BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sacbo, Pirovano rilancia: “Io nel Cda? Mi piacerebbe” Macconi non si muove

Ettore Pirovano torna alla carica per entrare nel consigli di amministrazione di Sacbo, società di gestione dell'aeroporto di Orio al Serio. Il presidente della Provincia, che tra due mesi lascerà via Tasso, si era già autoproposto prima delle elezioni, nei giorni in cui è stato rinnovato il cda. Il caso Macconi, consigliere nominato dall'ex sindaco Tentorio e ora chiamato a dimettersi dalla maggioranza Gori, ha riaperto la partita delle nomine anche sul fronte Lega. Pirovano punterebbe al posto di Diego Alborghetti, confermato a maggio.

Ettore Pirovano torna alla carica per entrare nel consigli di amministrazione di Sacbo, società di gestione dell’aeroporto di Orio al Serio. Il presidente della Provincia, che tra due mesi lascerà via Tasso, si era già autoproposto prima delle elezioni, nei giorni in cui è stato rinnovato il cda. Il caso Macconi, consigliere nominato dall’ex sindaco Tentorio e ora chiamato a dimettersi dalla maggioranza Gori, ha riaperto la partita delle nomine anche sul fronte Lega. Pirovano punterebbe al posto di Diego Alborghetti, confermato a maggio. “Sì, è vero, mi piacerebbe entrare in Sacbo – spiega il presidente -. E’ una società di cui mi sono sempre occupato con interesse. Cosa farei? La priorità è continuare la buona gestione amministrativa di una splendida macchina come l’aeroporto. Sviluppo, nel rispetto delle norme”. Difficile convincere la segreteria del Carroccio e soprattutto la base del movimento, con cui non corre più buon sangue.

Se Pirovano vorrebbe entrare, Macconi non vorrebbe uscire. O meglio, per ora non ha proprio intenzione di affrontare il tema. “Guardi, sinceramente non ci sto pensando. Io sono in vacanza e anche Tentorio è via. Comunque per ora rimango”.

Il centrodestra ha alzato le barricate dopo un comunicato stampa firmato Massimiliano Serra: “Se non venisse ristabilita dalle minoranze la necessaria correttezza, auspichiamo che il sindaco Giorgio Gori voglia ripensare metodo e scelte delle prossime nomine”.

L’opposizione non aspettava altro. L’ultimatum del capogruppo Pd, chiaro riferimento alla disponibilità del primo cittadino di concedere più spazio alle minoranze nelle partecipate, è stata l’occasione per prolungare il braccio di ferro con Gori sulla permanenza di Macconi in Sacbo. Tutti i nomi del primo cittadino sono attesi per martedì o mercoledì. Nei giorni scorsi i gruppi di maggioranza hanno proposto le loro candidature.

Si attendono soprattutto le scelte su Atb, Fondazione Mia, Azzanelli Cedrelli, Bergamo Infrastrutture e Gamec oltre ovviamente all’aeroporto.

Le ultime indiscrezioni danno Alessandro Redondi, candidato nella lista del Pd, in pole position per la presidenza di Atb.

Dopo alcuni tentennamenti il centrodestra sembra aver trovato la quadra su alcuni nomi: Giuseppe Mittiga (Forza Italia) alla Azzanelli Cedrelli, Valentina Albertini ai Servizi alla persona, Mario Foti rimarrebbe in Bergamo Infrastrutture (non come presidente, carica che ha ricoperto negli ultimi anni), Giovanni Bertino in Atb Servizi.

E Pietro Macconi in Sacbo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da marco.rota

    macconi dimettiti !!! se la parola data vale ancora qualcosa !!!

  2. Scritto da Luigi

    Fuori la politica dagli aeroporti, e non solo dai tubi…

    1. Scritto da memoria!!!!!

      il tuo commento è più che sacrosanto, il presidente ha già dato (eccome !!!!!!) il problema credo sia, per lui, la difficoltà a staccarsi dalla poltrona alla quale è attaccato e affezionato in modo morboso, credo si debba inventare un reagente chimico speciale !!!!!!!!!!!! Comunque chiede il posto di macconi pdl e non quello di alborghetti, come mai?

  3. Scritto da Luciano Avogadri

    Il problema piu’ serio e’ che la voglia di fare e le idee non siano le direttrici principali per queste scelte, e Pirovano sembra non staccarsi dalla norma.

  4. Scritto da Marketing

    Aprire un negozio di frutta e verdura no ?

  5. Scritto da bassaiolo

    Pirovano a casa e basta.

  6. Scritto da ureidacan

    Pirovano è stato un gigante alla Provincia. Lasciamolo nel consiglio, non prende l’indennità (ha la ricca pensione da parlamentare già erogata) e può dare qualche suggerimento al nuovo presidente (rossi o giallo che sia)

    1. Scritto da lotty

      Un gigante! Ma per favore…ha solo chiacchierato tanto!

    2. Scritto da angelo

      ma lo sa che per legge è incompatibile per due anni ? (legge Severino). Finge ?

  7. Scritto da Corrado

    25 anni di politica (Sindaco, Deputato, Senatore, Presidente della Provincia)…ma vai a casa e lascia il posto ai giovani (non a tua figlia che hai già infilato dappertutto).
    Meritocrazia e non gerontocrazia (politica) e familismo!!!

    1. Scritto da hans

      e il genero?

      1. Scritto da Cri

        Quali .. Dei due ….quello ufficiale o l’altro

  8. Scritto da Berghèm

    Per l’amor del cielo tenete lontano Pirovano da Sacbo dopo quello che …non è riuscito a fare in provincia cosa volete che proponga per l’aeroporto? Aerei verdi forse? ehhh un bel posticino caldo e ben pagato fa sempre piacere averlo.