BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Foppa, occhio al calendario “Dicembre mese di ferro Ci faremo trovare pronti”

Il nostro Alberto Caprini analizza con il tecnico Stefano Lavarini il calendario che riserverà alle rossoblù dal 30 novembre in poi quattro giornate impegnative contro le big del campionato: "Non conta chi affrontiamo, conta come arriviamo a quelle sfide. Lavoreremo sodo per essere al top".

Più informazioni su

di Alberto Caprini

Che tutti devono giocare con tutti è una frase fatta e scontata. Ma vedere come e quando la Foppa dovrà affrontare le avversarie del prossimo campionato è un esercizio che tifosi e molti addetti ai lavori fanno, anche solo per riempire le giornate estive in attesa di ritornare a vedere le rossoblù all’opera (ripresa prevista solo l’1 settembre). E allora ci proviamo anche noi.

INIZIO SOFT – La Foppa debutterà in trasferta domenica 2 novembre contro Urbino, squadra di cui si conosce ancora poco, ma che certamente è destinata ad un ruolo di secondo (terzo?) piano nella prossima serie A1. Di solito è preferibile iniziare in casa ma dovendo partite lontano da Bergamo e potendo scegliere, con tutto il rispetto, questa è un’occasione per incamerare subito punti pesanti in classifica e arrivare con il morale alto al debutto casalingo. Questo avverrà alla seconda giornata, il 9 novembre, contro Casalmaggiore, guidata in panchina da Mazzanti e in campo dalla sua compagna (ex rossoblù) Ortolani. Un impegno sicuramente ostico che rappresenterà una rivincita dopo il ko dello scorso campionato. Le rossoblù scenderanno quindi in Toscana per affrontare Il Bisonte Firenze, neopromossa che punterà ad una tranquilla salvezza grazie all’esperienza delle varie Turlea, Calloni e Negrini. L’anno scorso la squadra iniziò con 9 punti nelle prime 3 partite, ripetersi sarà difficile ma certamente il calendario aiuta e autorizza a sognare il bis. Il primo big match sarà quello della quarta di andata al PalaVerde contro Conegliano, che si giocherà mercoledì 19 novembre e sarà seguito dall’incontro casalingo domenicale contro un’altra matricola, Scandicci, nelle cui fila ritroveremo Federica Stufi.

QUATTRO GIORNATE DA BRIVIDO – Dalla sesta alla nona ecco il ciclo terribile. Si comincia il 30 novembre al PalaNorda contro Piacenza, non più in versione schiacciasassi ma comunque tra le principali pretendenti al titolo. Poi ecco il secondo turno infrasettimanale contro Modena (pattuglia di ex folta, a Piccinini si è aggiunta Folie), prima di affrontare al PalaNorda Busto Arsizio nel primo scontro di Valentina Diouf con il suo recente passato. La serie si concluderà a Novara sul campo di una squadra uscita stravolta dal mercato: sette titolari nuove su sette, e una qualità complessiva notevolmente incrementata. Finale più agevole con Ornavasso in casa (21 dicembre) e la trasferta conclusiva a Montichiari il giorno di Santo Stefano.

CALENDARIO SQUILIBRATO? – Ad una prima occhiata complessiva il calendario appare squilibrato, con un inizio alla portata delle ragazze e una parte centrale terribile per concludere con un’incognita e una matricola. Positivo per gli incassi affrontare i due turni infrasettimanali previsti in trasferta (giocare contro Modena di Piccinini al mercoledì o alla domenica cambia eccome…). Agevole anche la trasferta natalizia di Montichiari che potrebbe spingere molti tifosi rossoblù a seguire la squadra nella vicina trasferta. Poi per quanto riguarda i valori di fatto sarà il campo il giudice sovrano e le sorprese sono sempre all’ordine del giorno. E l’importanza dei playoff alla fine è tale da rendere la Regular Season una sorta di torneo di preparazione in cui il piazzamento conta relativamente. Cautela nei giudizi che emerge anche dalle parole del tecnico Stefano Lavarini: "E’ sempre difficile dare giudizi – commenta a BgNews il coach rossoblù -, serve del tempo per conoscersi tutti. La successione delle partite non è fondamentale, dipende sempre da come trovi in quel momento una squadra. Guardando al panorama attuale, rispetto al passato dove avevamo quattro squadre armate come Piacenza, Busto, Modena e Conegliano, direi che si è aggiunta con autorità Novara. Queste sono le cinque squadre più attrezzate. Noi affronteremo quattro di queste cinque squadre tra la sesta e la nona giornata, direi che quello sarà un mese impegnativo e dovremo affrontarlo dopo aver lavorato bene prima, perché a livello di importanza sarà fondamentale partire subito bene il primo mese in palestra e farci trovare pronti anche nelle prime cinque giornate. Poi più che la regular season sarà decisivo il tabellone dei playoff, finire in una parte piuttosto che in un’altra può fare la differenza, guardate cosa ha fatto Busto l’anno scorso quando è riuscita a ritrovarsi proprio al momento giusto".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.