BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Imprese edili e immobiliari E’ strage tra i fallimenti: 6 su 9 in una settimana

Sono nove i fallimenti nella settimana dal 14 al 20 luglio 2014. Di queste nove, sei sono imprese edili e immobiliari. Il dato dimostra ancora una volta quanto il comparto dell'edilizia sia in crisi in Bergamasca. Nello stesso periodo sono state depositate 49 richieste di cancellazione al Registro Imprese della Camera di Commercio di Bergamo a fronte di 43 nuove iscrizioni di società che hanno debuttato.

Sei su nove imprese – pari a circa il 75 % – che hanno dichiarato fallimento nella settimana dal 14 al 20 luglio sono legate al mondo delle costruzioni. Il dato è significativo perché dimostra, se ancora ce ne fosse bisogno, di quanto il mondo dell’edilizia fatichi in questo periodo di crisi. I dati sono stati resi noti dalla Camera di Commercio di Bergamo.

Nella settimana dal 14 al 20 luglio hanno dichiarato fallimento: L’Elite Srl di Treviglio (costruzioni edili); Colombelli Lino di Verdello (impresa edile); Set Immobiliare Srl di Treviglio (valorizzazione e vendita immobili); Alta Italia Immobiliare Srl di Gorlago (acquisto, vendita e permuta immobili); Residence Marta Srl di Osio Sotto (acquisto, vendita e permuta immobili); Thermoidraulica Giugno Srl di Azzano San Paolo (installazione impianti di riscaldamento e di climatizzazione); Relux Srl di Castel Rozzone; Rvb System Srl di Bergamo e Leo Costruzioni e Ristrutturazioni Srl di Romano di Lombardia (costruzione in proprio o su appalto, ristrutturazione di immobili).

Nello stesso periodo considerato – dal 14 al 20 luglio – le imprese che hanno chiesto la cancellazione (e quindi la chiusura) sono state 49 a fronte delle iscrizioni (nuove ditte) che sono state 43.

Un saldo negativo dall’inizio dell’anno che rileva quanto il mondo imprenditoriale e dell’economia in genere stia vivendo ancora diverse difficoltà.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alberto

    La crisi è finita, un grazie di cuore ai governi tènnnnici e all’ebetino per averci tirato fuori da questa brutta situazione!

    1. Scritto da Ginger

      Non c’è mai stato il pericolo di una crisi , c’è stato il pericolo di FALLIMENTO di un’intera nazione. Questo per tua informazione.

  2. Scritto da il polemico

    se ti piace cosi tanto il verde,abbattiamo la tua casa,cosi recuperiamo un po di prato e ci facciamo tranquillamente il pic-nic..o la tua casa non occupa il verde?.poi perchè devo andare in un appartamento ristrutturato se lo voglio nuovo.la politica dell’obbligare la gente ad andare a vivere dove vuole il governo ha gia fallito ai yempi del ocminismo,e ora lo rivogliamo?e controlla il costo tra una ristrutturazione e un nuovo,con tutti i vincoli storici che devono sottostare

    1. Scritto da Mah !?

      Sei vero o sei un’invenzione elettronica che mette insieme frasi a caso ?

  3. Scritto da rachele

    lo stato è stato fatto fallire per portare avanti gli interessi del nanociarlatano.ma a te hanno spiegato tutt altro e hai la mente talmente ridotta da crederci

  4. Scritto da il polemico

    è da 3 anni che i governi a maggioranza pd se ne fregano,del problema.preferiscono fare cassa subito con imu e tasi,piuttosto che cercare di risollevare l’intero settore.nel frattempo l’edile e l’indotto hanno perso quasi 1 milione di posti di lavoro,che comunque per un pò saranno a carico dello stato,ma poi quando non ci saranno piu i soldi per pagare le tasse,vediamo che si inventeranno sti farlocchi….come fare fallire uno stato solo per compiacere all’europa….

    1. Scritto da Povero Polemico

      Polemico , quando ti metterai in testa che questa NON è una crisi dell’edilizia ma è la situazione normale che avremo davanti nei prossimi tanti anni ? Dopo aver mangiato in poco più di un decennio oltre il 20% del territorio italiano , tenuto in piedi fasullamente il mercato dell’edilizia con l’immigrazione , essere pieni di appartamenti e capannoni invenduti DOVE vuoi andare ? C’è una buona politica delle ristrutturazioni (inventata dal centrosinistra) , per cui ringrazia il cielo …..

      1. Scritto da il polemico

        però hai ragione,zingonia ha moltisismi appartamenti vuoti,non capisco perchè la gente preferisce costruire altrove piuttosto che abitare in quella zona…valli a capire

        1. Scritto da Povero Polemico

          Pensa che non c’è neppure bisogno di commentarti .