BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Porte aperte sulle Orobie” Cai presenta nuova guida dedicata a sentieri e rifugi

L'Unione bergamasca delle sezioni e delle sottosezioni del Cai presenta la nuova guida “I sentieri e i rifugi porte aperte sulle belle Orobie” e l’installazione di nuove bacheche lungo i principali itinerari che portano ai rifugi del territorio.

25 bacheche, 16 rifugi Cai e 18 itinerari. Sono questi i numeri di due nuovi progetti presentati dall’Unione bergamasca delle sezioni e delle sottosezioni del Cai, dedicati ai rifugi e alla rete di sentieri del territorio.

Il primo è la realizzazione di una nuova guida, intitolata “I sentieri e il rifugi-Porte aperte sulle belle Orobie”, che si propone come un pratico supporto per gli escursionisti orobici.

Il secondo, invece, è l’installazione di nuove bacheche lungo i principali itinerari che portano ai rifugi del Cai.

Entrambe le iniziative sono finanziate dalla fondazione della Comunità Bergamasca e dal Parco delle Orobie bergamasche, con l’obiettivo di valorizzare la rete escursionistica delle Orobie.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da alex

    Frequento spesso i rifugi… non mi risulta siano in pessime condizioni o sporchi come lei dice. I rigugi non sono e non devono essere alberghi a 4 stelle. I primi alberghi nati nei paesi alpini erano dotati di stalla con latte fresco tutti i giorni e buona carne da mangiare… Certi nuovi rifugi assomiglianti ad astronavi hanno snaturato completamente la genuina ospitalita’ d’alta quota.

    1. Scritto da Luigi

      Oggi il rifugista viene servito con l’elicottero, non porta a spalla prodotti e detergenti… dovrebbe metterci un po’ più di olio di gomito e lustrare i locali…..

  2. Scritto da MAURIZIO

    Egr. CAI, stampate meno guide e : 1. FATE LE PULIZIE ordinarie nei rifugi e nelle loro pessime cucine. E’ tutto sporco
    2. RESTAURARATE i rifugi (la gente contribuirebbe!)
    2. MANUTENETE i sentieri, moltissimi dei quali sono in condizioni vergognose (se dite di non riuscire, RINUNCIATE alla gestione!) 3. SEGNALATE i sentieri con i comuni cartelli usati in tutta Europa 4. SEGNALATE i pericoli presenti all’uso dei sentieri dovuti alla storica assenza di manutenzione per colpa vostra.

    1. Scritto da Edo

      Forse Maurizio un appunto va anche alle persone che usano i rifugi e che dovrebbero essere più corrette ed evitare di lasciare sporco.Comunque d’accordo con lei anche per i punti relativi al segnalazioni e stato dei sentieri.Soprattutto per quanto riguarda la nostra provincia