BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Caso Yara, mercoledì nuovo interrogatorio per Massimo Bossetti

Bossetti sarà sentito dal pm titolare dell'inchiesta, Letizia Ruggeri, domani alle 10, in un'aula del penitenziario di via Gleno. Possibile che il magistrato voglia sottoporre al muratore, che continua a professarsi innocente, nuovi elementi d'accusa dopo quello finora emerso del Dna

Nuovo interrogatorio per Massimo Giuseppe Bossetti, il carpentiere di Mapello in carcere dallo scorso 16 giugno con la grave accusa di aver barbaramente ucciso Yara Gambiasio.

Bossetti sarà sentito dal pm titolare dell’inchiesta, Letizia Ruggeri, domani (mercoledì) alle 10, in un’aula del penitenziario di via Gleno a Bergamo.

Possibile che il magistrato voglia sottoporre al muratore, che continua a professarsi innocente, nuovi elementi d’accusa dopo quello finora emerso del Dna ritrovato sugli indumenti della ragazzina, appartenente allo stesso Bossetti. Non è da escludere però che l’interrogatorio sia stato richiesto dall’accusato, che sabato scorso ha ricevuto la visita dei famigliari.

La sorella gemella Laura, il padre Giovanni (anche se gli inquirenti sono convinti che il padre naturale sua Giuseppe Guerinoni) ed Ester Arzuffi, che gli ha ripetuto di non aver mai avuto una relazione con l’autista di Gorno morto nel 1999 a 61 anni, e che sia figlio proprio di Giovanni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mario59

    La signora Arzuffi insiste e continua a sostenere che i suoi due figli gemelli, non sono figli del defunto Guerinoni, a questo punto gli studiosi di genetica di tutto il mondo, dovranno porsi grossi dubbi e interrogativi, e un giorno magari si scopriranno che il DNA, può essere tramandato anche solo guardando un autista di pullman negli occhi.

  2. Scritto da Luigi

    Sull’articolo “Ester e la sua verità: “Massimo, non sei figlio di Giuseppe Guerinoni” voi di BGNews non avete permesso commenti: credo che sia per la vostra umanità e la vostra pietà umana nei confronti di una signora anziana. Sarebbe bello anche (da parte della Giustizia Italiana) permettere che il DNA sia considerato “prova” e non più “indizio”… Quel 99,99% è la classica vigliaccata italiana per far lavorare giudici, avvocati e tecnici, su disgrazie inenarrabili….