BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Pil è negativo: -0,2% per l’Italia è recessione Piazza Affari in discesa

Recessione per l'Italia, il Pil registra un meno 0,2%. A giugno 2014 l'indice destagionalizzato della produzione industriale è aumentato dello 0,9% rispetto a maggio. Nella media del trimestre aprile-giugno la produzione è diminuita dello 0,4% rispetto al trimestre precedente. E Piazza Affari paga i dati negativi.

Più informazioni su

L’Italia torna in recessione tecnica. Nel secondo trimestre dell’anno il Pil è calato dello 0,2% rispetto ai primi tre mesi dell’anno, quando l’economia aveva registrato una contrazione dello 0,1%. Su base annua, invece, il Pil scende dello 0,3%. Insomma nonostate gli sforzi e le promesse del governo la crescita economica continua a essere negativa, come d’altra parte avevano anticipato i dati sulla produzione industriale relativi al secondo trimestre (-0,4% nella media del periodo).

A giugno, quindi, la variazione acquisita per il 2014 è pari a -0,3%: si tratta in sostanza del dato che si otterrebbe a fine anno in assenza di variazioni coniunturali per gli ultimi sei mesi dell’anno. 

I DATI DELL’ISTAT

A giugno 2014 l’indice destagionalizzato della produzione industriale è aumentato dello 0,9% rispetto a maggio. Nella media del trimestre aprile-giugno la produzione è diminuita dello 0,4% rispetto al trimestre precedente.

Corretto per gli effetti di calendario, a giugno 2014, l’indice è aumentato in termini tendenziali dello 0,4% (i giorni lavorativi sono stati 20 come a giugno 2013). Nella media del primo semestre dell’anno la produzione è aumentata dello 0,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

A giugno l’indice destagionalizzato presenta variazioni congiunturali positive nei raggruppamenti dei beni strumentali (+2,6%), dei beni di consumo (+2,5%) e dell’energia (+0,3%); segna invece una variazione negativa il comparto dei beni intermedi (-0,2%). Gli indici corretti per gli effetti di calendario registrano, a giugno 2014, un solo aumento tendenziale nel raggruppamento dei beni di consumo (+3,5%); diminuiscono invece l’energia (-1,4%), i beni intermedi (-1,3%) e i beni strumentali (-0,1%).

Per quanto riguarda i settori di attività economica, a giugno 2014, i comparti che registrano la maggiore crescita tendenziale sono quelli delle industrie alimentari, bevande e tabacco (+4,0%), della fabbricazione di computer, prodotti di elettronica ed ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi (+3,9%) e della produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+2,2%).

Le diminuzioni maggiori si registrano nei settori dell’attività estrattiva (-11,7%), della fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (-10,8%) e della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-7,9%).

PIAZZA AFFARI IN CALO

Prosegue il peggioramento di Piazza Affari dopo il dato del Pil: l’indice Ftse Mib perde il 2,2% a 19.610 punti, con Fiat debole per le ipotesi di esercizio di diritti di recesso sulla fusione con Chrysler che cede il 6%. Male Mps e Bper (-4%), in netto calo anche le banche principali: Intesa -3%, Unicredit -2%. «E’ un numero molto sorprendente. A questo punto, sulla base dei primi due trimestri, c’è una discreta probabilità che il dato finale esca -0,1% su anno», commenta Luca Mezzomo di Intesa Sanpaolo. Lo spread Btp/Bund dopo la diffusione del dato si è allargato e viaggia intorno a 166,5.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alberto

    Come molti dissero mesi fa’, nemmeno Superman avrebbe potuto risollevare l’economia italiana, nell’attuale euro e nei vincoli europoidi. Eppure fummo per l’ennesima volta insultati dai mamalucchi che credevano (e quel che è peggio, credono ancora) alle balle spaziali del terzo nominato di seguito alla presidenza del consiglio. Chiunque abbia un minimo di conoscenze macroeconomiche sa che siamo destinati solo a peggiorare, nell’euro e sotto Bruxelles.

    1. Scritto da Noi perfetti?

      “tutti vogliono cambiare il mondo ma nessuno vuole cambiare sé stesso”.
      La corruzione che ci sprecare miliardi su miliardi e fa emergere aziende e persone scadenti, che poi non riescono a competere col resto del mondo ce la porta Bruxelles?
      La complessità burocratica e la lentezza della Giustizia che fanno scappare stranieri e italiani bravi tagliati fuori perché non “nel giro” vengono da Bruxelles?
      Il debito da clientele e corruzione ce l’ha fatto Bruxelles?
      #ForzaTroika

      1. Scritto da La verità fa male

        Forza Trojka??? che risate che mi faccio …. 1) la trojka annoverava qualche anno fa tra i suoi esponenti un francese socialista di cui indico solo le iniziali (D.S.K.) le cui vicende amorose sono state più ridicole di quelle di Berluska 2) gli eurostipendi da nababbi di Bruxelles (più i compensi ai loro portaborse spesso raccomandati e nullafacenti), se paragonati al tasso di assenteismo (altissimo) di chi li percepisce, fanno sentire dei poveracci i parlamentari italiani

  2. Scritto da il polemico

    con l’imu e la tasi,che hanno creato 800mila disoccupati nell’edilizia,che era gia in crisi da se,ma che i governi a guida pd hanno pensato bene di dargli un’altra spinta verso il baratroe ,cosa si pensava?l’qassurdo è aumentare le tasse per coprire il regalo di 80 euro dato solo a certi eletti….e più farlocchi quelli che li votano

    1. Scritto da Maister

      Gli appartamenti ed i capannoni invenduti li compra Polemico per cui facciamone tranquillamente degli altri !!

  3. Scritto da #staiimmune

    Era prioritario riformare il Senato, per avere senatori ancora nominati dalle segreterie di partito e con l’immunità, che arrivando dalle Regioni sarà molto apprezzata.
    Così i 4-5 che hanno avuto in mano la politica l’avranno in maniera ancora più forte.
    Gli altri possono attendere…

  4. Scritto da c

    Fermate Renzi, i suoi spot hanno rotto, ha dato 80€ a chi lo stipendio ce l’ha e non ha dato nulla ai disoccupati,esodati,pensionati,partite iva che oggi sono i veri poveri, le coperture non c’erano e lo sapeva benissimo ma gli servivano quegli 11000000 di voti per vincere le elezioni.
    In Italia serve un commissario estero che ci possa governare dall’esterno, o fra qualche anno rimpiangeremo Berlusconi.
    AIUTOOOOOOOOOOOO!

    1. Scritto da Jeff

      Le coperture per gli 80 euro al mese ci sono, barabao . Solo uno come te può rimpiangere chi ci ha messo in queste condizioni.

      1. Scritto da La verità fa male

        Il commentatore qua sopra sarà un barabao ma nei Palazzi Europei (quelli di fronte ai quali lei si inginocchia in adorazione) si discute di una possibile manovra correttiva da 20 miliardi di euro. Da quando è svanito Silvio tre anni di governi appoggiati dal PD hanno prodotto tassazione e disoccupazione giovanile a livelli record, un rapporto debito/PIL passato dal 120% al 135%, il crollo di tutti gli indicatori economici e sociali, casi come il Mose, MPS, Expo e la riforma Fornero

  5. Scritto da Alberto

    La crisi è finita, andate in ferie in pace (Renzie dixit)…

    1. Scritto da Sergio

      Infatti mi chiedo se sia a posto di testa, quando fa certi spot con la gente disoccupata e il Paese affossato com’è da loro governanti. Andremmo in ferie se avessimo i loro stipendi, che percepiscono immeritatamente nonostante abbiano rovinato l’Italia.

  6. Scritto da Carlo Pezzotta

    Non mi risulta!!! Continuo a vedere gente che spende e spande, vero, tutta gente che scende dai suv o da megaauto!! Interviste fatte agli aeroporti di fighetti che partono x le ferie: Maldive, Canadà, Cina, Giappone ecc. ecc., tutti poveri operai e pensionati che evadono il fisco!!! E’ questa la recessione??

    1. Scritto da Mister Bean

      Fossi in lei andrei da un oculista di quelli bravi. Sperando che sia solo un problema di vista. Io vedo gente che chiede prestiti per poter pagare le tasse e continua a non avere servizi. Tutti che tirano la cinghia, tranne gli statali. Ah, ecco, sarà ancora colpa della lega, non c’è dubbio. Chissà cosa ci vuole a certa gente perchè chiuda le orecchie ed apra gli occhi.

  7. Scritto da pAcky

    -0,2%!!! Non è bello comunque ma è un bel po diverso.

  8. Scritto da rotabruno

    ma non era arrivato quello che sistemava tutto in tre mesi? non lo avete votato ? va bé TENETEVELO ! sono sempre più deciso ad andarmene dall’itaglia!!!

    1. Scritto da pAcky

      … invece a chi ha perso quasi 10% del PIL in pochi anni senza fare niente gli diamo una medaglia?

      1. Scritto da Mister Bean

        e ti pareva che non arrivasse il solito a dar la colpa ai suoi nemici politici? Ti informo che i provvedimenti lacrime e sangue dei governi piddini e non eletti NON HANNO PORTATO BENEFICI AI CONTI DELLO STATO, anzi. Guarda che fine ha fatto il debito pubblico. Leggiti i numeri e smetti di dar retta ai media di regime. Sai perchè renzi vuol far presto? perchè prima o poi la gente si sveglia e lo manda via a pedate, come monti.

    2. Scritto da Luigi

      Guarda che i suoi elettori non subiscono la crisi, prevalentemente statali con posto e stipendio fisso per l’eternità… Sono cacchi nostri, invece…

      1. Scritto da Pieri

        Parole Sante!

    3. Scritto da ru

      Renzi sarà sbrigativo, ma lei cosa vuole, un premier o un mago? forse prima di stroncarlo occorre ancora qualche dato e un po’ di pazienza (non sono un suo fan, preciso).

      1. Scritto da Mister Bean

        Basta, non ne posso più. Un altro che gli da ancora credito. Ma cos’ha fatto renzi finora? Proclami, promesse non mantenute e diminuzione della democrazia. gli 80 euri? bravo, però ha aumentato l’imu e ha messo la tasi. Bisogna essere proprio ciechi per non vedere che gli 80 euro erano solo una marchetta elettorale.