BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Anche a Bergamo tango de la paz contro il genocidio palestinese

Stasera il flash mob in contemporanea nelle piazze d’Italia, dove l’abbraccio è tra uomini vestiti con i colori della bandiera israeliana e donne con i colori palestinesi.

Bergamo, Palermo, Cosenza, Reggio Emilia, Genova, Padova, Mantova, Brescia, Mestre, Lucca e Savona. Sono dodici le città italiane che ballano il “tango de la paz”, tra martedì 5 e giovedì 7 agosto con flash mob in contemporanea nelle piazze d’Italia, dove l’abbraccio è tra uomini vestiti con i colori della bandiera israeliana e donne con i colori palestinesi. L’appuntamento a Bergamo è fissato per questa sera, martedì 5 agosto, sul Sentierone. 

L’iniziativa, lanciata da Maura Laudicina di Palermo, è un grido di stop alla guerra in Palestina, dove da settimane è ricominciata una sanguinosa guerra tra Israeliani e palestinesi, che finora ha lasciato dietro di sé migliaia di morti, soprattutto civili e bambini.

“Scendiamo nelle piazze a ballare. Insieme per tutti coloro che sono contro questo sterminio. Uniamoli noi questi due popoli in guerra, in abbracci sinceri e di fratellanza!” scrive l’organizzatrice nella lettera aperta rivolta a tutti i milohgueri. “Qualunque altra città italiana si voglia unire a noi, sarà la benvenuta!”

Questa la sua lettera: “Questo odio e violenza in terra di Palestina mi spinge inevitabilmente a lanciarvi questo invito. Vorrei avere e dare l’opportunità di manifestare il dissenso al genocidio in atto! Vorrei poter dare un segnale forte come solo noi tangueri sappiamo dare. Scendiamo nelle piazze a ballare. Insieme per tutti coloro che sono contro questo sterminio. Uniamoli noi questi due popoli in guerra, in abbracci sinceri e di fratellanza! Qualunque altra citta italiana si voglia unire a noi, sara la benvenuta! Importante dare l’adesione entro Domenica 3 Agosto, scrivendo in privato a Maura Maurita Laudicina! Grazie :) Il tutto sarebbe bene fosse documentato su ogni mezzo di comunicazione a nostra disposizione. Importante fare questo evento free, in pubbliche piazze e al di fuori di milonghe o eventi ufficiali (ovviamente benvenuti cmq tutti gli eventi ufficiali sostenitori di questa campagna)! Amici, credo fortemente nella nostra unione e nella nostra forza! Grata ad ognuno di voi che parteciperà e a chi ha accettato il mio invito ad organizzare questo evento nazionale! Maura Laudicina (339 8904642)”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Carlo Pezzotta

    Israele? Prima del 1948 non esisteva. Hanno fondato Israele con la violenza e l’inganno, cacciando dalle loro case e dalla loro terra, i palestinesi che li vivevano da millenni. Con la scusa dell’olocausto e con il potere finanziario ebreo, sparso nei paesi + ricchi delle terra, con la complicità dei paesi occidentali, hanno fatto questa operazione, facile perchè allora i poveri palestinesi non sapevano nemmeno cosa fosse un fucile.

    1. Scritto da Gaetano Bresci

      vero !!….e ci daranno degli antisemiti.