10, affidando alla società Blue Meta Spa che ha garantito – per tutta la durata del contratto (01.01.2013-31.12.2013) – un prezzo inferiore di (1,00 euro/MWh) a quello previsto dalla citata convenzione. In questo modo – aggiunge Cortiana – il Comune di Clusone ha ottenuto un ulteriore risparmio rispetto alla procedura di gara messa in atto dalla Consip Spa".
I due dei tre Comuni della bergamasca finiti nella lista Cottarelli, Brembate di Sopra e Clusone, hanno scritto al nostro giornale, ma la vera giustificazione delle loro scelte economiche e finanziare andranno inviate ai due commissari indicati dal Governo per individuare eventuali sprechi negli enti pubblici. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da rotabruno

    luci a led private e pubbliche in uffici e per le strade perchè non lo fanno ? ormai il risparmio è noto ! oppure ci sono altri motivi per non farlo?

    1. Scritto da Alberto

      Il motivo che per realizzarli bisogna investire e con il Patto di stupidità non è possibile!!!

  2. Scritto da pluto

    Il bravo sindaco -oltre dimenticare precisazioni sull’errore nella scelta dei contratti come prevede la legge- ha dimenticato di indicare quanto spende il suo comune per l’illuminazione e per il riscaldamento degli uffici pubblici rispetto a quanto spende per la casa di riposo. Poi ha anche dimenticato di dire chi sono le ditte che danno elettricità e metano.

  3. Scritto da il bolemico

    segnalo alla redazione che non è una risposta. I due commissari contenstano che il contratto per il riscaldamento della casa di riposo non è passato dalla centrale acquisti. Come dite in un altro articolo “La Legge tollera che gli enti pubblici possano procedere autonomamente agli acquisti, SOLO in caso dimostrino di poterlo fare a prezzi inferiori da quelli proposti da Consip.” I sindaco non ha risposto alla critica ma ha parlato d’altro.

  4. Scritto da Albe67

    Bravo Diego, continua così!

  5. Scritto da il polemico

    come volevasi dimsotrare,per i governi pd non meritano attenzione le case di riposo o sistemare gli italiani…….è piu importante farsi in 5 e destinare milioni di euro per assistere e trovare una degna sistemazione per le miglaiia di clandestini che arrivano in italia,e il tutto condito dal parere favorevole dei loro elettori farlocchi

    1. Scritto da Luigi

      Ma lei se non la butta sul tifo da stadio non e’ felice? Qui se c’e’ qualcosa di farlocco e’ la risposta data al giornale data da quei sindaci… basta leggere gli altri commenti per capire il perche’ caro il mio figlio del po’!

      1. Scritto da il polemico

        piuttosto che dirlo a me,dillo alle famiglie italiane bisognose che sono messe in secondo piano perchè mancano i fondi,fondi che al contrario ci sono sempre per aiutare i clandestini che arrivano a vagonate,questa è la realtà e non sono di certo le parole tue o di altri a cambiarla…è meglio aiutare gli italiani o i clandestini?…saluti