BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Verso Expo 2015” Da Sarnico al via un tour per le province lombarde

Ha preso il via da Sarnico un viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo Milano 2015, voluto dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) e dalla Regione.

Ha preso il via giovedì 1 agosto da Sarnico un tour per le province lombarde in preparazione di Expo 2015. Il viaggio, che prosegue fino a domenica 3 agosto, è cominciato in occasione del “Sarnico Busker Festival – Festival Internazionale degli Artisti di Strada”.

Si tratta di un percorso che attraversa le 12 province lombarde che si preparano ad Expo Milano 2015, voluto dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (Fesr) e da Regione Lombardia. Un itinerario, della durata di circa 3 mesi durante il quale i cittadini potranno scoprire progetti di ricerca, sviluppo, innovazione tecnologica ed energetica, progetti di mobilità sostenibile e di tutela e valorizzazione del patrimonio naturale e culturale realizzati mediante il programma operativo regionale (Por) per dare attuazione al fondo europeo per lo sviluppo regionale (Fesr), nell’ambito dell’obiettivo comunitario “Competitività regionale e Occupazione”.

La Lombardia oggi è una regione tecnologicamente avanzata, sostenibile. Una regione in cui è più facile connettersi alla rete, muoversi e fare impresa; un territorio il cui immenso patrimonio culturale e naturalistico è valorizzato e tutelato, pronto per essere goduto da cittadini e turisti in vista di Expo Milano 2015.

Mediante il Fesr la commissione europea mira a consolidare la coesione economica e sociale dell’Unione. All’interno del Por Fesr, Regione Lombardia ha identificato le priorità strategiche e gli obiettivi da perseguire nel ciclo di programmazione 2007-2013 e ha definito le iniziative da finanziare a sostegno della competitività del sistema economico e dei territori.

Tutti i progetti finanziati tramite il Por Fesr sono quindi volti a favorire la crescita del territorio e la sua competitività economica, tecnologica, infrastrutturale, culturale e ambientale. Questo significa che ogni progetto finanziato e realizzato porta dei benefici sull’intero territorio regionale e a tutti i cittadini lombardi. Il Por Fesr Lombardia si sviluppa su quattro Aree prioritarie di intervento, articolate in altrettanti assi:

– Asse 1 – Innovazione ed economia della conoscenza. Lo scopo dell’Asse 1 è quello di consolidare il posizionamento della Regione Lombardia in termini di competitività e innovazione rispetto alle più avanzate economie europee. Per fare ciò sostiene: gli investimenti in ambito di ricerca e sviluppo e innovazione tecnologica delle imprese lombarde, la crescita collaborativa e innovativa delle imprese e, infine, gli interventi ICT in zone affette da digital divide. Nell’ambito dell’Asse 1 sono stati finanziati quasi 1.300 progetti in tutta la Lombardia, per un totale di oltre 300 milioni di euro di finanziamenti pubblici assegnati e quasi 800 milioni di euro di investimenti attivati.

– Asse 2 – Energia. L’Asse 2 si pone come obiettivo quello di sostenere: l’incremento della produzione energetica da fonti rinnovabili, lo sviluppo della cogenerazione, la riduzione dei consumi energetici e il miglioramento dell’efficienza energetica. Nell’ambito dell’Asse 2 sono state attivate in tutta la regione iniziative relative a: risparmio energetico nell’illuminazione pubblica, miglioramento dell’efficienza energetica dei sistemi di climatizzazione degli edifici pubblici, reti di teleriscaldamento, che hanno portato al finanziamento di 268 progetti, per un totale di quasi 50 milioni di euro di finanziamenti pubblici assegnati.

– Asse 3 – Mobilità sostenibile. L’Asse 3 si pone come obiettivo quello di incrementare la mobilità sostenibile delle persone attraverso l’integrazione modale e la diffusione di forme di trasporto a ridotto impatto ambientale, implementare le reti infrastrutturali secondarie per un trasporto merci efficiente, flessibile, sicuro e sostenibile dal punto di vista ambientale. Nell’ambito dell’Asse 3 sono state attivate iniziative relative a diversi aspetti della mobilità sostenibile (intermodalità passeggeri e merci e riduzione impatti ambientali nella mobilità urbana ed interurbana) nell’intera Lombardia. Sono stati finanziati 84 progetti per un totale di oltre 100 milioni di euro di finanziamenti pubblici assegnati.

– Asse 4 – Tutela e valorizzazione del patrimonio naturale e culturale. L’Asse 4 si pone come obiettivo quello di valorizzare il patrimonio culturale e ambientale, attraverso interventi di riqualificazione di aree di pregio naturale e culturale, in modo da favorirne la messa in rete in funzione della fruibilità turistica. L’Asse 4 ha finanziato 16 PIA (Progetti Integrati d’Area) in tutta la regione, anche dedicati a interventi sui Navigli e alla valorizzazione di itinerari turistici nei territori afferenti all’area Expo. I finanziamenti pubblici assegnati complessivamente sono pari a circa 70 milioni di euro.

Il tour tocca con un truck dotato di immagine coordinata dodici cittadine distribuite su tutto il territorio lombardo. All’interno del truck verranno posizionati totem interattivi tramite cui consultare i progetti realizzati in tutto il territorio lombardo.

Per il programma aggiornato visitare: www.fesr.regione.lombardia.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da don marcello fumagalli

    Spero che qualcosa si muova ora, perché per la Canonizzazione di Papa Giovanni XXIII non si è fatto nulla a CELANA da parte di quelli che contano!!Speriamo che quelli del Palazzo Curiale Bg non si lascino sfuggire anche questa occasione dell’EXPO,Hanno infatti chiuso una parte consistente di quello che fu il COLLEGIO DI CELANA!Faranno ancora ACCOGLIENZA??don marcello già vice rettore del collegio celana e parroco