BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Polo scolastico di Treviolo M5S vuole vederci chiaro Chiesti tutti gli atti

Il Movimento 5 Stelle di Treviolo ha chiesto ufficialmente tutti gli atti amministrativi in possesso del Comune in merito alla vicenda del polo scolastico di Treviolo. Il cantiere è stato messo sotto sequestro nell'ambito dell'inchiesta Locatelli. Il consigliere comunale Stefano Reale, candidato sindaco alle ultime elezioni, ha depositato una richiesta ufficiale di accesso agli atti per verificare ogni singolo passaggio autorizzativo.

Il Movimento 5 Stelle di Treviolo ha chiesto ufficialmente tutti gli atti amministrativi in possesso del Comune in merito alla vicenda del polo scolastico di Treviolo. Il cantiere è stato messo sotto sequestro nell’ambito dell’inchiesta Locatelli. I periti geologi incaricati di verificare se sia stato depositato materiale inquinato hanno certificato che sotto il cantiere, su 10 campioni di materiale prelevati, 5 sono risultati fuori norma al test di cessione (una prova simulata di rilascio di contaminanti effettuata ponendo in contatto per un tempo definito il materiale campionato con una soluzione acquosa). Tre gli indagati: Andrea Fusco, ex legale rappresentante della Locatelli Geometra Gabriele Spa, l’imprenditore Francesco Fiorini della Ced (in qualità di rappresentante della società committente) e il direttore dei lavori Flavio Todeschini.

Ora il Movimento 5 Stelle vuole vederci chiaro. Il consigliere comunale Stefano Reale, candidato sindaco alle ultime elezioni, ha depositato una richiesta ufficiale di accesso agli atti per verificare ogni singolo passaggio autorizzativo. Non solo per capire se nel corso degli anni siano state commesse leggerezze dal punto di vista ambientale, ma anche economico. “Chiediamo la documentazione tecnica riguardante il polo scolastico con particolare riferimento ai documenti inerenti la quantificazione economica dell’opera, perizie e stime del valore delle aree cedute alla società proponente il piano integrato di intervento, stime dei costi di gestione, convenzione stipulata tra le parti, fidejussioni bancarie e qualsiasi altro approfondimento economico eseguito dal Comune per esprimere parere favorevole all’adozione del piano urbanistico. Copia della vicenda giudiziaria che ha portato al sequestro del cantiere”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Uriel

    Guardare al passato non giova a nessuno, adesso bisogna trovare una soluzione, se non si può far nulla, ne prenderemo atto, purtroppo la giustizia italiana è quello che è e i tempi per risolvere la questione si sono rivelati molto lunghi .. ma ormai spero che si arrivi ad un punto di svolta. Al di là delle simpatie politiche penso convenga a tutti (destra sinistra, centro,m5s ecc) avere un polo scolastico finito e funzionante.

  2. Scritto da Ponzio Pilato

    Hai sbagliato l’ordine.

    Prima la CDO, poi FI ed infine la lega Nord.
    Il Punto è che adesso andrebbe trovata una soluzione, altro che commissione d’inchiesta. e chi comanda a Treviolo? Ponzio Pilato?
    Non si deve correre dietro ai M5S caro Sindaco, sennò la scuola non la finiremo mai.

  3. Scritto da Pluto

    (;-)) Comprassero una torcia….adesso che i buoi sono scappati che si fa? Si studiano le carte? si demolisce tutto? Chi rimborserà il danno subito dai cittadini? Questo é di tutto il centrodestra e collegati: Lega, Forza Italia, Compagnia delle Opere.