BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pantani, non fu suicidio: costretto a bere cocaina e con questa ucciso

La Gazzetta dello Sport sabato mattina annuncia a tutta prima pagina una notizia clamorosa: Marco Pantani non si è suicidato dieci anni orsono, ma è stato ucciso, costretto a bere cocaina.

La Gazzetta dello Sport sabato mattina annuncia a tutta prima pagina una notizia clamorosa: Marco Pantani non si è suicidato dieci anni orsono, ma è stato ucciso, costretto a bere cocaina. 

La svolta arriva dalla Procura di Rimini che ha riaperto l’inchiesta sulla morte del fuoriclasse di Cesenatico: Pantani non sarebbe stato solo in quella maledetta camera d’albergo il 14 febbraio del 2004.

Chi era con lui l’avrebbe ucciso: "Omicidio con alterazione del cadavere e dei luoghi" è la nuova ipotesi della Procura.

Marco Pantani, dunque, sarebbe stato picchiato e costretto a bere la cocaina mentre era nella propria stanza d’albergo. Questa è la nuova ipotesi dell’inchiesta condotta dal procuratore capo di Rimini, che ha accolto l’esposto della famiglia Pantani. Pesano le conclusioni della nuova perizia realizzata dal professore Avato, secondo la quale le grandi quantità di stupefacente trovate nel corpo di Pantani si possono assumere solo se diluite in acqua.

Il fascicolo è stato affidato al pm Elisa Milocco ed è coperto, comprensibilmente, dal segreto più assoluto. Di quell’incartamento nei corridoi roventi della procura, si sa solo che è stato iscritto nel registro delle notizie di reato, e che non ci sono persone indagate, ma è presumibile che molto presto ce ne saranno.

Scavando un po’, si riesce a scoprire anche un altro dettaglio decisivo per comprendere i contorni di una notizia che riscrive un pezzo della storia dello sport italiano, e cioè che tutto origina dalle indagini difensive di cui Tonina Pantani, la mamma di Marco, ha incaricato, quasi un anno fa, l’avvocato Antonio De Rensis. "Sono certa che mio figlio sia stato ucciso", ha sempre ripetuto la donna, ma le sue dichiarazioni sono state viste come sfoghi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da roberta

    Che tempistica curiosa… Nibali vince il Tour de France e il giorno dopo i parenti di Pantani tirano fuori questa storia. Non è che magari qualcuno teme di veder offuscato il proprio mito?

    1. Scritto da paolot

      O i proventi dei diritti sullo sfruttamento dell’immagine, magari

      1. Scritto da italo

        complimentoni per la comprensione e la solidarietà ai familiari di pantani!!! raro esempio di umanità degno di certi sindaci che si infuriano perchè delle “ragazzine sprovvedute” sono state rapite mentre si impegnavano ad aiutare persone sfortunate; bravi davvero !!!

  2. Scritto da Alberto

    Ma la magistratura è intoccabile per definizione…

  3. Scritto da mao

    Le colpe le ha chi l’ha bloccato al Giro D’Italia dopo la tappa a Madonna Di Campiglio, da li e partita la rovina Del Pirata,

  4. Scritto da oettam

    Attenzione ai sesti sensi delle madri…. potrebbe aver ragione.
    Marco è stato e sarà sempre un grande.

  5. Scritto da Cris

    Di certo e ‘ che pantani quando scattava ci facevaemozionare .il resto avanza

  6. Scritto da provocatore

    lo hanno costretto altrimenti lo ammazzavano

  7. Scritto da GIUSY

    E ke sia gatta giustizia al GRANDE MARCO ..una volta x tutte..

  8. Scritto da Telenovela

    Dopo 10 anni ricomincia una nuova telenovela.
    Italia, paese dei balocchi