BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La Lega Nord di Albino: “Revocare l’adesione al progetto profughi”

Revocare l'adesione al progetto di accoglienza dei profughi sottoscritto dalla passata amministrazione: è la richiesta della Lega Nord di Albino, vincitrice delle ultime elezioni insieme al candidato sindaco Fabio Terzi, ora primo cittadino. Il documento politico è stato presentato durante l'ultimo Consiglio comunale e sottoscritto dal capogruppo del Carroccio Manuel Piccinini insieme ai colleghi consiglieri Sara Carrara, Maria Rosa Cassader e Vincenzo Ciceri.

Revocare l’adesione al progetto di accoglienza dei profughi sottoscritto dalla passata amministrazione: è la richiesta della Lega Nord di Albino, vincitrice delle ultime elezioni insieme al candidato sindaco Fabio Terzi, ora primo cittadino. Il documento politico è stato presentato durante l’ultimo Consiglio comunale e sottoscritto dal capogruppo del Carroccio Manuel Piccinini insieme ai colleghi consiglieri Sara Carrara, Maria Rosa Cassader e Vincenzo Ciceri. La dura presa di posizione anticipa solo di poche ore la battaglia che la Lega Nord si prepara a lanciare contro l’autorizzazione ad accogliere alcuni profughi alla Cà Matta di Sorisole, di proprietà del Parco dei Colli.

“Come gruppo Lega Nord desideriamo farte la seguente comunicazione riguardante la recente richiesta da parte del governo centrale di “leale collaborazione nella fgestione dell’emergenza profughi agli enti locali” – si legge nel documento presentato in Consiglio -. Una leale collaborazione che il governo trasforma in una leale sottomissione per l’ente locale quando si tratta di elaborare, congiuntamente, proposte per far fronte al taglio dei trasferimenti. Dal 2011 i Comuni non hammo mai smesso di occuparsi anche dei problemi legati alla gestione dei profughi. Nell’accordo sottoscritto i primi di luglio presso la conferenza Stato Regione si è individuato il “Sistema di protezione richiedenti asilo e rifugiati” per far fronte all’emergenza. Si tratta di un sistema basato sulla creazione di una rete territoriale volta a garantire non solo vitto ed alloggio ma avente come scopo l’inserimento socio economico del richiedente protezione internazionale. Questo strumento si sta rivelando inidoneo a fronteggiare l’emergenza soprattutto vista la recente decisione del governo di assegnare alla Lombardia ulteriori 1800 profughi. Una decisione fuori da qualsiasi logica considerato che in Lombardia la rete Spar ne può assorbire al massimo 900. Un intervento concreto per la nostra comunità albinese lo possiamo fare: revocare la delibera di Giunta comunale con la quale aderivamo al progetto di accoglienza di clandestini e profughi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Map

    solo noi siamo così bravi,ad ospitarli, L’Europa se ne frega e fa bene !!!!!!!!!!!

  2. Scritto da Pippo

    basta immigrazione senza regole. Basta accoglierli se non siamo pronti.Le navi non dobbiamo nemmeno farle attraccare in Italia visto quanto ci costano queste missioni. Gli immigrati sono solo un costo sociale altissimo che paghiamo con le nostre tasse. Questi arrivano, non ci rispettano in casa nostra e diventano delinquenti. Pretendono, pretendono e pretendono. Aiutiamoli si ma a casa loro!

    1. Scritto da billy

      Di solito all’aiutiamoli a casa loro non segue niente. Bella enunciazione e morta lì. Le barche arrivano anche se non lo vogliamo, e arrivano in Italia e non in Svezia per come è fatto il mondo. C’è poco da fare. Poi vanno accolti, noi siamo cristiani.

      1. Scritto da Alberto

        Da quando non si può impedire ad un’imbarcazione non identificata di invadere acque territoriali italiane? Mi sa che la propaganda piddina vi ha decisamente tolto ogni capacità cognitiva. E poi, l’ “aiutiamoli a casa nostra” invece quali ottimi riscontri ha mai ottenuto?

        1. Scritto da billy

          certo che si può impedire, li lasci affondare. poi fai finta di niente e vai in chiesa a fare il (presunto) buon cristiano che si contrappone ai kattivi islamici. per l’aiutiamoli chiedi a qualsiasi leghista, è il loro mantra per svicolare dalle discussioni sull’immigrazione.

  3. Scritto da Gaetano Bresci

    il primo leghista che mi chiede aiuto per un qualsiasi motivo…sai dove lo mando?

  4. Scritto da Carlo Pezzotta

    Speriamo che non capiti a noi di diventare improvvisamente profughi!!

    1. Scritto da La verità fa male

      Sicuramente capiterà, sono i famosi “corsi e ricorsi storici”, anzi ad alcuni miei conoscenti è già capitato di dover emigrare all’estero per ragioni di lavoro, e non sono stati trattati molto meglio di come l’Italietta tratta gli immigrati. Detto questo, è pura ipocrisia e demagogia pensare che l’Italia da sola può farcela ad accogliere tutti i migranti e gli sfortunati della terra, quindi o la U.E. interviene e dà una mano (con i fatti non a parole) oppure la U.E. è meglio che taccia

  5. Scritto da federico

    i clandestini si accolgono da sè, se no che clandestini sarebbero se fossero noti? nel caso siano noti allora si tratta di profughi. a questi leghisti bisogna insegnare tutto. ok, difendete la vostra ridicola piccola patria.

    1. Scritto da Mister Bean

      Quelli che fanno demagogia becera e di basso livello sono tutti di sx. Per me il motivo è che non hanno argomenti per ribattere.
      E’ un vecchio trucco che suggeriva anche marx. Un altro era quello di impedire di parlare l’avversario, (a sx lo chiamano nemico) se questi esponeva valide argomentazioni.
      E qui di valide argomentazioni sinistre non ne vedo nemmeno una.
      Pietosi.

      1. Scritto da federico

        e quali sarebbero le valide argomentazioni? da quando la lega “argomenta”? mettere insieme clandestini e profughi è fare demagogia becera. e si peggiora con i richiami alla difesa di una comunità insignificante.